cerca CERCA
Mercoledì 19 Giugno 2024
Aggiornato: 23:08
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Papa: "Popolo martoriato, soffre per crimini guerra"

"Preghiamo per loro"

(Afp)
(Afp)
19 marzo 2023 | 12.44
LETTURA: 2 minuti

"Fratelli e sorelle, non dimentichiamo di pregare per il martoriato popolo ucraino che continua a soffrire per i crimini della guerra". E' l'invito di Papa Francesco al termine dell'Angelus. "Come il cieco, sappiamo vedere il bene ed esser grati per i doni che riceviamo? Testimoniamo Gesù oppure spargiamo critiche e sospetti? Siamo liberi di fronte ai pregiudizi o ci associamo a quelli che diffondono negatività e pettegolezzi? Siamo felici di dire che Gesù ci ama e ci salva oppure, come i genitori del cieco nato, ci lasciamo ingabbiare dal timore di quello che penserà la gente? E ancora, come accogliamo le difficoltà e le sofferenze degli altri? Come maledizioni o come occasioni per farci vicini a loro con amore?".

LE DIFFICOLTA' DELLA VITA - "Chiediamo la grazia di stupirci ogni giorno dei doni di Dio e di vedere le varie circostanze della vita, anche le più difficili da accettare, come occasioni per operare il bene, come ha fatto Gesù col cieco. La Madonna ci aiuti in questo, insieme a San Giuseppe, uomo giusto e fedele". "Quando Gesù ti guarisce, ci guarisce, ci ridona dignità. La dignità della guarigione di Gesù, una dignità piena che esce da fondo del cuore, che prende tutta la vita" ha detto Bergoglio durante l'Angelus commentando, anche a braccio, la pagina del Vangelo in cui Gesù ridona la vista a un uomo cieco dalla nascita. "E lui di sabato, davanti a tutti, lo ha liberato e gli ha donato la vista senza chiedergli nulla, nemmeno un grazie, e lui ne rende testimonianza. Questa - ha aggiunto - è la dignità di una persona nobile, di una persona che si sa guarita e rinasce nella vita". "Come il cieco, sappiamo vedere il bene ed esser grati per i doni che riceviamo? Mi domando come è la mia dignità, come è la tua? Come accogliamo le persone che hanno tante limitazioni nella vita, siano fisiche, come il cieco, o sociali come i mendicanti che troviamo per la strada? Le accogliamo come maledizioni o come occasioni per farci vicini a loro con amore? Fratelli e sorelle, chiediamo oggi la grazia di stupirci ogni giorno dei doni di Dio e di vedere le varie circostanze della vita, anche le più difficili da accettare, come occasioni per operare il bene, come ha fatto Gesù col cieco".

ECUADOR - "Cari fratelli e sorelle, ieri in Ecuador un terremoto ha causato morti, feriti e ingenti danni. Sono vicino al popolo ecuadoriano e assicuro la mia preghiera per i defunti e per tutti i sofferenti".

FESTA DEL PAPA' - "Oggi facciamo gli auguri a tutti i papà, che in San Giuseppe trovino il modello, il sostegno, il conforto per vivere bene la paternità" ha detto Papa Francesco la termine dell'Angelus invitando poi al 'padre nostro'.

MARATONA DI ROMA - "Saluto i partecipanti alla Maratona di Roma, mi congratulo perché con il sostegno di Athletica Vaticana fate di questo evento sportivo un'occasione di solidarietà per i più poveri" conclude il Papa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza