cerca CERCA
Sabato 25 Maggio 2024
Aggiornato: 23:45
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Russia rivendica progressi in guerra: l'analisi

Mosca annuncia passi avanti sulla riva del Dnipro. Esperti e analisti

Soldati russi
Soldati russi
21 febbraio 2024 | 16.07
LETTURA: 2 minuti

La Russia ha conquistato Avdiivka e punta verso Ovest. Intanto, Mosca ammassa truppe nella regione di Zaporizhhia nel sud dell'Ucraina e rivendica passi importanti sulla riva sinistra del Dnipro. E' proprio così? Sebbene il trend della guerra sembri favorevole alla Russia, vengono messi in discussione i risultati rivendicati dal ministro della Difesa, Sergei Shoigu, nell'incontro con il presidente Vladimir Putin.

In particolare, l'Isw - think tank americano che monitora il conflitto - smentisce che le forze russe abbiano riconquistato Krynky, l'area sulla riva sinistra del fiume Dnipro dove gli ucraini hanno stabilito una testa di ponte. Shoigu ha annunciato ieri a Putin di aver ripreso il controllo di Krynky, ma il think tank americano scrive di "non aver osservato nessuna prova visiva di recenti avanzate russe" vicino Krynky.

Inoltre, si legge, la portavoce del comando meridionale ucraino, Natalia Humenyuk ha affermato che le forze di Kiev continuano ad espandere gradualmente la loro testa di ponte. Mentre il 19 e 20 febbraio milblogger russi hanno riferito di regolari scontri di posizione nell'area senza segnalare nessuno successo delle forze di Mosca.

Secondo l'Isw, il Cremlino ha prematuramente rivendicato la presa di Krynky nell'ambito dello sforzo propagandistico in vista delle elezioni presidenziali di marzo.

Nelle stesse ore il capo dell'intelligence militare ucraina, Kyrylo Budanov dice certo che i russi non abbiano la capacità di raggiungere il loro obiettivo di conquistare l'intero territorio degli oblast di Donetsk e Luhansk entro la fine dell'anno.

"Non ne hanno la forza", afferma Budanov in una intervista al Wall Street Journal dopo che gli ucraini sono stati costretti a ritirarsi da Avdiivka. Il capo dell'intelligence ammette le difficoltà delle forze ucraine, che non possono competere con i russi per quanto riguarda il numero di armi e di uomini. Tuttavia, sottolinea, "anche la Russia ha dei problemi" perché il suo esercito professionale è stato ampiamente distrutto nel primo anno di guerra e Mosca deve ora utilizzare in attacchi suicidi coscritti non addestrati. Inoltre Budanov ritiene che le forze russe usino più proiettili d'artiglieria di quanti riescano a produrre.

Quanto alla presa di Avdiivka, Budanov sottolinea che forze russe hanno iniziato ad attaccare la città già nel 2014 e che ci sono voluti due anni per catturarla dopo l'invasione di febbraio 2022. "Si può dire questo un successo per il grande, potente esercito russo?", si domanda.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza