cerca CERCA
Sabato 20 Aprile 2024
Aggiornato: 00:03
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Zelensky a Londra. Gb: "A Kiev centinaia di missili e droni militari"

15 maggio 2023 | 07.43
LETTURA: 5 minuti

Il presidente ucraino "l'amico Rishi" Sunak. Ieri la visita in Germania e Francia

(Afp)
(Afp)

La Gran Bretagna consegnerà all'Ucraina centinaia di nuovi droni militari a lungo raggio, in grado di coprire una distanza di oltre duecento chilometri. Lo rende noto il governo britannico mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato a Londra per una visita a sorpresa con il premier Rishi Sunak.

"Oggi il primo ministro confermerà l'ulteriore fornitura da parte del Regno Unito di centinaia di missili di difesa aerea e ulteriori sistemi aerei senza pilota, tra cui centinaia di nuovi droni d'attacco a lungo raggio con una portata di oltre 200 chilometri", si legge in un comunicato del governo di Londra. "Questi saranno tutti consegnati nei prossimi mesi mentre l'Ucraina si prepara a intensificare la sua resistenza all'invasione russa in corso", prosegue il testo.

''Oggi Londra. Il Regno Unito è un leader quando si tratta di aumentare le nostre capacità a terra e in volo. Questa collaborazione continuerà oggi. Incontrerò il mio amico Rishi. Condurremo negoziati sostanziali faccia a faccia e nelle delegazioni'', ha scritto il presidente ucraino in un post su Twitter.

"Bentornato, Zelensky", twitta Sunak twitta che pubblica una foto in cui abbraccia il presidente ucraino, arrivato a bordo di un elicottero militare ai Chequers, residenza di campagna del premier britannico.

Il governo britannico non ha piani per l'invio di caccia in Ucraina, ha poi chiarito un portavoce del premier citato da SkyNews. I militari ucraini hanno indicato che preferirebbero usare gli F-16, ha dichiarato al termine del colloquio tra Sunak e Zelensky. "Saprete che la Raf non li usa", ha concluso, alludendo all'uso di Typhoon e F-35 da parte delle forze britanniche. "Ovviamente, credo, stanno trattando con altri paesi che usano gli F-16, e noi lavoriamo con quei paesi".

Intanto ieri la Francia ha promesso nuovi aiuti militari a Kiev durante l'annunciato viaggio del presidente ucraino a Parigi. Una dichiarazione congiunta Ucraina-Francia, pubblicata dall'Eliseo, afferma che saranno preparate nuove forniture per far fronte alle necessità più urgenti e immediate per rafforzare le difese contro la Russia. Nella dichiarazione si afferma inoltre che Parigi continuerà ad aiutare Kiev a difendersi, "concentrando i suoi sforzi nel sostenere le capacità di difesa aerea dell'Ucraina per difendere la popolazione dagli attacchi russi". La dichiarazione è stata rilasciata dopo una cena di lavoro di tre ore tra il presidente francese Emmanuel Macron e Zelensky, che ha fatto un viaggio a sorpresa in Francia dopo aver visitato la Germania e l'Italia.

La Francia "addestrerà ed equipaggerà" diversi battaglioni ucraini "con dozzine di veicoli corazzati e carri armati leggeri, tra cui Amx-10rc", si legge ancora nel comunicato dell'Eliseo. "Il supporto militare fornito dalla Francia dall'inizio della guerra per consentire all'Ucraina di difendersi continua e si stanno preparando nuove consegne considerate le esigenze più urgenti e immediate dell'Ucraina", prosegue il testo.

La Francia sta concentrando i suoi "sforzi nel sostenere le capacità di difesa aerea dell'Ucraina", sottolinea la dichiarazione congiunta. "Ucraina e Francia concordano sulla necessità di aumentare la nostra pressione collettiva sulla Russia attraverso nuove sanzioni al fine di indebolire la capacità di questo Paese di continuare la sua guerra illegale di aggressione", dichiarano i due Paesi.

"Il futuro dell'Ucraina e del suo popolo risiede nella famiglia europea. L'Unione europea ha già riconosciuto la prospettiva europea dell'Ucraina e le ha concesso lo status di Paese candidato", si legge ancora nel comunicato, che aggiunge che la Francia "attende con interesse il rapporto di la Commissione europea ad avviare i negoziati di adesione". La Francia ribadisce, in questo testo, il diritto dell'Ucraina a scegliere le proprie disposizioni di sicurezza e vuole aiutare "l'Ucraina a continuare il suo cammino verso la famiglia euro-atlantica", si legge.

Dopo essere atterrato in un aeroporto militare vicino alla capitale francese, Zelensky è stato accolto dal primo ministro francese Élisabeth Borne e dal ministro degli Esteri Caterina Colonna.

Questa è stata la seconda visita del leader ucraino a Parigi dall'inizio della guerra, dopo l'incontro con Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz nella capitale francese a febbraio. Durante quell'incontro, Zelensky aveva chiesto ulteriore assistenza militare per il suo Paese. All'epoca Macron disse che la Francia era "determinata ad aiutare l'Ucraina a vincere".

L'ultimo viaggio di Zelensky al di fuori dell'Ucraina lo ha portato a Roma, Berlino e nella città tedesca occidentale di Aquisgrana, a meno di 400 chilometri a nord-est di Parigi, dove domenica ha ricevuto il prestigioso premio Carlo Magno, assegnato a lui e al popolo ucraino per i loro sforzi nel contrastare l'attacco russo su larga scala al loro Paese. Il Premio Carlo Magno, un riconoscimento non monetario e in gran parte simbolico, è stato istituito nel 1950 per celebrare gli sforzi verso l'unificazione europea.

"Questo è l'ennesimo riconoscimento del fatto che il nostro popolo sta difendendo la libertà - la propria e quella di tutta l'Europa - e sta rafforzando l'unità europea", ha dichiarato Zelensky in un tweet.

Durante la sua visita a Berlino, Zelensky ha ringraziato la Germania per il sostegno fornito finora, chiedendo anche un supporto per quanto riguarda la consegna dei jet da combattimento, una questione controversa tra gli alleati occidentali di Kiev. Durante i colloqui con Scholz, Zelensky ha chiesto il sostegno tedesco per assicurarsi moderni jet da combattimento, affermando che l'Ucraina sta lavorando per "creare una coalizione di jet da combattimento".

"È un segnale forte darle il benvenuto qui a Berlino oggi", ha dichiarato il cancelliere tedesco Olaf Scholz all'inizio della conferenza stampa tenuta a Berlino con il presidente ucraino. "Non stiamo allentando il nostro sostegno", ha proseguito Scholz alludendo al nuovo pacchetto di aiuti del valore di 2,7 miliardi di euro. Scholz ha ribadito l'intenzione di sostenere l'Ucraina "finché sarà necessario". Anche gli aiuti militari e umanitari saranno "garantiti nei prossimi anni", ha detto Scholz. La Germania è pienamente solidale con il popolo ucraino: "Di fronte all'orrore, alla palese ingiustizia, ci stiamo avvicinando ancora di più".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza