cerca CERCA
Giovedì 13 Giugno 2024
Aggiornato: 21:51
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Elezioni europee, ipotesi soglia al 3%: ok Fratelli d'Italia, opposizioni divise

Prima dell'estate avanzate richieste per un abbassamento da alcune forze politiche, Fdi "non è contraria ma al momento non c'è alcuna proposta sul tavolo". I sospetti dem dopo l'annuncio di Renzi

Seggio elettorale - Fotogramma
Seggio elettorale - Fotogramma
04 settembre 2023 | 21.44
LETTURA: 3 minuti

Non esiste una proposta della maggioranza per abbassare la soglia di sbarramento alle europee dal 4 al 3%. Ma sul tema, Fdi non ha preclusioni. Si apprende da fonti della maggioranza. "Nessun blitz e nessun accordo già chiuso", puntualizzano le stesse fonti che riferiscono come prima dell'estate siano arrivate richieste da parte di alcune forze politiche, da 'Noi moderati' di Maurizio Lupi a Verdi-Sinistra, per un intervento sulla soglia di sbarramento. "Fdi non è contraria ma al momento non c'è alcuna proposta sul tavolo", si ribadisce.

Se l'ipotesi non incontra lo sfavore di FdI, tanto basta per dividere il fronte delle opposizioni. Angelo Bonelli all'Adnkronos conferma che da parte di Avs è stata avanzata la richiesta per "una valutazione sull'uniformità degli sbarramenti visto che alle politiche la soglia è al 3% mentre alle europee è al 4%. So che la maggioranza si è riunita -dice il leader dei Verdi all'Adnkronos- per discutere di questo ma non conosco l'esito della discussione nè se e quando ci sarà un testo. Se ci sarà un testo, lo valuteremo".

Dal Pd il responsabile Riforme della segreteria Schlein, Alessandro Alfieri, non entra nel merito dell'eventuale riforma: "Siamo abituati a commentare le proposte di governo e maggioranza quando sono in Parlamento. Abbiamo avuto delle interlocuzioni con la maggioranza sulle riforme ma non abbiamo mai avuto segnali sul tema dello sbarramento alle europee. Sono temi delicati che richiedono un largo consenso", mette in chiaro Alfieri.

Ma tra i dem c'è anche chi registra una dinamica 'sospetta' nella giornata di oggi. Che parte dall'annuncio di Matteo Renzi di candidarsi alle europee. "Ci metto il cuore e la faccia", ha detto l'ex-premier che correrà nella circoscrizione Nord Ovest con il dichiarato obiettivo di togliere consensi a Forza Italia e Pd, oltre che ovviamente ad Azione di Carlo Calenda. La sfida è quella di superare la soglia del 4%, necessaria per le elezioni europee. Poi arriva l'indiscrezione sull'ipotesi di abbassare al soglia al 3%. Una riforma che renderebbe la riuscita dell'operazione lista 'Centro' di Renzi più a portata e che sarebbe in gestazione al Senato.

Ma da Iv, con la fedelissima dell'ex-premier Raffaella Paita insieme al capogruppo al Senato, Enrico Borghi, arriva lo stop. "Se il retroscena di Repubblica secondo cui la maggioranza vorrebbe abbassare la soglia di sbarramento per le europee al 3% fosse confermato, Italia Viva si opporrà. Lo sbarramento deve restare al 4%. Quando un progetto è credibile, non si deve avere paura del voto dei cittadini", dice Paita. E Borghi: "Non ci interessano giochi di palazzo per le prossime elezioni europee. Per noi lo sbarramento deve restare quello fissato dalla legge. È un cattivo costume modificare le regole del gioco a ridosso delle consultazioni elettorali".

La tempestività dello 'smarcamento' di Iv desta più di un sospetto tra i dem che adombrano l'ipotesi di uno scambio tra renziani e maggioranza visto il precipitarsi di Iv a tenersi fuori dalla questione non appena uscita l'indiscrezione. "Come si dice: excusatio non petita, accusatio manifesta...".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza