cerca CERCA
Sabato 25 Maggio 2024
Aggiornato: 17:04
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Elezioni Sardegna, Tajani: "Per il governo non cambia nulla"

Fonti di Fratelli d'Italia all'Adnkronos: "Aspettiamo fino all'ultimo voto"

Antonio Tajani - Fotogramma
Antonio Tajani - Fotogramma
26 febbraio 2024 | 21.24
LETTURA: 3 minuti

"Aspettiamo fino all'ultima scheda dell'ultima sezione....". Fonti di Via della Scrofa, parlando con l'Adnkronos, fanno sapere che la partita delle regionali in Sardegna per Fratelli d'Italia può dirsi chiusa soltanto in presenza di un dato definitivo, certo, inappellabile. Il lungo scrutinio che sta accompagnando il day-after del voto nell'Isola - condito dalle polemiche per i ritardi nelle comunicazioni dei risultati - consegna un testa a testa tra la candidata del campo progressista, la pentastellata Alessandra Todde, e il sindaco Fdi di Cagliari Paolo Truzzu, frontman del centrodestra fortemente voluto dalla premier Giorgia Meloni al posto del governatore uscente Christian Solinas.

In vantaggio la candidata del centrosinistra, che incassa un ottimo risultato a Cagliari, Sassari e nella suo Nuoro. Per quanto riguarda il voto delle liste, il Partito democratico e Fratelli d'Italia sono al momento appaiati intorno al 14%, mentre Forza Italia doppia la Lega di Matteo Salvini. Credono nella vittoria il leader del M5S Giuseppe Conte e la segretaria dem Elly Schlein, che infatti nel pomeriggio partono per raggiungere Cagliari dove seguiranno la fase finale dello spoglio. Nel centrodestra si respira invece un clima più teso, anche se ufficialmente la linea è quella della massima prudenza.

Uscendo da Palazzo Chigi dopo il Consiglio dei ministri, il segretario di Forza Italia Antonio Tajani predica calma nel commentare i dati parziali del voto in Sardegna, ma rimarca come dall'esito della consultazione non ci saranno ripercussioni sulla navigazione della coalizione di governo: "Aspettiamo i risultati definitivi", ma in ogni caso "non cambia nulla" dal punto di vista degli equilibri "né nella maggioranza, né nel governo". "Siamo tutti tranquillissimi, nessuno è nervoso", assicura il ministro degli Esteri, che aggiunge: "Andiamo avanti per vincere in Abruzzo e in Basilicata dove sono assolutamente convinto che il candidato sarà Bardi". Sulla stessa lunghezza d'onda il leader di Noi Moderati Maurizio Lupi: "Per una valutazione definitiva attendiamo l'esito del testa a testa in Sardegna. In ogni caso il voto non avrà ripercussioni sul governo e sulla maggioranza". Tuttavia secondo Lupi "potrà essere utile uno spunto di riflessione".

I primi campanelli d'allarme nel centrodestra sono suonati in tarda mattinata, quando i primi dati dello spoglio sembravano suggerire una affermazione molto più netta della Todde: "Con tutte le cautele del caso, la tendenza non mi pare positiva. Il candidato individuato al posto del presidente uscente non ha ribaltato un giudizio sulla giunta non positivo. Noi abbiamo preso una decisione che era molto difficile: Truzzu, sindaco di Cagliari, nella classifica dei sindaci del Sole 24 Ore, non slittava ai primi posti. Penso che bisognerà riflettere", le parole consegnate dal capogruppo di Forza Italia al Senato, Maurizio Gasparri, ai microfoni di La7. L'azzurro ha poi aggiunto: "Ci può essere un giudizio sull'amministrazione locale, non c'è un giudizio che riguarda un dato generale che vede il centrodestra governare saldamente per l'intera legislatura. Capisco che l'opposizione si ringalluzzisca, ma poi rischiano di andare incontro - come successo ieri a Conte - a situazioni nelle quali vanno per suonare e vengono suonati".

Nel pomeriggio la rimonta di Truzzu, prima dell'allungo di Todde in serata. In casa Fdi c'è chi attribuisce la causa del mancato exploit di Truzzu al malcontento per il governo uscente targato Solinas, l'uomo di Matteo Salvini sull'Isola che Fdi non ha voluto ricandidare: "Paghiamo il fatto che forse, in cinque anni, non abbiamo governato proprio brillantemente", ha detto chiaro e tondo il deputato sardo di Fratelli d'Italia Salvatore Deidda: "Io sono sempre ottimista, la partita si gioca fino all'ultima sezione. Mi aspettavo questo risultato a Cagliari, sapevo che non sarebbe stata una passeggiata", ha proseguito il presidente della Commissione Trasporti commentando il voto del capoluogo che ha 'punito' il suo sindaco. Nel partito di Meloni i sospetti di molti si addensano sulla Lega e sulla possibilità che il Carroccio abbia utilizzato il voto disgiunto come 'arma' per punire Truzzu nel segreto dell'urna. La notte è ancora lunga, ma chiuse le urne in Sardegna la vera partita per il centrodestra comincia a Roma.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza