cerca CERCA
Lunedì 17 Giugno 2024
Aggiornato: 21:52
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Da Renzi a Conte, opposizioni all'attacco di Meloni

Le reazione dei leader e dei partiti di opposizione alla conferenza stampa della presidente del Consiglio

Matteo Renzi - Fotogramma
Matteo Renzi - Fotogramma
04 gennaio 2024 | 18.14
LETTURA: 4 minuti

Da Matteo Renzi a Giuseppe Conte, passando per il Pd con Elly Schlein e Carlo Calenda, opposizioni all'attacco della presidente del Consiglio Giorgia Meloni dopo le parole pronunciate dalla premier in conferenza stampa.

Renzi: "Mai sentite tante bugie tutte insieme"

"Ho visto la conferenza stampa di Giorgia Meloni. Mai sentite così tante bugie tutte insieme". Lo scrive sui social il leader di Italia Viva Matteo Renzi. "La premier dice che lei non ha aumentato le tasse: evidentemente le accise sulla benzina e l’Iva sugli assorbenti si sono aumentate da sole. La premier dice che bisogna conciliare la maternità con il lavoro però nel frattempo aumenta l’Iva sui pannolini e sui prodotti per i bambini. La premier dice che non ha mai chiesto le dimissioni degli avversari quando era al Governo eppure a me chiedeva le dimissioni una volta al mese: per le banche, Unicef, Tempa Rossa".

"La premier - continua Renzi - dice che poteva mettere sua sorella in una partecipata come fanno gli altri: gli altri chi? Forse il leader Nord Coreano fa così con la sorella. Forse. La premier dice che lei non ha problemi con la sua classe dirigente: il cognato ferma i Frecciarossa e spende milioni di euro per la sua segreteria, il pistolero spara e invoca l’immunità parlamentare, il sottosegretario alla giustizia organizza i veglioni con la polizia penitenziaria come fosse una propria falange privata. La premier dice che sull’immigrazione il clima è cambiato e infatti gli sbarchi sono aumentati del 50% alla faccia di chi come lei diceva 'Chiuderemo i porti'. Per ora stanno chiudendo solo gli occhi davanti alla realtà".

"Ora la Meloni entrerà in modalità campagna elettorale, radicalizzando su Elly Schlein e cannibalizzando Tajani e Salvini. Ma poi la realtà le presenterà il conto, cominciando dai 30 miliardi di euro che deve trovare da qui alla fine dell’anno. I bugiardi hanno questo di bello: pensano che la gente creda per sempre a quello che dicono. All’inizio è così. Poi all’improvviso la realtà emerge, tutta insieme. Buon 2024, cara Presidente Meloni. Per il prossimo anno anche meno, per favore: meno post, meno bugie e soprattutto meno tasse. Facci questo regalo: almeno togli le tasse che hai messo tu".

Pd: "Due ore senza dire nulla. Faccia i nomi e cognomi di chi ricatta"

"Oltre due ore di conferenza stampa per non dire nulla, continuare con il solito atteggiamento vittimista, con i soliti attacchi alle opposizioni, con la solita creazione di nemici immaginari, senza mai dare risposte ai problemi del Paese come la sanità e il carovita. Guida il Governo ma sembra ancora all’opposizione. Meloni, quando ci parlerai di quale futuro immagini per l’Italia? Tutto il resto è noia", così i capogruppo Pd al Senato e alla Camera Francesco Boccia e Chiara Braga, in un post pubblicato su Facebook e condiviso dalla segretaria Elly Schlein.

“La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, continua a descrivere un Paese dei balocchi - continuano - ma non ha un minimo di contezza dei problemi dell’Italia, dalla sanità al lavoro. Gravi sono le falsità che continua a raccontare. Come sempre molta propaganda e attacchi ingiustificati all’opposizione. Sarà un anno complesso ma né lei, né il suo governo, sono all’altezza di quello che ci aspetta”.

“L’evocazione da parte della Meloni di presunti condizionamenti di provenienza non meglio specificata è inquietante e sconcertante. Sia più precisa, presidente. Faccia nomi e cognomi di chi vuole ‘dare le carte’. Chiarisca se esistono episodi specifici. Metta il Parlamento e il Paese in condizione di capire e valutare sulla base di fatti concreti, non di teoremi complottisti”, scrive poi su X il senatore Antonio Misiani, responsabile economico del Pd.

Conte: "Colmo per patriota? Finire come Meloni in Ue"

"Qual è il colmo per chi si definisce 'patriota'? Fare la fine di Giorgia Meloni. Come ormai sapete la Presidente del Consiglio si è piegata a Germania e Francia per un accordo sul Patto di stabilità con cui all’Italia saranno imposti tagli e tasse per oltre 12 miliardi l’anno. Oggi finalmente in conferenza stampa non è potuta scappare dalle domande e la risposta è stata la seguente: “Sono soddisfatta - a condizioni date - dell’accordo che abbiamo fatto sul Patto di stabilità, chiaramente non è il Patto che avrei voluto io. E allora perché ha detto sì?" Lo scrive il presidente del M5S su Facebook.

"Abbiamo un grosso problema a Chigi se la premier è 'soddisfatta' per 12 miliardi di tagli che rischiano di colpire come al solito i diritti, i servizi, la sanità e così via. Per il futuro dei nostri giovani - continua Conte -abbiamo mandato a trattare in Europa una premier che dice 'signor sì' a quello che decidono altri Paesi per noi. Una Presidente che china la testa di fronte ai partner europei con la stessa solerzia con cui non fa pagare 2 miliardi di tassa sugli extraprofitti alle banche. Se c’è una 'cintura nera' di prese in giro ai cittadini quella spetta di diritto a Giorgia Meloni".

"Tre anni fa tornavamo dall'Europa con 209 miliardi per l'Italia ora ci torniamo con un'ipoteca di miliardi di tagli ogni anno. Da 'patrioti' che erano 'pronti' a tutto a nemici degli interessi dell’Italia basta poco: appena un anno di Governo", conclude.

Calenda: "Completa assenza di un progetto per l'Italia"

"Poco o nulla su ciò che è importante: sanità, salari, istruzione, Pnrr, politica industriale. Molte invettive contro la sinistra, qualche gossip, una spruzzata di influencer, due battute e molta cronaca. Si sente la più completa assenza di un progetto per l’Italia. Questa la sintesi della conferenza di Meloni. Ne abbiamo già viste di molto simili". Così su X il leader di Azione Carlo Calenda.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza