cerca CERCA
Lunedì 22 Aprile 2024
Aggiornato: 03:41
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giorgio Napolitano, funerali di Stato laici: cosa sono e come si svolgono

24 settembre 2023 | 16.57
LETTURA: 2 minuti

I precedenti di Iotti e Ingrao

Il registro alla camera ardente di Giorgio Napolitano
Il registro alla camera ardente di Giorgio Napolitano

Saranno funerali di Stato laici quelli che si celebreranno alle 11.30 di martedì 26 settembre nell'emiciclo della Camera dei deputati per il Presidente Emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, morto venerdì scorso all'età di 98 anni. Le esequie saranno trasmesse in diretta televisiva su Rai 1 e su maxi-schermi appositamente predisposti in Piazza del Parlamento.

E' la prima volta che un funerale si terrà nell'Aula di Montecitorio, mentre non è la prima volta che si svolgono esequie di Stato laiche di rappresentanti delle istituzioni. Prima di Napolitano a scegliere il rito laico furono gli ex presidenti della Camera Nilde Iotti e Pietro Ingrao le cui esequie furono celebrate all'aperto in Piazza Montecitorio.

Come si svolge un funerale laico

Ma in cosa consiste un funerale laico? L'alternativa alla funzione religiosa, prevista per chi non aderisce a nessun credo, non ha un rituale precostituito. E non essendoci un officiante a celebrarlo possono essere persone vicine al defunto. E' un momento di ricordo collettivo affidato a orazioni funebri e agli interventi di familiari, amici, colleghi e chiunque gli sia stato accanto. Al funerale di Nilde Iotti, fu lo stesso Napolitano a pronunciare una delle orazioni.

Cosa prevede il cerimoniale per le esequie di Stato

Il cerimoniale per i funerali di Stato ha però un protocollo molto rigido. L'ufficialità della cerimonia funebre - come si legge sul sito del governo - prevede: il feretro contornato da sei carabinieri in alta uniforme, o appartenenti allo stesso Corpo dello scomparso; onori militari al feretro all'ingresso del luogo della cerimonia e all'uscita; la presenza di un rappresentante del Governo; una orazione commemorativa ufficiale; altri adempimenti eventualmente disposti dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A chi spettano le esequie di Stato

Le 'esequie di Stato' spettano ai Presidenti degli organi costituzionali, anche dopo la cessazione del loro mandato, e ai ministri deceduti durante la permanenza in carica. Possono inoltre essere rese, su delibera del Consiglio dei Ministri, a personalità che abbiano offerto particolari servizi alla Patria o cittadini che abbiano illustrato la Nazione, o cittadini caduti nell'adempimento del dovere o vittime di azioni terroristiche o di criminalità organizzata.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza