cerca CERCA
Lunedì 20 Maggio 2024
Aggiornato: 10:33
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Lollobrigida: "Manzoni un patriota, Mattarella su etnia? Non ce l'aveva con me"

L'intervista a Repubblica: "Se avesse voluto riferirsi a me, avrebbe fatto in modo che lo sapessi prima"

Fotogramma
Fotogramma
23 maggio 2023 | 11.47
LETTURA: 2 minuti

"Ma no, io credo che il Presidente Mattarella, se avesse voluto riferirsi a me, avrebbe fatto in modo che lo sapessi prima". A dirlo, in un'intervista a 'la Repubblica', il ministro dell'Agricoltura e della Sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida. rispondendo alla domanda se il Capo dello Stato potesse riferirsi al ministro quando a Milano, celebrando i 150 anni dalla morte di Manzoni, ha detto che "la persona, non l'etnia, ha bisogno di protezione".

"Il 24 maggio sarò a una cena di Stato al Quirinale. Ci sarà anche il presidente dell’Angola: parleremo dell’emergenza alimentare", risponde ancora Lollobrigida. E aggiunge: "Io ascolto sempre con deferenza le parole del presidente della Repubblica, come quelle del Papa. Non penso che vadano interpretate. Altrimenti rischieremmo di strumentalizzarle".

"Io posso solo citare la figura di Alessandro Manzoni, cui il presidente Mattarella si è ispirato ieri in occasione del 150mo anniversario della morte. C’è stato un autore italiano, come colui che ha scritto i Promessi sposi, che più ha trasmesso il concetto di matrimonio e dunque di famiglia?", chiede.

Mattarella ha detto pure che "la triade Dio, Patria e famiglia", in contrapposizione ai principi della Rivoluzione francese, ovvero Libertà, eguaglianza, fraternità, è una "cesura eccessivamente schematica". "Mi limito a dire che 'Dio, Patria e famiglia' è un motto mazziniano", risponde Lollobrigida. "L’Italia, per Manzoni, è 'una d’arme, di lingua, d’altare, di memorie, di sangue e di cor'. C’era un forte contenuto patriottico nelle sue opere", ribadisce il ministro, sottolineando che "esistono autori che hanno affermato e difeso l’identità italiana. Si vuole discutere pure la tutela dell’identità? Ma quando mi soffermo io su questi temi, ormai, c’è sempre un attacco. Non ho mai parlato di razza ma di etnia, vista come raggruppamento che vede una lingua comune. Una collega del Pd, l’altro giorno, mi contestava pure l’uso della parola 'ceppo'. Devo ricordare che anche Berlinguer parlava di Trieste e di cosa rappresentasse quella città in termini etnici?". E conclude: "Io so solo che mi sono stufato di precisare in continuazione. Anzi, ho proprio rinunciato".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza