cerca CERCA
Domenica 16 Giugno 2024
Aggiornato: 13:44
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Manovra 2024, Meloni riunisce maggioranza: sul tavolo nodo risorse

Coperta corta, difficile mettere d'accordo tutti

La premier Giorgia Meloni (Fotogramma)
La premier Giorgia Meloni (Fotogramma)
25 agosto 2023 | 00.16
LETTURA: 2 minuti

Si erano visti prima della pausa estiva -lo scorso 3 agosto- e torneranno a incontrarsi alla ripresa dei lavori, ovvero lunedì 4 settembre. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha dato appuntamento ai capigruppo di maggioranza -ci saranno anche i due vicepremier Matteo Salvini e Antonio Tajani- per fare il punto sui principali dossier sul tavolo, a partire dalla manovra finanziaria, 'piatto forte' del confronto. Legge di bilancio e non solo. La premier con i presidenti dei gruppi di Camera e Senato affronterà i principali dossier sul tavolo, tornando a rimarcare l'esigenza di un maggiore coordinamento tra governo e Parlamento, come fatto prima delle vacanze estive, ma anche del blitz -che ha fatto storcere il naso a molti- sulla tassa destinata a colpire gli extraprofitti delle banche, di cui si è attribuita piena paternità.

Affinché la tabella di marcia del governo proceda spedita è necessario che la maggioranza marci come un sol uomo, impresa difficile davanti a una manovra che si profila come una coperta corta -25-30 miliardi di 'budget', di cui circa 9 miliardi destinati alla proroga del taglio al cuneo fiscale- e sulla quale grava anche l'incognita del 'restyling' del Patto di stabilità o del ritorno ai vecchi paletti pre-Covid. Impossibile accogliere tutte le richieste avanzate da ministeri e partiti. Il piatto piange e si temono contraccolpi, tanto più in un clima destinato a scaldarsi con le elezioni europee che incombono. La premier dovrà lavorare di fino, a stretto contatto col Mef capitanato da Giancarlo Giorgetti. A fine settembre il primo giro di boa, con il disco verde al Documento di economia e finanza dove verranno messe nero su bianco le poste della legge di bilancio.

Già la settimana prossima, quando a Palazzo Chigi tornerà a riunirsi il Consiglio dei ministri, si cercherà di trovare la quadra sui 'desiderata' che troveranno spazio in manovra, spegnendo i malumori sulle richieste destinate a restare inevase. Impresa non semplice, tanto più con un'opposizione già sul piede di guerra. Sui dossier economici e non solo.

Tra gli altri temi caldissimi -che potrebbero trovare spazio nella riunione di maggioranza fissata ai primi di settembre- l'emergenza migranti, il Pnrr, e il capitolo delle riforme, da quella della giustizia alle riforme costituzionali, con un occhio attento all'autonomia, battaglia cara alla Lega ma invisa a diverse frange della maggioranza. Compresa Fdi, a cui tuttavia -rispetto alla linea dell'esecutivo- non sono concesse 'sbavature' o tentennamenti.

Anche per questo la premier avrebbe affidato al fedelissimo sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovanbattista Fazzolari, il compito di 'oliare' la comunicazione tra Palazzo Chigi e via della Scrofa. Marciare come un solo uomo, giustappunto.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza