cerca CERCA
Giovedì 30 Maggio 2024
Aggiornato: 12:51
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Orban: "Ho parlato con Meloni di Salis, non posso influenzare i giudici"

Il primo ministro ungherese: "Posso solo garantire equo trattamento della detenuta". A Bruxelles Meloni e Orban hanno avuto un faccia a faccia durato circa un'ora

Viktor Orban e Giorgia Meloni in un precedente incontro (Afp)
Viktor Orban e Giorgia Meloni in un precedente incontro (Afp)
31 gennaio 2024 | 22.58
LETTURA: 2 minuti

Trattative nella notte all'Hotel Amigo di Bruxelles alla vigilia del difficile Consiglio europeo straordinario di domani. La premier Giorgia Meloni e il primo ministro ungherese Viktor Orban hanno avuto un faccia a faccia durato circa un'ora. Terminato il bilaterale con l'inquilina di Palazzo Chigi, il capo del governo di Budapest ha poi incontrato il presidente francese Emmanuel Macron. L'obiettivo dei leader europei è ammorbidire la posizione di Orban sul pacchetto di aiuti all'Ucraina: misura sulla quale l'Ungheria aveva posto il veto in occasione del Consiglio di dicembre.

Orban: "Ho parlato con Meloni di Salis, non posso influenzare i giudici"

"Ho fornito a Meloni tutti i dettagli del caso Ilaria Salis... - ha detto Orban ai cronisti - Ho chiarito che nel sistema ungherese la magistratura non dipende dal governo ma dal Parlamento. Il sistema giudiziario è totalmente indipendente dal governo. L'unica cosa che sono legittimato a fare è fornire i dettagli del suo trattamento in prigione ed esercitare un'influenza affinché abbia un equo trattamento". "Tutti i diritti sono garantiti", ha assicurato Orban a proposito delle condizioni della detenuta italiana: "Ha potuto fare delle telefonate e non è stata isolata dal mondo".

Il budget europeo? "Troppo complicato...", ha poi ironizzato il primo ministro ungherese. Al Consiglio europeo straordinario di domani sarà discussa la revisione del bilancio Ue.

Domani Consiglio europeo straordinario

Un accordo a 27 sulla revisione di medio termine del Quadro finanziario pluriennale 2021-27 dell'Ue (Qfp o Mff) non c'è ancora. La decisione di domani, con al centro gli aiuti all'Ucraina attaccata dalla Russia, è un "defining moment", un vero crocevia, in cui si vedrà che tipo di soggetto internazionale vuole essere l'Unione. L'Ungheria di Orban continua a bloccare l'intesa tra i leader Ue sulla revisione, il cui 'piatto forte' sono 50 mld di euro di aiuti all'Ucraina (33 mld di prestiti e 17 mld di sovvenzioni a fondo perduto) a lungo termine, la macroassistenza finanziaria necessaria ad assicurare il funzionamento dello Stato, impegnato in una logorante guerra difensiva contro Mosca. Uno stallo che provoca irritazione e frustrazione tra gli altri partner Ue.

Il Consiglio europeo straordinario è convocato per domattina a Bruxelles, per cercare di trovare un'intesa, dopo che nel summit di dicembre il premier ungherese, lasciando la stanza, aveva consentito ai colleghi di dare via libera, a 26, ai negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia. I contatti sono in corso, "specie tra la Commissione e l'Ungheria", dice una fonte diplomatica, ma Orban ha deciso di venire al Consiglio europeo "senza chiudere nulla prima", per affrontare i nodi direttamente nel vertice.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza