cerca CERCA
Domenica 19 Maggio 2024
Aggiornato: 10:12
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Governo, Meloni: "Sono ottimista. Un bilancio? A fine percorso"- Video

"E' una maratona, non i cento metri" dice parlando dei primi 100 giorni alla guida dell'esecutivo

(Fotogramma/Ipa)
(Fotogramma/Ipa)
29 gennaio 2023 | 15.36
LETTURA: 4 minuti

"Il bilancio di questo lavoro" a palazzo Chigi, ''che è una maratona e non sono certo i cento metri, lo voglio tirare alla fine di questo percorso. Io posso dire che sono ottimista" aggiunge Meloni in diretta sui social parlando dei primi 100 giorni alla guida del governo. "Il governo ce la sta mettendo tutta e continuerà a mettercela tutta. Con piccole iniziative necessarie, lavorando con determinazione e dedizione. Sono ottimista'' ha detto Meloni. "La situazione in Italia -ha assicurato- è molto più solida di quanto si voglia credere, di quanto dicano alcuni che magari sperano che le cose vadano male per ragioni, diciamo così, di opposizione politica... ma se poi si vanno a guardare i dati e io sono una che guarda i dati, si scopre che questa Nazione ha una grande capacità di resistere e reagire. Allora guardo quei dati e dico che le cose non vanno così male come alcuni vorrebbero o spererebbero o dicono...''.

LA SITUAZIONE DELL'ITALIA - "Non è una situazione facile'', ma " l'Italia è in una situazione più solida di quanto si voglia far credere''. "L'Italia si trova oggi in un contesto molto difficile, lo sappiamo, forse ci troviamo in una congiuntura economica che è la peggiore dal Dopoguerra. Abbiamo avuto una pandemia, c'è il conflitto in Ucraina, c'è stato l'aumento dei costi dell'energia, delle materie prime, rischiamo una crisi alimentare, c'è l'aumento dei flussi migratori".

''In questi giorni e settimane, ovviamente, abbiamo lavorato su molte altre cose, ma non ne voglio parlare fino a quando non saranno definitive e strutturali. Sia chiaro: le risposte strutturali, che non sono spot, richiedono lavoro e precisione. Io ho visto governi che avevano questa necessità di comunicare ogni giorno un'iniziativa diversa, spesso però quelle iniziative non erano soluzioni. Ecco, io vorrei lavorare sulle soluzioni''.

LO SPREAD - "Se io volessi misurare l'andamento dell'economia italiana per come è stata misurata gli ultimi anni, ovvero con lo spread, considerato il più grande metro di giudizio per valutare il nostro stato economico, negli ultimi 100 giorni lo spread è sceso da 236 a 175 punti base e la borsa italiana ha registrato un aumento del 20%. La Banca d'Italia stima che nel secondo semestre del 2023 l'economia italiana sarà in netta ripresa e che quella ripresa si stabilizzerà nel 2024-2025 e che l'inflazione tornerà a livelli accettabili. La realtà che abbiamo di fronte, soprattutto se sappiamo lavorare bene, è una realtà per al quale possiamo avere ottimismo''.

RIFORMA GIUSTIZIA - "Ho lungamente parlato con il ministro Nordio nei giorni scorsi, che è impegnato a lavorare su una riforma seria e ampia della giustizia'' ha detto Meloni. Una riforma, spiega, ''che possa garantire tempi certi e un sistema efficiente''. "In questi giorni si è parlato tanto sui giornali della cosiddetta procedibilità d'ufficio e abbiamo deciso di intervenire. Il ministro Nordio è impegnato a lavorare su una riforma della giustizia che possa garantire, da una parte i tempi certi e un sistema efficiente, dall'altra il massimo delle garanzie per chi è sotto processo e indagine. Ma dall'altra parte si vuol garantire anche il massimo delle garanzie che quando vieni dichiarato colpevole sconti la pena. Questo è il modello che noi abbiamo in mente sul quale abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare".

Il governo, ha detto il presidente del Consiglio, punta a "garantire la certezza del diritto e della pena. Perché questo è uno Stato nel quale piano piano si è continuato a picconare il nostro sistema penale, magari perché i tempi della giustizia erano troppo lungi o c'era il problema del sovraffollamento carcerario e la percezione che spesso i cittadini hanno avuto è stata quella di uno Stato non presente, di una giustizia non efficiente''. ''Io l'ho detto anche a Nordio e lui è d'accordo con me, che uno dei tratti distintivi di questo governo è che la giustizia sia presente e che lo Stato di diritto e la sicurezza vengano garantite. Devono essere garantiti in particolare sui reati più percepiti, come spaccio di droga, furti in appartamento, rapine, troppo spesso non perseguiti negli anni passati. Su questo intendiamo cambiare completamente fronte''.

GAS - ''Il prezzo del gas, dopo l'iniziativa europea del tetto, su cui l'Italia ha avuto un ruolo fondamentale, sta continuando a scendere. E penso che nelle prossime settimane finalmente vedremo i risultati di questo lavoro lunghissimo''. "Con un po' di intelligenza , con un lavoro di cooperazione fatto bene, con risorse spese nel modo giusto, l'italia può diventare la porta di approvvigionamento energetico dell'Europa. Vuole dire non solo una centralità diversa in Europa, ma anche posti di lavoro, tecnologia, innovazione, rimettere l'Italia dove deve stare, cioè al centro del Mediterraneo''.

LIBIA - "Noi abbiamo fatto con la Libia un accordo sull'immigrazione irregolare per fermare le partenze. E' una materia che non si risolve in una settimana. Noi stiamo cercando di coinvolgere anche l'Unione europea. La difesa delle frontiere esterne oggi è la priorità''.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza