cerca CERCA
Venerdì 01 Marzo 2024
Aggiornato: 00:29
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Conte e le accuse di Meloni sul Mes, ecco la lettera del leader M5S a Fontana

18 dicembre 2023 | 18.56
LETTURA: 3 minuti

La missiva al presidente della Camera in cui si chiede l'istituzione di un Giurì d'onore che si pronunci sulle accuse mosse dalla premier in Aula: "Menzogne dolose, precedente di assoluta gravità". Fontana avvia verifica

Giuseppe Conte - Fotogramma
Giuseppe Conte - Fotogramma

"Le dolose menzogne del Presidente del Consiglio nonché deputata Giorgia Meloni hanno offerto" sul Mes e sui trascorsi del governo Conte "una rappresentazione della realtà dei fatti completamente ribaltata. Si tratta di un precedente di assoluta gravità, anche perché queste dichiarazioni sono state rilasciate non nel corso di una festa di partito, ma nell'Aula della Camera, in un contesto istituzionale particolarmente solenne e sono state riprese da tutti gli organi di stampa. Per conseguenza la compromissione dei miei beni morali dell'onore e della reputazione e la falsa ricostruzione del mio operato di Presidente del Consiglio dei Ministri e di deputato in carica appaiono particolarmente rilevanti nell'entità e nella portata diffusiva". Così il leader del M5S Giuseppe Conte, in un passaggio della lunga lettera inviata al presidente della Camera Lorenzo Fontana in cui chiede l'istituzione di un Giurì d'onore che si pronunci sulle accuse mossa da Meloni contro l'ex premier, la scorsa settimana nelle aule di Camera e Senato (QUI LA LETTERA).

"L'asimmetria, in ordine ai poteri e alla potenziale comunicativa, di un Presidente del Consiglio rispetto a un deputato in carica rende ancor più necessario -scrive Conte nella missiva- il Suo intervento per ristabilire e compensare le gravissime ed infondate offese che mi sono state arrecate. Per i motivi summenzionati Le chiedo, pertanto, ai sensi dell'articolo 58 del Regolamento della Camera, di nominare una commissione che giudichi la fondatezza delle gravi accuse a me rivolte, palesemente e dolosamente prive di qualsivoglia fondamento fattuale, temporale, politico e costituzionale".

Per Conte, le parole di Meloni in Aula "non solo" hanno "prodotto effetti lesivi della mia personale onorabilità", ma sono "suscettibili di produrre un'alterazione della fisiologica dialettica dei rapporti tra Governo e Parlamento, con diretto impatto sull'assetto istituzionale del nostro ordinamento democratico e costituzionale". "La sequela di accusa che mi sono state rivolte - scrive ancora il leader M5S, che nella missiva riporta diversi virgolettati della premier in Aula - è davvero impressionante", tanto da essere per Conte "ben oltre la normale dialettica parlamentare".

Meloni, rimarca l'ex premier, "mi ha rivolto, nella sostanza, l'accusa di aver agito in modo fraudolento, al di fuori del mandato parlamentare: è la più grave accusa che mi si possa muovere rispetto alla vicenda in esame, dia dal punto di vista politiche che da un punto di vista istituzionale e costituzionale".

"Ad aggravare la condotta" della premier, per Conte, "è il fatto che queste affermazioni sono state rilasciate in un momento istituzionale di particolare rilievo: durante le comunicazioni che il Presidente del Consiglio in carica offre in Aula, alla Camera dei deputati, alla vigilia di un Consiglio europeo che contemplava all'ordine del giorno questioni molto serie e complesse, che non comprendevano affatto la questione del Mes". Dietro l'operazione, denuncia il presidente pentastellato nella lettera inviata a Fontana, "la deliberata intenzione di disonorare il sottoscritto".

Fontana avvia verifica

"In riferimento alla richiesta di istituzione di un giurì d'onore presentata da Giuseppe Conte, il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, come da prassi, ha dato indicazione di svolgere la verifica in ordine ai presupposti regolamentari necessari per dare riscontro all’istanza formulata”. Così, in una nota, la Presidenza della Camera dei deputati.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza