cerca CERCA
Domenica 19 Maggio 2024
Aggiornato: 09:23
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Migranti, Rizzo (Pc): "Decreto Cutro? E' 'vorrei ma non posso', spara a scafisti senza vedere la luna"

"E' un pasticcio propagandistico come Piano Mattei". "Bloccano le navi ma chiedono più migranti per depauperare le classi lavoratrici d'Europa"

Migranti, Rizzo (Pc):
14 marzo 2023 | 17.05
LETTURA: 3 minuti

"Il decreto Cutro è un 'vorrei ma non posso'. S para agli ultimi della catena, che sono gli scafisti, senza vedere le ragioni ". Non usa mezzi termini Marco Rizzo, presidente del Partito comunista, parlando del nuovo decreto legge, approvato il 9 marzo dal Consiglio dei Ministri dopo l’ultima tragedia consumata a Cutro lo scorso 26 febbraio. "Se vogliono combattere i criminali dovrebbero evitare di dare finanziamenti a pioggia come in Libia a queste strane milizie. In campo largo, evitare che l'occidente abbia una modalità economica totalmente sregolata nei paesi del terzo e quarto mondo. Noi non regoleremo mai le migrazioni attraverso le classi governative di quei paesi corrotti dall'Occidente, che così riesce ad avere un rapporto economico completamente sbilanciato - incede Rizzo - Ogni leader africano che doveva essere indipendente infatti è stato ucciso: Patrice Lumumba, Gheddafi, Saddam Hussein.... Il tema è quello. Ne diviene poi il resto in maniera, a seguire".

Il presidente del Partito Comunista prosegue ricordando che gioca un ruolo "anche la volontà, di chi ha in mano la globalizzazione in Europa, di abbattere i diritti sociali e i salari dei lavoratori presenti, autoctoni, attraverso l'ingresso di un esercito di riserva, per costruire una marmellata a bassissimo costo di lavoro che renderà tutti schiavi". Una contraddizione in termini visto che "Meloni passa dai blocchi navali a chiedere più migranti. E' un sovranismo di cartone - incalza Rizzo - Questo decreto guarda al dito e non vede la luna. E' fintamente 'securitario', tra l'altro mettendo in difficoltà la magistratura. Perché se per lo scafista metti la pena di morte, allora per le organizzazioni criminali sul posto che fai? E nel frattempo chiedi più migranti regolari? E' un pasticcio propagandistico".

E il Piano Mattei? "E' solo propaganda di facciata. Per farlo ci voleva una Libia con Gheddafi. Ma lo hanno ucciso. Suggerisco di guardare 'L'Urlo', film di Michelangelo Severgnini, boicottato in ogni modo dalle Ong nonostante Severgnini sia un uomo di sinistra - rimarca - Spiega accordi e rapporti fra Italia, ministri, petrolio, migranti.....che attenzione...non arrivano da zone controllate dai filo-russi. L'idea di una militarizzazione del Mediterraneo fa parte di un gioco geopolitico in cui una relazione win to win con la Libia non esiste, perché è un Paese guidato da bande - spiega il politico - Quando gli elettori di destra si renderanno conto che l'attuale Governo gli ha raccontato un sacco di balle e che addirittura chiede più migranti, sarà divertente".

Domanda da un milione di dollari: qual è la soluzione? "E' una sola - risponde seriamente Rizzo - Le immigrazioni avvengono al 10 per cento per la guerra e al 90 per cento per ragioni economiche. Quindi certamente bisogna finirla con le guerre ma soprattutto è necessario cambiare i rapporti economici diseguali tra occidente e paesi del terzo e quarto mondo. Anche perché in più - ricorda ancora - c'è il tema che si vogliono apposta depauperare le classi lavoratrici dell'Europa e costruire un melting-pot di lavoratori, livello schiavitù". (di Roberta Lanzara)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza