cerca CERCA
Martedì 25 Giugno 2024
Aggiornato: 00:24
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Pillon condannato per diffamazione: "Alto prezzo da pagare per chi dice no a gender"

L'ex senatore: "Io come ex ministro Rasanen a processo per tweet su san Paolo"

Pillon condannato per diffamazione:
13 dicembre 2022 | 15.55
LETTURA: 1 minuti

"Il prezzo da pagare per contrastare il pensiero unico gender è diventato alto". Simone Pillon, ex senatore, presidente dell'associazione san Tommaso Moro sottolinea con l'AdnKronos la sua preoccupazione sul tema dell'identità sessuale. Nelle scorse ore la Corte d'Appello di Firenze ha condannato il co-fondatore del Forum delle Famiglie per aver diffamato l'associazione Omphalos nel 2014, in quell'occasione accusò il gruppo perugino di diffondere nelle scuole materiale che istigava all’omosessualità, con il fine di fare proselitismo. Dopo vari gradi di giudizio, dovrò pagare le spese processuali e una provvisionale di 30mila euro. Lui ricorda di essere stato prosciolto in sede penale: "Ma ricorrerò contro le statuizioni civili, fino alla Corte europea".

Pillon assicura che proseguirà la sua "battaglia al fianco dei genitori contro le ideologie gender". Una battaglia che ha dei costi, "come sanno gli uomini e le donne che come me sono sotto processo per aver sfidato l'ideologia gender, come ad esempio l'ex ministro finlandese Paivi Rasanen, processata per aver twittato un brano di san Paolo che definisce un peccato la pratica omosessuale, o il professore irlandese Enoch Burke, incarcerato per aver rifiutato di usare il nome alias di una sua studente transgender".

Sulla stessa barricata anche "il pastore inglese Peter Sherwood, denunciato da una coppia di donne e arrestato per aver letto in pubblico il capitolo 1 del libro della Genesi 'maschio e femmina li creò' o i molti altri di cui parlo nel mio libro 'Manuale di resistenza al pensiero unico, dal Gender al Transumanesimo', ricorda Pillon. "Dire la verità costa caro, ma ne vale sempre la pena. Non ci fermeranno", conclude l'ex senatore.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza