cerca CERCA
Sabato 13 Aprile 2024
Aggiornato: 00:42
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ponte Messina, decreto in Consiglio dei ministri: ipotesi e tempi

15 marzo 2023 | 15.18
LETTURA: 4 minuti

A quanto si apprende il dl potrebbe approdare già domani in Cdm. La bozza del testo in possesso dell'Adnkronos. Ministero Infrastrutture: "Si riparte dal progetto fermato nel 2012"

Ponte Messina, decreto in Consiglio dei ministri: ipotesi e tempi

Sullo schema del decreto legge sul Ponte di Messina è stato fatto un "grandissimo lavoro di squadra". E' quanto ha detto il ministro il vicepremier e ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, parlando del dl che verrà esaminato oggi pomeriggio nella riunione preparatoria del Consiglio dei ministri, previsto per domani pomeriggio. Si sta "lavorando come matti per portare il decreto sul Ponte di Messina domani in Consiglio dei ministri". "In pochi mesi sono stati recuperati dieci anni di vuoto. Contiamo di approvare il progetto esecutivo entro il 31 luglio 2024 e, poi, partire con i lavori". "Enorme quantità di inquinamento in meno, in aria e acqua, in via di quantificazione. Enorme risparmio di tempo e di soldi per chi userà il Ponte più green e innovativo del mondo".

LA NOTA DEL MIT - E' stata una ''giornata decisiva per il Ponte sullo Stretto''. Il Mit, guidato da Matteo Salvini, si legge in una nota ''ha messo nero su bianco uno schema di Decreto Legge che oggi è stato trattato in sede tecnica al preconsiglio e che approderà in Consiglio dei ministri''. L'infrastruttura, assicura il ministero, ''è nel segno della continuità rispetto a quanto era stato fatto fino al 2012 e, poi, interrotto dal governo Monti. Si parla, quindi, di una struttura a campata unica. Sarà il ponte sospeso strallato più lungo al mondo: 3,2 chilometri. Si auspica l'inizio dei lavori entro il 2024''.

Nel decreto, il dicastero di Porta Pia intende ''riattivare la società Stretto di Messina coinvolgendo le regioni Calabria e Sicilia, Anas e Rfi. Il tutto con un controllo di Mef e Mit che saranno gli azionisti di maggioranza almeno al 51%'', spiega il ministero. Il progetto ''verrà attualizzato: si parte da quello definitivo che andrà aggiornato con le specifiche tecniche delle nuove normative soprattutto in materia ambientale e di sicurezza''. L'operazione, spiega il ministero, ''è stata condotta in costante interlocuzione con la Commissione europea che ha espresso fin da subito grande interesse per l'iniziativa. In corso ci sono approfondimenti per sciogliere le ultime questioni tecniche e procedere con massima celerità: per questo il testo definitivo verrà diffuso ufficialmente solo dopo l'approvazione nel Consiglio dei ministri. A dimostrazione dell'importanza del dossier, Salvini ha convocato i propri tecnici anche a Palazzo Chigi''.

LA BOZZA - Al capitale della società che dovrà costruire il Ponte sullo Stretto di Messina, prevede il primo articolo della bozza del decreto sul Ponte di Messina, di cui l'Adnkronos è in possesso, "partecipano R.f.i. S.p.a., Anas S.p.a., le Regioni Sicilia e Calabria, nonché, in misura non inferiore al 51 per cento, il Ministero dell'Economia e delle Finanze, che esercita i diritti dell'azionista d'intesa con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, al quale ultimo sono attribuite funzioni di indirizzo, controllo, vigilanza tecnica e operativa sulla società in ordine alle attività oggetto di concessione". La bozza è composta da 7 articoli, il primo riguarda "l'assetto societario e governance della Stretto di Messina S.p.a.".

"Nel caso di mancata ridefinizione dei rapporti con il contraente generale e con il project management consulting", prevede l'articolo 6 della bozza del decreto, "nei modi ed entro i termini di cui all'articolo 4, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti propone al Presidente del Consiglio dei Ministri la nomina di un commissario straordinario ai sensi dell'articolo 3-bis, comma 5, della legge n. 1158 del 1971, al quale sono attribuiti, in via sostitutiva, tutti i compiti conferiti alla società concessionaria relativi alle procedure di affidamento e alla realizzazione dell'opera".

"Il Consiglio di amministrazione" della società a cui sarà affidata la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina, prevede la bozza del decreto, "è composto da cinque membri, di cui due designati dal Ministero dell'economia e delle finanze d'intesa con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che ricoprono rispettivamente la carica di presidente e di amministratore delegato, un membro designato dalla Regione Calabria, un membro designato dalla Regione Sicilia e un membro designato da R.F.I. S.p.a. e Anas S.p.a. Il Collegio sindacale è composto da cinque membri, di cui tre membri effettivi e due supplenti".

"Un membro effettivo, in qualità di presidente del collegio sindacale, e un membro supplente sono designati dal Ministero dell'economia e delle finanze d'intesa con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, un membro effettivo è designato dalla Regione Calabria, d'intesa con la Regione Sicilia, un membro effettivo e un membro supplente sono designati da R.f.i. S.p.a. e Anas S.p.a.", si legge ancora all'articolo 1 della bozza.

Per il Ponte sullo Stretto, si legge nell'articolo 2 della bozza, "la concessione ha una durata di trent'anni decorrenti dall'entrata in esercizio dell'opera". "Dalla data di revoca dello stato di liquidazione della Stretto di Messina S.p.a., di seguito 'società concessionaria', di cui all'articolo 1, comma 491, della legge 29 dicembre 2022, n. 197, riprende, senza soluzione di continuità, la concessione affidata alla medesima, avente ad oggetto la realizzazione e gestione del collegamento stabile tra la Sicilia e il continente, di seguito 'opera', comprensiva dell'opera di attraversamento e delle relative opere a terra", si legge ancora nel testo, di cui l'Adnkronos è in possesso, nel passaggio in cui viene indicata la società concessionaria.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza