cerca CERCA
Martedì 21 Maggio 2024
Aggiornato: 08:05
10 ultim'ora BREAKING NEWS

"Cancellato monologo Scurati sul 25 aprile", il post di Bortone. Rai: "Nessuna censura"

La giornalista e conduttrice: "Contratto annullato, nessuna spiegazione". Il testo letto in apertura di trasmissione

Antonio Scurati - (Fotogramma)
Antonio Scurati - (Fotogramma)
20 aprile 2024 | 10.59
LETTURA: 5 minuti

 Polemiche per la cancellazione del monologo sul 25 aprile dello scrittore Antonio Scurati dalla trasmissione 'Che sarà', in programma stasera su Raitre. A sollevare il caso, un post della conduttrice Serena Bortone. "Ho appreso ieri sera, con sgomento, e per puro caso, che il contratto di Scurati era stato annullato. Non sono riuscita ad ottenere spiegazioni plausibili", scrive su Instagram. "Nessuna censura", dice Paolo Corsini, direttore dell'approfondimento della Rai.

Il post di Bortone, il monologo letto durante la trasmissione

"Come avrete letto nel comunicato stampa, nella puntata di questa sera di 'Che sarà' era previsto un monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile. Ho appreso ieri sera, con sgomento, e per puro caso, che il contratto di Scurati era stato annullato. Non sono riuscita ad ottenere spiegazioni plausibili". Lo scrive sui social la giornalista e conduttrice Serena Bortone, che aggiunge: "Ma devo prima di tutto a Scurati, con cui ovviamente ho appena parlato al telefono, e a voi telespettatori la spiegazione del perché stasera non vedranno lo scrittore in onda sul mio programma su Raitre. Il problema è che questa spiegazione non sono riuscita a ottenerla nemmeno io".

Bortone ha poi aperto la puntata di 'Che Sarà' leggendo il monologo di Scurati."Ieri sera ho scoperto del tutto casualmente che il contratto di Scurati era stato annullato e pur avendo passato tutta la sera a telefonare, mandare messaggi ed email, non sono riuscita ad ottenere alcuna spiegazione - ha esordito la giornalista -. Di conseguenza stamattina ho dovuto chiamare Scurati per dirgli cosa era accaduto. Ho letto ricostruzioni fantasiose e offensive, qualche giornale ha detto che ci sarebbe addirittura una questione di soldi, preciso che la reazione di Scurati è stata di regalarmi il testo che aveva scritto per noi, e mi ha dato il permesso di leggerlo". Ed è quello che ha fatto la conduttrice di Rai3.

Corsini (Rai): "Nessuna censura"

"Nessuna censura" ha affermato il direttore dell’Approfondimento della Rai Paolo Corsini. La partecipazione "non è mai stata messa in discussione, come dimostrano i comunicati stampa e gli elenchi ospiti a uso interno - sottolinea - Credo sia opportuno non confondere aspetti editoriali con quelli di natura economica e contrattuale, sui quali sono in corso accertamenti a causa di cifre più elevate di quelle previste e altri aspetti promozionali da chiarire connessi al rapporto tra lo scrittore e altri editori concorrenti. Al di là di queste mere questioni burocratiche, la possibilità per Scurati di venire in trasmissione non è mai stata messa in discussione. Nessuna censura".

I commenti della politica

L'intervento di Scurati era previsto nella puntata di 'Che sarà' n onda stasera in prima serata su Rai3. "Questo è un caso gravissimo di censura nei confronti di Scurati", afferma con una nota il senatore del Pd Francesco Verducci, componente della commissione di Vigilanza Rai, sulla cancellazione del monologo. "Tutto questo per un intervento diretto della Dirigenza Rai a poche ore dalla trasmissione, senza nessuna comunicazione all'autrice e conduttrice del programma", comunica.

E' "un caso gravissimo di violazione dell'autonomia editoriale di un programma, oltreché una inquietante intimidazione di fatto nei confronti dell'autrice e conduttrice Serena Bortone, degli autori del programma, e per estensione di tutti gli autori Rai. La Presidente Rai intervenga nei confronti di Ad e Direttore per chiarire questa vicenda. Siamo in presenza di un atto di censura e prevaricazione gravissimo, che non può essere accettato", conclude il senatore Dem.

“Telemeloni questa volta l’ha fatta veramente grossa. Ha cancellato il monologo di Antonio Scurati sul 25 Aprile previsto per questa sera nel programma ‘Che sarà’ di Serena Bortone. A 5 giorni dalla festa di Liberazione è una decisione che non possiamo accettare. Chiediamo a tutte le antifasciste e antifascisti di far sentire la loro (nostra) voce. Chiediamo ai vertici aziendali di fornire immediatamente il perché di questa che appare essere una censura insopportabile”, dichiara Sandro Ruotolo, responsabile Informazione nella segreteria Pd.

"La Rai dovrà rispondere alla nostra interrogazione in commissione di vigilanza. C'entra qualcosa il fatto che l'autore avrebbe dovuto interpretare un monologo sul 25 aprile? Davvero temi come la cultura e l'antifascismo fanno così paura alla Rai meloniana? L'azienda sarebbe ancora in tempo per tornare sui suoi passi e rivedere questa decisione assurda, che puzza di censura lontano un miglio, consentendo a Scurati di essere ospite stasera dalla Bortone. Ci auguriamo che questo avvenga per evitare un ulteriore colpo all'immagine della Rai e del nostro Paese sul fronte della libertà di espressione". Così l'esponente M5S in commissione di vigilanza Rai Dolores Bevilacqua e il capogruppo M5S in commissione cultura al Senato Luca Pirondini.

La proposta di Gori: "Sindaci leggano monologo dai palchi il 25 aprile"

"Ho una proposta per i miei colleghi sindaci: il 25 Aprile, dai palchi delle nostre città, leggiamo tutti il discorso che Antonio Scurati ha dedicato a questa ricorrenza". Lo propone in un post sui social il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. "La Rai ha deciso di censurarlo? I cittadini lo ascolteranno nelle nostre piazze", spiega Gori.

Fratelli d'Italia: "2mila euro per un minuto a Scurati? Vertici Rai chiariscano"

“Sulla vicenda della mancata partecipazione di Antonio Scurati a un programma Rai pretendiamo che sia fatta chiarezza, e per questo chiederemo l’audizione dei vertici dell’Azienda nella Commissione di Vigilanza. Si deve accertare, infatti, se corrisponde al vero che per leggere un monologo di circa un minuto sul 25 aprile la Rai avrebbe dovuto pagare circa 2mila euro. Riteniamo che sia importante accertare se la mancata messa in onda sia da addebitare a una scelta editoriale o piuttosto economica. Chiarezza che consideriamo fondamentale, alla luce delle continue fake news messe in circolazione dalla sinistra riguardo il Servizio Pubblico”. Lo dichiarano i componenti della Commissione di Vigilanza sulla Rai di Fratelli d’Italia.

Scurati non va a La7, Gramellini e Vecchioni leggono il monologo

Stasera il monologo sul 25 aprile sarà letto a "In altre parole" trasmissione di Massimo Gramellini su La7. A farlo saranno lo stesso Gramellini e Roberto Vecchioni, in apertura della trasmissione "In altre parole". Scurati ha deciso di non essere sul palco, malgrado l'invito ricevuto dal giornalista.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza