cerca CERCA
Lunedì 22 Luglio 2024
Aggiornato: 00:58
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Berlusconi: "Da premier non avrei mai parlato con Zelensky"

Il leader di Forza Italia: "Il presidente ucraino non doveva attaccare le due Repubbliche autonome del Donbass"

(Fotogramma)
(Fotogramma)
12 febbraio 2023 | 19.20
LETTURA: 3 minuti

"Da premier non avrei mai parlato con Zelensky". Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, dopo aver votato nel seggio di via Ruffini a Milano per le regionali in Lombardia si esprime così su Volodymyr Zelensky, presidente dell'Ucraina, e in generale sulla guerra con la Russia.

A stretto giro, fonti di Palazzo Chigi sottolineano che "il sostegno all'Ucraina da parte del Governo italiano è saldo e convinto, come chiaramente previsto nel programma e come confermato in tutti i voti parlamentari della maggioranza che sostiene l'Esecutivo".

BERLUSCONI - "Io a parlare con Zelensky se fossi stato il presidente del Consiglio non ci sarei mai andato perché stiamo assistendo alla devastazione del suo Paese e alla strage dei suoi soldati e dei suoi civili", dice Berlusconi, che esprime un giudizio negativo sul presidente ucraino: "Bastava che cessasse di attaccare le due Repubbliche autonome del Donbass e questo non sarebbe accaduto, quindi giudico, molto, molto negativamente il comportamento di questo signore".

Secondo Berlusconi, "per arrivare alla pace il presidente americano dovrebbe prendersi Zelensky e dirgli 'è a tua disposizione dopo la fine della guerra un piano Marshall per ricostruire l'Ucraina'". Il leader di Forza Italia fa riferimento a "un piano Marshall di 6-7-8-9mila miliardi di dollari a una condizione: 'Che tu domani ordini il cessate il fuoco, anche perché noi da domani non ti daremo più dollari e non ti daremo più armi'. Soltanto una cosa del genere potrebbe convincere questo signore (Zelensky, ndr.) ad arrivare a un cessate il fuoco".

ELEZIONI REGIONALI LAZIO LOMBARDIA - "Sono preoccupato per l'affluenza perché ho domandato agli addetti al voto e mi hanno detto che non hanno ancora raggiunto in questa sezione il 20%" dice. "Vorrei ricordare a tutti i cittadini di Lombardia e Lazio che il voto non è soltanto un diritto è anche e soprattutto un potere che da ai cittadini possibilità di scegliere da chi vogliono essere governati e quindi possibilità di decidere sul loro futuro. Chi non vota non è un buon cittadino, chi non vota non è un buon un buon italiano" aggiunge.

"Spero che tutti i cittadini di Lombardia e Lazio vadano a votare e che questa percentuale di oggi si sposti vicino al cento. La scarsa affluenza è un male di per sé, anche per le conseguenze che provoca. Dentro di me ho ben chiaro il concetto che una democrazia è tale se la maggioranza dei cittadini va a votare. Se fosse un voto meno del 50%, cosa che non penso assolutamente succederà, siamo davvero una democrazia?" si chiede l'ex premier che alla domanda sul perché la gente non va a votare replica: "Non posso dirlo, il mondo è pieno di stupidi".

SANREMO - "Non voglio assolutamente arrivare a questo, dico semplicemente che mi piacerebbe che la televisione pubblica faccia il suo mestiere di televisione pubblica" dice Berlusconi a chi gli chiede se, dopo le polemiche relative al Festival di Sanremo, sia necessario cambiare i vertici Rai. "Non sono riuscito a essere un ascoltatore continuativo" della kermesse "ho visto qualche momento di Sanremo e non sono stato ben impressionato. Ho visto cose ideologicamente spostate a sinistra, il che non mi pare giusto soprattutto il giorno prima di importanti elezioni regionali" conclude.

TAJANI - "Forza Italia è da sempre schierata a favore dell'indipendenza dell'Ucraina, dalla parte dell'Europa, della Nato e dell'Occidente" twitta il ministro degli Esteri e coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani. "In tutte le sedi continueremo a votare con i nostri alleati di governo rispettando il nostro programma".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza