cerca CERCA
Domenica 23 Giugno 2024
Aggiornato: 17:26
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ue, Draghi accetta incarico von der Leyen

"Al fianco dell'Europa per le sfide che l'attendono"

Mario Draghi e Ursula von der Leyen
Mario Draghi e Ursula von der Leyen
13 settembre 2023 | 17.24
LETTURA: 2 minuti

Un tempo, per chiedergli consigli, a chiamarlo era il presidente statunitense Barack Obama: 'chiamate Mario...', l'invito, raccontano, rivolto dall'ex inquilino della Casa Bianca ai collaboratori. Stavolta ad alzare la 'cornetta' è stata Ursula von der Leyen. Mario Draghi torna in campo, la presidente della Commissione europea gli ha chiesto di preparare un rapporto sul futuro della competitività europea e l'ex premier e già numero 1 della Bce non si è tirato indietro, "sempre al fianco dell'Europa per le importanti sfide che l'attendono", confidano ambienti a lui vicini.

La proposta, motivo di prestigio per l'Italia, è stata avanzata già da giorni ma resa nota soltanto oggi, in giorni peraltro tumultuosi sulla rotta Roma-Bruxelles. Von der Leyen, riferiscono all'Adnkronos fonti vicine al dossier, ha chiesto a Draghi di approfondire "un tema di assoluto interesse comune, in un quadro geopolitico in rapida evoluzione", accendendo un faro "su come funzionano le relazioni che governano la competitività tra paesi o tra aree a livello globale".

Concetti che Draghi avrà modo di sviscerare nel rapporto che gli è stato chiesto di stilare, assoldando a un compito che ha acceso inevitabilmente la curiosità, mai doma, dei tanti che si domandano cosa ci sarà nel domani dell'ex premier, mai del tutto convinti di un presente e futuro da 'nonno d'Italia', autodefinizione dello stesso Draghi. E mentre in Italia Carlo Calenda immagina per lui un futuro a capo del prossimo Consiglio europeo, fonti vicine all'ex premier tornano ad assicurare che sì, collaborerà con una relazione ad hoc come gli è stato chiesto, ma resta non interessato a ricoprire incarichi istituzionali.

Per ora Draghi è pronto a mettersi al lavoro per tracciare il quadro sul futuro della competitività, in anni difficili e in cui il Vecchio Continente indubbiamente arranca. D'altronde si tratta di un tema molto caro a 'Super Mario', come dimostrano le sue ultime uscite pubbliche. Nella più recente - appena una manciata di giorni fa sulle pagine dell'Economist - Draghi, oltre a rimarcare come sarebbe deleterio tornare ai vecchi 'paletti' fiscali pre pandemia, ha sottolineato come servano nuove regole nell'Eurozona e più sovranità condivisa. Perché dipendere, come in passato, dalla Russia per l'energia, dalla Cina per l'export e dagli Usa per la sicurezza non è più immaginabile.

Servono dunque "ingenti investimenti in tempi brevi, tra cui la difesa, la transizione verde e la digitalizzazione". Per farlo, occorre superare quelle regole di bilancio e quelle norme sugli aiuti di Stato che limitano la capacità dei singoli Paesi di agire in maniera indipendente. Ridefinendo - la ricetta dell'ex numero 1 della Bce - il quadro delle politiche di bilancio della Ue e i processi decisionali, attraverso regole severe, per garantire finanze statali credibili nel medio termine, ma anche abbastanza flessibili, per permettere ai governi di reagire a shock imprevisti.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza