cerca CERCA
Mercoledì 19 Giugno 2024
Aggiornato: 15:40
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giornata meningite, pediatra Rongai: "Nel Lazio copertura ferma al 73%"

Segretaria Fimp Lazio, ‘dovrebbe raggiungere 95%, su immunizzazione da famiglie avvertiamo stanchezza’

Foto di repertorio - FOTOGRAMMA
Foto di repertorio - FOTOGRAMMA
24 aprile 2024 | 09.47
LETTURA: 3 minuti

Irrigidimento della parete posteriore del collo, febbre alta, convulsioni, mal di testa, nausea, vomito e sonnolenza. Sono solo alcuni dei principali sintomi che caratterizzano la meningite, malattia che provoca l’infiammazione delle meningi, le membrane che rivestono il cervello e che, ancora oggi rappresenta un importante problema di sanità pubblica, con esito infausto o debilitante. Il vaccino antimeningococcico non è obbligatorio in Italia ma “rientra nelle vaccinazioni raccomandate. Per questo motivo dalle famiglie non viene considerato importante quanto quelli obbligatori. Risultato? La copertura anti-meningococco in Italia è al di sotto della soglia del 95% e nel Lazio, nonostante i nostri sforzi, addirittura siamo al 73%”.

Così all’Adnkronos Salute Teresa Rongai, segretario regionale Federazione italiana medici pediatri Lazio e segretario Fimp di Roma e Provincia alla vigilia della Giornata mondiale contro la meningite – in programma il 24 aprile - istituita per diffondere una maggiore consapevolezza. Non tutti sanno, infatti, che “nei neonati è possibile osservare anche un rigonfiamento nella fontanella anteriore – spiega Rongai – e che nei bambini molto piccoli alcuni di questi sintomi possono non essere sempre evidenti; in questi casi è utile fare molta attenzione a segnali come scarso appetito, irritabilità sonnolenza e febbre che possono indicare una fase iniziale di meningite”.

La meningite batterica prevenibile mediante vaccinazione “può essere causata dal meningococco, dallo pneumococco, e dall'emofilo dell’influenza – rimarca Rongai - mentre negli adolescenti i casi di meningite sono ascrivibili soprattutto al meningococco, i neonati e i bambini piccoli sono particolarmente a rischio di meningiti in primis da pneumococco e da meningococco. Risulta quindi doveroso difenderli nel modo migliore con tutte le vaccinazioni a massima protezione possibile”.

(segue)

Come pediatri “plaudiamo alla nuova immissione, approvata in questi giorni, anche per la popolazione pediatrica il vaccino coniugato 20-valente che ad oggi rappresenta il vaccino coniugato a più ampia protezione e che è indicato per prevenire non solo le meningiti e le malattie invasive come le sepsi, ma anche le polmoniti e le otiti causate da ben 20 ceppi”. Come Fimp Lazio, “da sempre in prima linea per la massima tutela della salute dei bambini – sottolinea la pediatra - speriamo che tale vaccinazione venga rapidamente implementata per proteggere i neonati e la popolazione pediatrica. La prevenzione vaccinale è oggi ancora più importante oltre che per garantire sempre la massima garanzia di salute per la popolazione ma anche per evitare il problema della resistenza verso gli antibiotici che favorisce l’emergere di ceppi ultra-resistenti, con aumento della morbilità e mortalità".

Per questo motivo "riteniamo primario migliorare e rafforzare la Prevenzione attraverso le vaccinazioni. Non sarebbe infatti eticamente e moralmente accettabile - sostiene - assistere ad episodi infettivi gravi e meno gravi , prevenibili da vaccino in una popolazione vulnerabile come quella pediatrica. Come Federazione pediatri di famiglia siamo pronti ad assicurare tutto il nostro supporto alla Regione per garantire la massima tutela dei bambini.

Per favorire la protezione attraverso la vaccinazione, “è fondamentale il ruolo del pediatra perché oltre ad essere il medico di riferimento e di fiducia della famiglia – aggiunge Rongai - può eseguire la vaccinazione anche presso il proprio studio. Ogni occasione di visita e di bilancio di salute può essere indirizzata per parlare con i genitori della vaccinazione. E se hanno dubbi e in certezze noi pediatri, che siamo specialisti nelle vaccinazioni, sappiamo dirimere tutti i dubbi alle famiglie che purtroppo in questo momento sono nella cosiddetta fase di ‘stanchezza vaccinale’. Nostro compito è far capire che tutte le vaccinazioni sono importanti, compresa quella per il meningococco B e C, consigliata in età infantile, prescolare e adolescenziale. Obiettivo, raggiungere il 95% del target, solo così possiamo proteggere anche quei bambini che per malattie gravi non possono essere vaccinati”. Per il raggiungimento degli obiettivi di copertura vaccinale, Fimp è impegnata anche con il progetto VaccinAZIONE. “Da sempre siamo in prima linea con varie iniziative. In questo momento siamo impegnati a promuovere corsi di formazione e aggiornamento su tutto il territorio nazionale” conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza