cerca CERCA
Domenica 21 Aprile 2024
Aggiornato: 18:39
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Salute: studio su Bpco, boom di prime visite e pazienti più attenti ai sintomi

25 ottobre 2023 | 15.20
LETTURA: 4 minuti

Secondo i risultati di un'indagine Doxa Pharma il Covid ha fatto alzare la guardia

Salute: studio su Bpco, boom di prime visite e pazienti più attenti ai sintomi

I tre anni di pandemia da Sars-CoV-2 non solo hanno detto che siamo vulnerabili e che qualcuno – gli anziani, i fragili – lo sono più degli altri. Hanno anche fatto scoprire l’importanza del nostro respiro e che alla salute dei polmoni bisogna stare attenti. E’ questo il primo dato che balza all’occhio analizzando l’indagine condotta da Doxa Pharma su 100 pneumologi per vedere se (e come) il Covid ha cambiato nella popolazione italiana la percezione – e di conseguenza i comportamenti - delle malattie respiratorie, e in particolare della Bpco.

Il 41% degli intervistati – riferisce una nota - dichiara che gli accessi in ambulatorio nel periodo post emergenza sono aumentati e il 46% che il motivo è da ascrivere proprio ad una maggiore consapevolezza verso la malattia, mentre un altro 20% dice che a spingere il paziente dallo specialista è la paura delle complicanze. Le riacutizzazioni sono infatti uno spartiacque decisivo nel declino della capacità respiratoria. Tanto che le raccomandazioni internazionali Gold 2023 suggeriscono addirittura la necessità di prescrivere la terapia massima, la triplice, già dopo il primo episodio.

L’altro dato su cui vale la pena puntare subito i riflettori è la differenza di genere. Le donne (35% delle pazienti vs 65% di maschi) sono più brave degli uomini, ma questa non è una novità. Hanno una storia di malattia inferiore: 9 anni rispetto a 12. Presentano una condizione e comorbidità meno gravi: disturbi dell’umore e osteoporosi, mentre gli uomini soffrono soprattutto di patologie cardiovascolari e di diabete. A fare la differenza è che le donne si preoccupano ai primi sintomi (41% contro l’11% degli uomini); sono più attente alla propria salute (qui il gap è più marcato: 62% vs 22%); alle prescrizioni e ai consigli del medico (39% rispetto al 21%), si curano meglio (39% - 24%). Il terzo elemento che emerge dallo studio - prosegue la nota - è che la Bpco non è una patologia da vecchi. L’abitudine al fumo e la precocità nell’accendersi la sigaretta (e vedremo tra qualche tempo le conseguenze dei surrogati) ha abbassato l’età della diagnosi a 50 anni.

Nel mondo più di mezzo miliardo di persone convive con malattie respiratorie croniche come l'asma, la Bpco, la bronchiectasia e altre gravi patologie. In Italia - dettaglia la nota - sono 2,6 milioni quelle che soffrono di asma, 3,3 milioni di Bpco, più di 50 mila presentano infezioni delle basse vie respiratorie e oltre 60 mila sono malate di cancro ai polmoni. Dunque, siamo di fronte alla terza causa di morte sul pianeta, con una stima di più di 50 mila decessi l’anno. Che equivale a costi diretti e indiretti pari a 45,7 miliardi di euro (assistenza medica, perdita di giornate lavorative, diminuzione della produttività e consumo di farmaci e ossigeno). Numeri in aumento, a causa dell’invecchiamento progressivo della popolazione e al numero in crescita dei fumatori. Secondo i dati del Rapporto sul fumo in Italia dell’Istituto superiore di sanità, presentati in occasione della Giornata mondiale contro il tabacco, quasi un italiano su 4, il 24,2%, è un fumatore: una percentuale che non si registrava dal 2006.

La pandemia ha dunque risvegliato una certa attenzione. E questo è sicuramente un bene. Ma il quadro che mostra Doxa Pharma presenta ampie sfumature di grigio. Riprendiamo il racconto. Otto pneumologi su 10 confermano che il Covid ha indotto un cambiamento sulla gestione e sul trattamento dei pazienti con Bpco. I problemi maggiori sono il follow-up (57%); l’invio dei pazienti alla loro attenzione (42%); la diagnosi (28%). La maggior consapevolezza o l’apprensione ha di contro modificato il rapporto medico-paziente per il 40% degli intervistati. Paziente che in primo luogo chiede di essere rassicurato: lo dice il 23% dei clinici; si sottopone a controlli più di frequente (10%); anche attraverso la telemedicina (13%).

Per 6 pneumologi su 10 le note più negative arrivano dal 'patient journey'. A fronte di una maggiore richiesta di esami diagnostici (18%), ci sono da registrare ancora tempi di attesa lunghi (38%) e difficoltà nell’accedere alla spirometria (18%). Ed è su questo che si registrano le richieste dei malati: riduzione delle liste d’attesa (42%), ripresa di un follow-up un adeguato (21%), l’eterno tema della diagnosi precoce (15%). Per gli specialisti la priorità è di aumentare il monitoraggio (35%), la spirometria prima di tutto, ma anche altri esami; ridurre i tempi di attesa per le visite (30%). Da evidenziare l’auspicio del 16% di un ruolo più centrale del medico di medicina generale. Non solo. Il 79% ritiene che sia necessario strutturare una rete assistenziale che veda la stretta collaborazione della sanità territoriale con quella ospedaliera. La stessa percentuale, coerentemente - conclude la nota - pensa che sia un bene ripensare la sanità del territorio e le relative modalità di presa in carico dei pazienti con Bpco. Uno su due guarda inoltre agli strumenti digitali e ad infrastrutture adeguate per poter dare supporto e risposte adeguate ai pazienti. Le donne sono prevalentemente in terapia con la doppia broncodilatazione (Laba+Lama), gli uomini con la triplice (Ics+Laba+Lama).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza