cerca CERCA
Giovedì 22 Febbraio 2024
Aggiornato: 08:16
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Acqua, studio Ambrosetti-A2A: pacchetto di investimenti da 48 miliardi per superare la crisi

01 settembre 2023 | 15.38
LETTURA: 2 minuti

Con effetto volano diventerebbero 77 miliardi

Renato Mazzoncini - (Fotogramma)
Renato Mazzoncini - (Fotogramma)

Un pacchetto d’investimenti da 48 miliardi di euro in dieci anni per superare l’emergenza idrica, recuperare acqua per le esigenze di famiglie, agricoltura e industria e rilanciare lo sviluppo dell’idroelettrico, l’unica fonte rinnovabile programmabile, asset strategico per la sicurezza energetica del Paese. È la strada indicata nello studio 'Acqua: azioni e investimenti per l’energia, le persone e i territori' realizzato da The European house - Ambrosetti in collaborazione con A2A, presentato oggi nell’ambito del forum di Cernobbio dall'amministratore delegato di A2A, Renato Mazzoncini, e partner e il responsabile scenari e intelligence di The European house - Ambrosetti, Lorenzo Tavazzi.

Uno studio sui diversi aspetti legati al ciclo dell’acqua che, si legge nel documento, ''certifica l’emergenza idrica del nostro Paese (nel 2022 -31% di risorsa disponibile rispetto all’anno prima) e indica i possibili correttivi da mettere in campo''. L’analisi mostra infatti come sia possibile recuperare 9,5 miliardi di metri cubi d’acqua (oltre un terzo di quella consumata in un anno nel nostro Paese) investendo su riuso, riduzione delle perdite e dei consumi e recupero dell’acqua piovana.

Lo studio elenca, inoltre, le azioni per ottenere energia idroelettrica aggiuntiva investendo su pompaggi, invasi irrigui, repowering, mini-idroelettrico e nuove centrali (azioni in grado di generare 12,5 Twh l’anno). ''Una doppia strategia che potrebbe avere un effetto volano sull’economia nazionale, con ricadute positive per 77 miliardi di euro''.

“Senz’acqua non c’è futuro. Ma in futuro avremo sempre meno acqua. I cambiamenti climatici, gli sprechi e una gestione poco oculata hanno messo a rischio questa risorsa, come denunciato anche dall’Onu'' spiega Mazzoncini. “Sono necessari circa 50 miliardi di investimenti in 10 anni per la salvaguardia del ciclo idrico e della produzione di energia idroelettrica e l’azione congiunta di istituzioni, industria, cittadini. A2A, come life company, è pronta ad essere protagonista responsabile di un fronte comune a tutela della risorsa idrica''.

''La circolarità può essere la risposta migliore per la mitigazione degli effetti del climate change: riuso, riduzione e recupero possono rimettere in circolo 9,5 miliardi di mc di acqua, più di quanto perso nel 2022 a causa della siccità'', afferma l'ad di A2A. Inoltre, ''un miglior utilizzo di accumuli e centrali idroelettriche potrebbe generare 12,5 TWh l’anno di energia pulita, più dei consumi domestici annuali di tutta la Lombardia, un contributo essenziale per raggiungere gli obiettivi europei di decarbonizzazione”.

“Gli effetti del cambiamento climatico si aggiungono ad alcune criticità strutturali che segnano la gestione idrica in Italia e che vanno opportunatamente e prontamente attenzionate” aggiunge Tavazzi. “Investire in adattamento e mitigazione del cambiamento climatico è quindi cruciale, in un contesto in cui il cambiamento climatico sta già impattando significativamente il nostro Paese: nel 2022 le temperature sono aumentate fino a 2° C, mentre le precipitazioni cumulate si sono ridotte del 23,2%”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza