cerca CERCA
Mercoledì 29 Maggio 2024
Aggiornato: 17:43
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Angela Finocchiaro e il cancro al seno: "Bisogna scacciarlo dal cuore"

L'attrice operata nel 2020: "Il momento più subdolo è dopo nell'accettazione di se stessi, il lavoro a teatro ha fatto abitare la mia mente da altri pensieri"

 - FOTOGRAMMA
- FOTOGRAMMA
23 maggio 2023 | 19.16
LETTURA: 3 minuti

"Nel 2010 mi sono operata di tumore al seno. Ero particolarmente attenta alla prevenzione, ogni anno facevo dei controlli. Per me è stato meglio aver avuto la possibilità di operarmi subito, perché non ce la faccio a far ribollire un'ansia. Era proprio prima di Natale, nel giro di qualche giorno sono entrata in sala operatoria. Nel momento in cui si interviene, si fanno delle cose, si agisce, io vado come un trattore, devo risolvere. Il dopo, però, è più subdolo, perché" il tumore "colpisce una parte importante, importantissima del nostro corpo. E allora lì diventa più subdolo nell'accettazione di se stessi. Bisogna affrontarlo in un modo che non covi da qualche parte il fatto di guardarsi e di pensare che in qualche maniera abbiamo una subito una menomazione. Menomazione che, insisto, è più proprio una cosa che rimane subdolamente nella nostra mente, nel nostro cuore". Quando l'attrice Angela Finocchiaro, 67 anni, si è confrontata con l'esperienza della malattia una frase dell'oncologo Umberto Veronesi le risuonava nella mente: "E' più difficile scacciare il tumore dalla mente delle donne" che dal loro corpo.

Ci ripensa oggi, a margine della giornata Ieo per le donne, evento dedicato dall'Istituto europeo di oncologia a chi ha vissuto o sta vivendo l'esperienza di un tumore al seno, che ha richiamato a Milano al Teatro Manzoni oltre mille pazienti da tutto il Paese. Con queste donne, spiega Finocchiaro all'Adnkronos Salute, "ho voluto condividere questo pensiero di Veronesi, questa frase che mi è risuonata nella mente tantissimo". Nel 2010, ripercorre tornando alla sua storia, "con l'ecografia i medici hanno notato qualcosa che invece, in quel caso, la mammografia non leggeva. Per la mia esperienza, dunque, sono esami molto importanti, non sono particolarmente invasivi e io, per esempio, quando non avevo l'età per la mammografia ogni anno facevo la mia ecografia". E' stato utile per far scattare "un campanello d'allarme".

E "nel momento in cui c'è stato un campanello d'allarme sono intervenuta - prosegue Finocchiaro - In qualche modo l'ho preso proprio molto all'inizio" il tumore. "Dopo l'operazione ho cominciato a fare il giro delle 'sette chiese', perché c'erano delle valutazioni diverse, era un tumore molto piccolo e si trattava di capire che terapie fare. Alla fine ho fatto la radioterapia e ho preso i farmaci, protocollo completo. Forse oggi già sarebbe diverso, delle cure credo si siano già modificate", riflette.

All'epoca Finocchiaro aveva 55 anni, la sua famiglia le è stata vicino. "Ho condiviso quel periodo subito con mio marito Daniele, i miei due figli. Come hanno reagito? Hanno fatto finta di niente, probabilmente perché c'è sempre questa cosa che io sono particolarmente molto attiva, apparentemente. Quindi - cotto e mangiato - sono tornata a casa, abbiamo festeggiato il Natale, e punto. Loro avevano davanti una persona che continuava a fare la sua vita normalmente". Proprio il teatro l'ha aiutata in quei momenti, dice. "Io adesso tendo a dimenticare certe cose, comunque allora facevo anche degli spettacoli teatrali e questo significa moltissimo. Il fatto di aver fatto abitare la mia mente da altre cose, visto che io sono un'ossessiva, sicuramente mi ha aiutato molto". "Sennò sarei stata a girare intorno a questo pensiero. Sono riuscita per fortuna a conciliare la mia vita quotidiana e le terapie".

Accettarsi, 'sfrattare' il tumore da mente e cuore. "E' lì che bisogna trovare ognuna il modo di uscirne, perché la cosa fantastica è che questo tipo di tumore al 90% e più si può risolvere", dice Finocchiaro. L'invito è a non farsi paralizzare dalla paura. "Ultimamente ho avuto una notizia catastrofica di un'amica che non ce l'ha fatta. Lei non aveva voluto intervenire, la paura l'ha sommersa. Questo non deve succedere", esorta, invitando anche a essere fiduciose delle possibilità offerte dalla medicina. Anche se restano sempre domande. "La cosa che mi incuriosisce è perché. Perché così tante - si chiede l'attrice - perché si è abbassata l'età, perché proprio a noi, al seno, perché? Mi piacerebbe tanto saperlo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza