cerca CERCA
Domenica 03 Marzo 2024
Aggiornato: 00:32
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Houthi e attacchi nel Mar Rosso, obiettivo e ruolo Oman: ultime news

09 febbraio 2024 | 12.59
LETTURA: 2 minuti

Il negoziatore e portavoce degli Houthi, Mohammed Abdulsalam: "In corso uno scambio di vedute con la comunità internazionale tramite la mediazione dei nostri fratelli dell'Oman"

Miliziani Houthi - (Fotogramma/ipa)
Miliziani Houthi - (Fotogramma/ipa)

"E' in corso uno scambio di vedute con la comunità internazionale tramite la mediazione dei nostri fratelli dell'Oman". Ha risposto così in un'intervista al quotidiano panarabo Asharq Al-Awsat il negoziatore e portavoce degli Houthi dello Yemen, Mohammed Abdulsalam, alla domanda se intendano avviare un dialogo per raggiungere un accordo con l'Occidente sul Mar Rosso. Gli attacchi contro unità mercantili proseguono. "Le operazioni militari nel Mar Rosso colpiscono navi israeliane dirette in Israele - ha ripetuto Abdulsalam - Gli attacchi continueranno fin quando non finirà l'aggressione a Gaza, fin quando non sarà revocato l'assedio e fin quando gli aiuti non arriveranno al nord come al sud di Gaza".

"Continueremo a stare al fianco del popolo palestinese oppresso - ha insistito - Se l'ingiustizia e l'assedio finiranno, finiranno senza dubbio le operazioni", gli attacchi degli Houthi, che nel settembre del 2014 presero il controllo di Sana'a. "La nostra posizione resta immutata riguardo il sostegno alla popolazione palestinese", ha ribadito.

E, in un velato riferimento alla Spagna che ha posto in precedenza il veto alla partecipazione Ue alla missione nel Mar Rosso, il portavoce ha parlato di "divergenze nella posizione internazionale da un Paese all'altro", ma tuttavia "la posizione che prevale tra i Paesi del mondo è garantire la sicurezza della navigazione che le loro navi non siano esposte a danni".

"L'obiettivo degli attacchi è chiaro - ha detto ancora il portavoce degli Houthi - Sono una risposta alla situazione in Palestina, che rappresenta una minaccia per una pace regionale, araba e islamica".

Una crisi che, afferma nell'intervista, resta distinta da quella interna yemenita, che rimane tra le più gravi emergenze al mondo. Abdulsalam parla anche della "roadmap" per la pace in Yemen e di un incontro tra una delegazione di Sana'a con rappresentanti sauditi (che sostengono il governo yemenita riconosciuto dalla comunità internazionale), un'opportunità che ha "contribuito a superare i principali ostacoli". E, ha affermato, il percorso verso la pace in Yemen "procede bene".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza