cerca CERCA
Domenica 03 Marzo 2024
Aggiornato: 07:26
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Sanremo, ambasciatore Israele contro Festival: "Vergognoso". Ghali: "Parole sbagliate"

11 febbraio 2024 | 12.06
LETTURA: 2 minuti

"Il palco è stato sfruttato per diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile"

Ghali e Alon Bar - Fotogramma
Ghali e Alon Bar - Fotogramma

"Ritengo vergognoso che il palco del Festival di Sanremo sia stato sfruttato per diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile". Così in un post su X l'ambasciatore di Israele a Roma, Alon Bar, a proposito delle prese di posizione di alcuni cantanti nel corso del Festival di Sanremo. Dopo l'intervento di Dargen D'Amico, che ha chiesto il 'cessate il fuoco' a Gaza all'inizio del Festival, nella serata finale è stato Ghali a invocare lo "stop al genocidio". Il cantante, ospite oggi di Domenica In, ribadisce la propria posizione: "L'ambasciatore di Israele mi critica? Il fatto che lui parli così non va bene... Continua questa politica del terrore, la gente ha sempre più paura di dire 'stop alla guerra' e 'stop al genocidio'".

Le parole dell'ambasciatore

"Nella strage del 7 ottobre, tra le 1200 vittime, c'erano oltre 360 giovani trucidati e violentati nel corso del Nova Music Festival. Altri 40 di loro, sono stati rapiti e si trovano ancora nelle mani dei terroristi insieme ad altre decine di ostaggi israeliani - scrive Bar - Il Festival di Sanremo avrebbe potuto esprimere loro solidarietà. È un peccato che questo non sia accaduto".

"Leggo con tristezza l'intervento sui social dell'ambasciatore di Israele in Italia, Alon Bar, che giustamente depreca alcune affermazioni fatte al Festival di Sanremo, che secondo lui sono servite 'a diffondere odio e provocazioni in modo superficiale e irresponsabile'", dichiara il senatore Maurizio Gasparri, componente della Commissione di Vigilanza Rai.

"L'ambasciatore ricorda che 'nella strage del 7 ottobre tra le 1200 vittime c'erano oltre 360 giovani trucidati e violentati nel corso di un evento musicale'. La Rai ha perso un'altra occasione. Spero che i vertici dell'azienda si scusino con le autorità di Israele ed attuino interventi riparatori, tenuto conto delle giuste proteste dell'Ambasciatore di Israele. La Rai non può vivere fuori dalla realtà. Rinnovo la mia solidarietà all'Ambasciatore Bar ed al popolo di Israele che il 7 ottobre ha subito un'aggressione paragonabile alle persecuzioni della Shoah", aggiunge Gasparri.

L'ad Rai: "Solidarietà convinta a Israele"

"Ho vissuto assieme all’ambasciatore Bar ed alla presidente Di Segni gli eventi che la Rai ha dedicato alla memoria della Shoah nell’ultima settimana di gennaio. E ogni giorno i nostri telegiornali e i nostri programmi raccontano - e continueranno a farlo - la tragedia degli ostaggi nelle mani di Hamas, oltre a ricordare la strage dei bambini, donne e uomini del 7 ottobre. La mia solidarietà al popolo di Israele ed alla comunità ebraica è sentita e convinta". Così l'amministratore delegato della Rai Roberto Sergio in merito a una affermazione su Israele e Palestina fatta da un artista durante il Festival di Sanremo.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza