cerca CERCA
Domenica 16 Giugno 2024
Aggiornato: 08:31
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, armi Nato contro la Russia? "Usa diranno di sì"

Secondo l'ex consigliere di Obama, Charles Kupchan, la Casa Bianca darà il via libera "per colpire limitati, specifici obiettivi militari in territorio russo"

Guerra in Ucraina - Afp
Guerra in Ucraina - Afp
27 maggio 2024 | 11.51
LETTURA: 2 minuti

"Credo che alla fine la Casa Bianca lascerà che l’Ucraina usi le armi Nato per colpire limitati, specifici obiettivi militari in territorio russo, come chiede il segretario dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. È necessario per fermare la ritirata di Kiev: la direzione della guerra è cambiata in favore di Mosca. Mi pare improbabile la riconquista militare dei territori occupati dai soldati di Putin. Credo che per l’Ucraina sia venuto il momento di rivedere la sua strategia, in collaborazione con gli alleati". Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera Charles Kupchan, esperto di politica estera del Council on Foreign Relations, docente universitario, ex consigliere di Obama per gli affari europei negli anni da presidente.

"Se dovessi dare un consiglio a Biden - spiega Kupchan - gli proporrei di chiedere al presidente Zelensky due cose: in primo luogo, di usare i rifornimenti bellici che finalmente arriveranno per fortificare le linee difensive: è molto più urgente difendersi da nuovi attacchi che pianificare controffensive. In secondo luogo, di definire una visione di lungo periodo nella quale ci si concentra nel garantire la tenuta di quell’ 80% dell’Ucraina che non è stato occupato dai russi, in condizioni di sicurezza, garanzie democratiche, legame stretto con l’Europa. Rinviando a una fase successiva le questioni riguardanti le province nelle mani dal Cremlino".

"Non credo prenderanno Kharkiv - dice ancora l'ex consigliere di Obama - È una città molto grande, servirebbe un enorme impegno di forze. La pressione su questo fronte serve a costringere gli ucraini a spostare forse dal Donbass per proteggere il nordovest dell’Ucraina: così Putin potrà realizzare nuove conquiste da Lugansk a Donetsk. Cioè nelle province che, nella sua testa, fanno parte della Grande Russia. Gli aiuti militari arriveranno e saranno molto utili: tank, missili, anche gli F-16. Ma ci vorrà tempo per schierarli e l’Ucraina è ormai anche a corto di soldati: i prossimi mesi saranno cruciali".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza