cerca CERCA
Venerdì 21 Giugno 2024
Aggiornato: 15:33
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Mafia, Mattarella: "Tenere alta la guardia, mai indebolire anticorpi istituzionali"

Messaggio del Capo dello Stato a 32 anni dalla strage di Capaci

Sergio Mattarella (Foto Quirinale)
Sergio Mattarella (Foto Quirinale)
23 maggio 2024 | 09.42
LETTURA: 3 minuti

"L’attentato di Capaci fu un attacco che la mafia volle scientemente portare alla democrazia italiana. Una strategia criminale, che dopo poche settimane replicò il medesimo, disumano, orrore in via D’Amelio. Ferma fu la reazione delle Istituzioni e del popolo italiano. Ne scaturì una mobilitazione delle coscienze. La lezione di vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino divennero parte della migliore etica della Repubblica". Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio in occasione del 32° anniversario della strage di Capaci.

"A trentadue anni da quel tragico 23 maggio - scrive Mattarella - è doveroso ricordare anzitutto il sacrificio di chi venne barbaramente ucciso: Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani. Insieme a loro ricordiamo Paolo Borsellino, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina. Testimoni di legalità, il cui nome resta segnato con caratteri indelebili nella nostra storia. I loro nomi sono affermazione di impegno per una vittoria definitiva sul cancro mafioso e il pensiero commosso va ai loro familiari che ne custodiscono memoria ed eredità morale".

"Come sostenevano Falcone e Borsellino - prosegue il Capo dello Stato - la Repubblica ha dimostrato che la mafia può essere sconfitta e che è destinata a finire. L’impegno nel combatterla non viene mai meno. I tentativi di inquinamento della società civile, le intimidazioni nei confronti degli operatori economici, sono sempre in agguato. La Giornata della legalità che si celebra vuole essere il segno di una responsabilità comune. È necessario tenere alta la vigilanza. Gli anticorpi istituzionali, la mobilitazione sociale per impedire che le organizzazioni mafiose trovino sponde in aree grigie e compiacenti, non possono essere indeboliti. L’eredità di Falcone e Borsellino è un patrimonio vivo che appartiene all’intera comunità nazionale. Portare avanti la loro opera vuol dire lavorare per una società migliore".

In un altro messaggio, inviato al Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Giovanni Melillo, in occasione dell’incontro tra i magistrati impegnati in Europa e in America Latina nel contrasto del narcotraffico transnazionale e del riciclaggio dei relativi proventi, intitolato alla memoria di Falcone, Mattarella scrive: "L’appassionato impegno, civile e professionale, di Giovanni Falcone nel difendere tenacemente i cittadini dalla violenza e dalla sopraffazione della criminalità organizzata, è scolpito in maniera indelebile nella memoria di tutti. Raccogliere questo esempio vuol dire rinnovare oggi lo sforzo nel contrasto a ogni forma di mafia e alle loro fonti di finanziamento, in particolare quelle provenienti dal narcotraffico transnazionale, con l’efficacia e l’abnegazione necessarie".

"La cooperazione internazionale delle indagini - va avanti il Capo dello Stato - rappresenta un’indispensabile strumento per l’efficacia della lotta alle mafie e la Convenzione ONU sul crimine organizzato transnazionale, sottoscritta proprio a Palermo, per rendere omaggio alle idee di Falcone, ne rappresenta l’esempio più importante".

Il messaggio di Giorgia Meloni

"Ricorre oggi il 32esimo anniversario della strage di Capaci - scrive la premier Giorgia Meloni su X - Giovanni Falcone ci ha insegnato che 'gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini'. Fare ogni giorno tesoro di queste parole è il modo migliore che tutti noi abbiamo per onorare il sacrificio di chi ha perso la vita a Capaci quel 23 maggio 1992. Non disperdere i loro insegnamenti, il loro coraggio, portare avanti quei valori di Libertà, Giustizia e Legalità che hanno reso immortali: più forti del tritolo e delle bombe di vigliacchi criminali senza scrupoli".

"Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani e tutti gli altri eroi che hanno combattuto per una società libera dall'oppressione mafiosa, vivono ancora e per sempre nei nostri cuori. Le loro idee camminano sulle nostre gambe e su quelle di chi verrà dopo di noi. Contro ogni mafia, sempre", conclude la presidente del Consiglio.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza