cerca CERCA
Venerdì 21 Giugno 2024
Aggiornato: 17:09
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Toti, respinta la mozione di sfiducia al governatore della Liguria

La lettera del presidente della regione all'opposizione, fatta arrivare in Consiglio regionale prima del voto: "Tentate spallata, non vi riuscirà"

Giovanni Toti - Fotogramma
Giovanni Toti - Fotogramma
04 giugno 2024 | 12.11
LETTURA: 2 minuti

Con 18 voti contrari e 11 favorevoli è stata respinta, nel consiglio regionale della Liguria, la mozione di sfiducia nei confronti del presidente della giunta regionale Giovanni Toti, finito ai domiciliari. La mozione era stata presentata dai consiglieri di minoranza Luca Garibaldi, Ferruccio Sansa, Fabio Tosi, Giovanni Battista Pastorino, Roberto Arboscello, Enrico Ioculano, Davide Natale, Armando Sanna, Selena Candia, Roberto Centi, Paolo Ugolini.

La lettera del governatore all'opposizione: "Tentate spallata, non vi riuscirà"

"Con una miopia politica con rari precedenti, oggi, con questa mozione di sfiducia, le opposizioni tentano una spallata politica che non solo non riuscirà nei numeri, ma conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, tutta la propria inadeguatezza a guidare questa regione". Questo l'incipt della lettera che il governatore della Liguria, sospeso a seguito delle indagini in corso che lo vedono accusato di corruzione, ha fatto arrivare in Consiglio regionale nel giorno del voto sulla mozione, poi respinta.

"Dopo un decennio di costanti sconfitte, politiche ed elettorali, la stessa classe dirigente della sinistra che ha saputo deludere i cittadini più di ogni altra, in una Regione dove fortissime erano le sue tradizioni, oggi intravede, grazie a una inchiesta della magistratura, la possibilità di recuperare un po' del terreno perduto", prosegue la missiva.

Letta dal capogruppo della Lista Toti, Alessandro Bozzano, la lettera continua: "Recuperare quel terreno comune sfruttando l'eco di una inchiesta che al momento è solo tale, senza rinvii a giudizio e tanto meno condanne. Infatti, non diremo una parola su questa, neppure quello che potrei dire, imitando le opposizioni, sulle ombre lunghe che riguardano il Pd. Una mozione presentata di fretta, non sia mai che tutto si sgonfi. E qui sta il primo sintomo di debolezza politica. Perché nella vostra mozione non c'è nulla di politico, anzi, c'è il contrario. C'è una politica che anziché difendere le proprie prerogative, autonome e parallele a quelle degli altri poteri dello Stato, se ne fa megafono o ruota di scorta, nella speranza di raccogliere qualche briciola".

"Che delusione, per gli eredi di una tradizione che della centralità della politica aveva fatto la propria stella polare, ritrovarsi oggi a balbettare e ripetere quanto letto sui giornali circa un'inchiesta ancora tutta da verificare. Ci saremmo aspettati, anche da parte vostra, una orgogliosa volontà di portare avanti un mandato popolare che pure anche voi per sedere qui avete ricevuto - prosegue ancora la lettera -. Ha purtroppo prevalso la volontà di screditare il vostro ruolo e quello del Consiglio di cui fate parte, chiamato da voi a un dibattito pregiudiziale che anticipa le stesse rilevanze istruttorie. Avete deciso di continuare sulla strada di una politica con la P minuscola, subalterna, pur di approfittare di questo presunto momento di debolezza, cercando di raggiungere un obiettivo che non ritenete raggiungibile con le vostre capacità e la vostra credibilità".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza