cerca CERCA
Sabato 17 Aprile 2021
Aggiornato: 17:16
Temi caldi

Vaccino Covid, Viola: "Rinunciare ad AstraZeneca, meglio Sputnik"

03 febbraio 2021 | 09.47
LETTURA: 1 minuti

L'immunologa boccia il vaccino realizzato in collaborazione con Oxford e la Irbm di Pomezia

alternate text
(Fotogramma)

"Rinuncerei del tutto al vaccino di AstraZeneca". Lo afferma l'immunologa Antonella Viola in una intervista a 'Il Fatto Quotidiano'. Quindi addirittura consiglierebbe a Unione europea e governo italiano di cancellare AstraZeneca dal programma? "Hanno avuto una comunicazione non corretta con annunci non supportati dai fatti - risponde l'immunologa - hanno commesso errori nei trial clinici, hanno prodotto un siero con efficacia limitata, non hanno presentato dati sufficienti perle persone con più di 55 anni... mentre gli altri, Pfizer Biontech e Moderna su tutti, hanno lavorato bene. In questo momento abbiamo due vaccini che sono vicini a un'efficacia del 95%, che possono essere rimodulati in breve tempo rispetto alle varianti del coronavirus SarsCov2, bisogna puntare su quelli".

Leggi anche

"Senza fretta, senza correre, perché non è il contatore dei vaccinati ad essere importante mala possibilità di raggiungere l'immunità di gregge nel più breve tempo possibile. E AstraZeneca questo obiettivo lo mette a rischio con la sua bassa efficacia, 60%. Se proprio si deve introdurre altri vaccini perché non può esserci una produzione sufficiente di Pfizer e Moderna allora punterei sul russo Sputnik - avverte Viola - e quando sarà approvato sull'altro americano, Johnson&Johnson, che ha un'efficacia sopra il 70% sul SarsCov2 non mutato, ma ha il vantaggio di essere monodose almeno. Così potremmo raggiungere l'immunità di gregge entro la fine del 2021".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza