cerca CERCA
Mercoledì 28 Febbraio 2024
Aggiornato: 10:53
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Alluvione Emilia Romagna, altre due vittime nel ravennate: morti salgono a 13

18 maggio 2023 | 08.01
LETTURA: 8 minuti

Nelle zone colpite sono stati 10mila gli sfollati e 34mila senza elettricità. Prorogata l'allerta rossa. Bonaccini: "Un miliardo di danni due settimane fa, pensate quanto cresceranno"

(Foto Afp)
(Foto Afp)

Si aggrava il bilancio delle vittime dell'alluvione in Emilia Romagna. Sono cinque i morti, comunicati oggi dalla prefettura di Ravenna, che fanno salire a 13 il numero delle persone che hanno perso la vita. In particolare a Castel Bolognese è stato trovato il cadavere di un uomo deceduto probabilmente ieri, che "si era chiuso in casa e sembra che non sia voluto andare via al sopraggiungere delle acque". A Sant'Agata sul Santerno, ieri, sono stati trovati morti una donna, ancora in via di identificazione, e un uomo, deceduto all'interno della sua abitazione, mentre la moglie è stata tratta in salvo dai Vigili del Fuoco. A Russi stamattina due persone conviventi sono state ritrovate cadavere in un'abitazione isolata forse rimaste uccise sotto un frigorifero che stavano spostando. Si segnala anche un disperso a Bagnacavallo, località Boncellino, mentre è in salvo l'uomo che si riteneva deceduto all'interno di una autovettura non raggiungibile tra Castel Bolognese e Solarolo. Ieri sono stati otto i decessi, registrati nella giornata di ieri, di cui quattro in provincia di Cesena, tre in provincia di Forlì e uno nel Bolognese.

 In totale sono stati 23 i fiumi esondati e oltre 400 le strade interrotte. ''Sono 42 i comuni coinvolti dall'alluvione'' e ''10mila gli sfollati'', ha reso noto la vicepresidente della Regione, Irene Priolo, durante il punto stampa di aggiornamento sugli effetti del maltempo. ''Abbiamo 250 strade chiuse, coinvolte a vario titolo da frane'', ha detto ancora.

Risultano ancora 18.500 i clienti senza elettricità, in calo di 2.500 unità rispetto al dato del primo pomeriggio, grazie ai 700 tecnici di Enel Distribuzione operativi da ieri. Lo fa sapere la Regione Emilia Romagna.

LUGO ALLAGATO - ''Questa mattina l'acqua ha iniziato a occupare larga parte dei nostri centri abitati e fra non molte ore occuperà anche pienamente il nostro centro storico. Qualcosa che per Lugo sembrava persino impossibile potesse accadere. La unicità di questo evento ci porta anche a questo. E' molto importante mantenere le corrette modalità di gestione che fino a qui abbiamo detto in una situazione ordinaria. Bisogna salire ai piani superiori laddove è possibile farlo, dove non sia possibile bisogna evacuare in tempo cercare ubicazioni alternative alla propria abitazione: andare da parenti o amici ai piani superiori oppure dirigersi con il proprio mezzo verso il palazzetto dello sport in via Sabin dove c'è un punto di accoglienza gestito dalla Croce Rossa. Dove ci sono soggetti fragili o persone che non possono essere spostate o dove ci sono già di strade allagate bisogna chiamare il 115'', ha affermato il sindaco di Lugo Davide Ranalli nell'aggiornamento di questa mattina sulla situazione del maltempo in un video postato su Facebook.

EMERGENZA NEL RAVENNATE - E questa mattina il Comune di Ravenna ha emesso un ordine di evacuazione immediata, alla popolazione e alle aziende di Villanova di Ravenna, Filetto, Roncalceci per il rischio allagamento della rete dei canali consortili a seguito della frattura del Lamone fra Reda e Fossolo. Il Comune invita "le persone che non hanno possibilità di andare da amici e parenti" a recarsi alle aree di accoglienza allestite al Cinema City Ravenna, via Secondo Bini 7 e al Museo Classis di Classe, via Classense 29. Limitare al massimo gli spostamenti''.

"La frattura del Lamone fra Reda e Fossolo ha sovraccaricato il Cer e tutta la rete secondaria dei canali consortili e sta allagando parti significative delle campagne. Nella nottata ci sono stati allagamenti a Russi, Godo, San Pancrazio e Villanova di Ravenna", si legge sulla pagina Facebook del Comune di Ravenna.

Successivamente, in considerazione dell’abbassamento lento, ma progressivo, del livello dei fiumi che interessano il territorio comunale precedentemente interessati dalle piene, il Comune di Ravenna comunica che ''possono rientrare nelle proprie case gli abitanti delle località di Savio di Ravenna, Castiglione di Ravenna, Mensa, Matellica, Madonna dell’Albero, Ponte Nuovo, via Galilei e viale Newton nella zona adiacente ai Fiumi Uniti in direzione nord fino allo scolo Lama, zona via Antica Milizia dal canale Lama fino alla rotonda Germania Borgo Montone e Porto Fuori nella parte compresa fra via Stradone e via Bonifica da una parte e i Fiumi Uniti dall’altra''.

''Le persone che hanno avuto danni alle abitazioni o che hanno particolari condizioni personali o logistiche possono rimanere ospiti degli hub - fa sapere sulla sua pagina Fb il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale - Per chi era stato trasferito ai centri di accoglienza è previsto il trasporto nelle rispettive località con pullman. Le informazioni verranno fornite direttamente dagli hub. Le condizioni dei fiumi e della rete consortile nel resto delle zone evacuate al momento non consente di adottare analogo provvedimento, anzi non si esclude di dover attuare ulteriori evacuazioni preventive nelle prossime ore''.

FORLÌ-CESENA, FRAZIONI APPENNINO ISOLATE - ''Particolarmente critica permane la situazione delle popolazioni dell'appennino Forlì Cesena dove ci sono frazioni isolate. Non hanno necessità di evacuazione ma dobbiamo portare assistenza alle persone che sono in queste frazioni''. Lo ha reso noto la vicepresidente della Regione Emilia Romagna, Irene Priolo, durante il punto stampa di aggiornamento sugli effetti del maltempo.

BONACCINI - ''Avevamo stimato circa un miliardo di danni due settimane fa, pensate adesso quanto cresceranno''. Lo ha detto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, durante il punto stampa di aggiornamento sugli effetti del maltempo in Emilia-Romagna. ''Sarà un lavoro gigantesco'', ha aggiunto. ''Domani verrà il capo della Protezione civile Curcio'', ha detto.

VIGILI DEL FUOCO AL LAVORO - Sono 2.000 gli interventi svolti nelle in Emilia Romagna e Marche, dove permangono maggiori criticità tra le province Forlì Cesena e Ravenna. Al lavoro più di 900 i vigili del fuoco con più di 300 mezzi. In Emilia Romagna 760 vigili del fuoco, di cui 400 giunti in rinforzo da altre regioni, impegnati nelle operazioni di soccorso con 250 automezzi, tra cui 25 piccoli natanti, 5 anfibi, 10 mezzi di pompaggio, 5 elicotteri e 10 droni. Oltre 1.500 gli interventi effettuati finora: 690 a Bologna, 320 a Ravenna, 310 a Forlì Cesena, 220 a Rimini.

Nella notte in provincia di Ravenna diversi corsi d'acqua sono esondati interessando i comuni di: Conselice, dove i vigili del fuoco sono stati impegnati nell'evacuazione di 40 anziani da una casa di cura, Cotignola, Sant'Agata Sul Santerno, Lugo di Romagna, Cotignola, Faenza e Solarolo. In questi centri abitati sono state eseguite numerose evacuazioni e molte altre ne rimangono da svolgere. In particolare a Faenza sono da evacuare 10 ragazzi da un Istituto. I livelli delle acque in generale si stanno abbassando leggermente.

Nelle Marche 200 vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso con 70 automezzi, 450 gli interventi svolti nelle ultime quarantott’ore. Maggiori criticità nel fermano a causa di smottamenti. Ieri fino a tarda sera squadre impegnate nell’evacuazione di una struttura ricettiva a Gualdo (Mc) interessata da una frana.

RIAPERTA L'A14 - E' tornata percorribile tutta l'autostrada A 14 Bologna-Taranto. "Alle ore 15:00 circa, è stato riaperto anche l'ultimo tratto di A14 chiuso a causa delle eccezionali precipitazioni che negli ultimi giorni hanno colpito l'Emilia-Romagna", ha reso noto Autostrade per l'Italia. Ripristinata la circolazione nel tratto compreso tra il bivio con la Diramazione per Ravenna e Cesena Nord dove il traffico al momento transita su una corsia per senso di marcia in entrambe le direzioni. Ma, avverte Autostrade, "a partire dalle 21:00 di questa sera e fino alle 6:00 di domani mattina, sarà chiuso il tratto compreso tra Faenza e Forlì in entrambe le direzioni. Analogo provvedimento verrà adottato nelle successive notti fino al completamento delle attività di ripristino. Permane sulla A14 in direzione nord, per i veicoli con massa complessiva superiore 7,5 tonnellate, l'uscita obbligatoria ad Ancona Nord, per poi proseguire lungo la SS76 in direzione Fabriano/Perugia''.

TRENI RIDOTTI E DEVIATI - Domani prosegue per l’intera giornata la riduzione del numero di corse, le deviazioni e i rallentamenti per i treni Alta Velocità, Intercity e Regionali che percorrono la linea Av e la linea convenzionale fra Firenze e Bologna per gli effetti anche sulle infrastrutture ferroviarie degli allagamenti che continuano a interessare l’Emilia-Romagna. Rallentamenti e cancellazioni si ripercuoteranno su tutta la circolazione lungo la dorsale nord-sud, sull'asse Milano-Roma e Venezia-Roma. riferisce il gruppo Fs. E’ ripresa la circolazione fra Bologna e Imola per il trasporto regionale, da domani sarà riattivata anche la circolazione tra Imola e Faenza. Resta sospesa sulla direttrice Adriatica tra Faenza e Rimini e sulle linee Bologna-Ravenna, Ferrara-Ravenna-Rimini, Faenza-Ravenna, Faenza-Marradi. Alcuni treni a lunga percorrenza da e per la Puglia seguiranno il percorso via Bologna-Firenze-Roma-Caserta-Foggia con un aumento dei tempi di percorrenza. E' assicurata la circolazione degli Intercity notte, seppur con deviazioni di percorso che possono provocare maggiori tempi di viaggio fino a tre ore.

L'AIUTO DELL'EUROPA - La Commissione Europea esprime "solidarietà a tutte le persone colpite" dalle alluvioni in Emilia-Romagna. Lo dice all'Adnkronos un portavoce dell'esecutivo Ue, specificando che il Centro di coordinamento della risposta alle emergenze dell'Ue (Ercc) "segue attentamente la situazione ed è pronto ad aiutare".

Sulla base di una richiesta di mappatura satellitare di emergenza ricevuta dalla Protezione civile italiana per le alluvioni che hanno colpito il sudest dell'Emilia-Romagna, l'Ercc "ha attivato il servizio Copernicus in modalità di mappatura rapida". Il Centro "fornisce mappe satellitari per aiutare le autorità italiane".

"In questa fase - continua il portavoce - non abbiamo ricevuto una richiesta dalle autorità italiane per attivare il Meccanismo di protezione civile dell'Ue". Solo il Paese interessato può attivare il Meccanismo, quindi la decisione spetta alle autorità italiane.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza