cerca CERCA
Sabato 15 Giugno 2024
Aggiornato: 18:39
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Cospito, gip non accoglie richiesta archiviazione Delmastro e fissa udienza

E' indagato per rivelazione di segreto d'ufficio. Il sottosegretario alla Giustizia all'Adnkronos: "Richiesta archiviazione mi rasserena, ho operato correttamente"

(Foto Fotogramma)
(Foto Fotogramma)
22 maggio 2023 | 13.04
LETTURA: 2 minuti

Il gip di Roma, a quanto si apprende, ha fissato per luglio l’udienza - non accogliendo la richiesta di archiviazione della Procura di Roma - per il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro indagato per rivelazione di segreto d’ufficio in relazione al caso Cospito, l’anarchico detenuto al 41 bis. All’udienza il giudice entrerà nel merito della vicenda, ascoltando le parti, per poi arrivare a una decisione.

La Procura di Roma aveva chiesto l’archiviazione dell’inchiesta. Il gip ha fissato udienza dopo la richiesta dei pm coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi. “La richiesta di archiviazione riconosce l’esistenza oggettiva della violazione del segreto amministrativo ed era fondata sull’assenza dell’elemento soggettivo del reato, determinata da errore su legge extrapenale”, afferma una nota della Procura.

"Ho sempre avuto fiducia, me lo aspettavo, l'ho sempre detto. Sono rasserenato dalla richiesta della Procura della Repubblica", dice Delmastro parlando con l'Adnkronos. commentando la richiesta di archiviazione, da parte della Procura di Roma.

"Chiunque mischi, nel bene o nel male, politica con processo penale, compie un errore. L'unica cosa certa è che io ho operato secondo coscienza e correttamente. Ognuno ha fatto la sua partita, io sono convinto delle posizioni assunte", prosegue l'esponente di Fdi in merito agli attacchi arrivati dalle opposizioni negli ultimi mesi. Se potesse tornare indietro rifarebbe tutto quello che ha fatto? "Devo attendere come si conclude la vicenda per poterlo dire. Se si conclude con la certificazione della legittimità del mio operato - osserva Delmastro - è un conto, sennò no. Certo, politicamente, io ho risposto a un collega che mi aveva posto delle domande. Ritengo, per ora, con documenti non secretati".

E' ancora convinto che esista una saldatura tra anarchici e mafia finalizzata all'abolizione del 41 bis? "Penso che la mafia non potrebbe che trarre dei vantaggi se noi stabilissimo che per umanità, di fronte a uno sciopero della fame, si può revocare il 41 bis", risponde il sottosegretario di Fdi. "Come ho sempre detto, Matteo Messina Denaro non si è chiamato il tumore, gli è arrivato. Abbiamo fatto di tutto per assicurare la salute di Cospito, sono felice che abbia smesso lo sciopero della fame: questa roba mai avrebbe potuto incidere sul 41 bis e se avesse inciso avrebbe avuto, evidentemente, dei riflessi anche sulla mafia. Se io ti revoco il 41 bis non perché ritengo che non lo meriti, ma perché fai lo sciopero della fame, posso non revocarlo a chi ha il tumore?".

"L'atteggiamento nei confronti di chi minaccia la democrazia, di chi minaccia i rappresentanti dello Stato, non può essere influenzato dalle scelte personali di chi decide di fare lo sciopero della fame. Ho sempre detto questo, ma - chiosa Delmastro - mi pare che se dovessi spiegarlo a una classe di bambini di quinta elementare non faticherebbero a capirlo...".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza