cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 13:46
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Giulia Cecchettin, papà Gino: "Ho capito subito cos'era successo"

10 dicembre 2023 | 21.37
LETTURA: 2 minuti

Ospite di Fazio a 'Che tempo che fa': "Sono riuscito ad azzerare odio e rabbia. Una fondazione nei nostri piani"

Gino Cecchettin
Gino Cecchettin

"Ho iniziato a piangere per Giulia già da domenica perché un padre certe le cose le sente, e ti viene quasi normale provare rabbia e odio". Così Gino Cecchettin, padre di Giulia, la 22enne uccisa dall'ex Filippo Turetta, intervistato da Fabio Fazio a 'Che Tempo che fa'. "Io ho detto 'voglio essere come Giulia', ho concentrato tutto il mio cuore e la mia forza su di lei, sono riuscito ad azzerare l'odio e la rabbia", ha quindi aggiunto ammettendo di aver capito subito cosa era successo.

"Mi sono chiesto come... Però ancora oggi vedo con questo ragionamento che può sembrare troppo razionale. ma alla fine è molto umano, io voglio amare, non voglio odiare, comunque l'odio ti porta via l'energia", ha sottolineato Gino Cecchettin che sta pensando di fondare una fondazione: "Mi impegnerò ancora in questa battaglia. Ora devo riprendere un po' di forza".

"Mi impegnerò ancora su questa battaglia, adesso devo cercare chiaramente di raccogliere un po' le forze perché è stato un mese molto pesante ma l'idea è di fondare un'associazione o una fondazione così come mi hanno consigliato. E' una cosa che sta nei nostri piani", ha sottolineato.

"Giulia e Monica", la moglie di Gino Cecchettin morta un anno fa, "sono la mia luce che accompagneranno me, Davide ed Elena per il resto della nostra vita. E faremo di tutto per poter danzare sotto la pioggia per i giorni che ci restano in onore di Giulia", ha spiegato aggiungendo che "Davide ed Elena stanno abbastanza bene. Chiaramente sono molto provati da queste settimane. Piangono una sorella che non hanno più ma sono forti".

"Adesso mi trovo senza una moglie, senza una figlia e con una possibilità, quella di gridare che dobbiamo fare tutti qualcosa", ha aggiunto affermando che la violenza sulle donne "è un problema molto serio" che va risolto.

"Il patriarcato significa che c'è un concetto di possesso e forse è quello il cuore della faccenda: la donna vista come proprietà di qualcuno. Utilizziamo oggi espressioni come 'la mia donna'. Sembra innocua, ma non è così. Anche nel quotidiano dobbiamo iniziare a cambiare il modo di intraprendere una visione della società", ha affermato quindi.

"Vorrei dire una cosa ai maschi: in questo momento vorrei invitarvi a dire ti amo alle compagne e alle moglie, non ti voglio bene. Ti amo: ditelo, ditelo spesso. Dovete dirlo, sempre, ogni volta. Fatelo in questo momento", ha detto Gino Cecchettin.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza