cerca CERCA
Venerdì 19 Aprile 2024
Aggiornato: 03:22
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Incidente ferroviario Brandizzo, indagini e accertamenti: i punti da chiarire

01 settembre 2023 | 08.16
LETTURA: 3 minuti

Dopo la morte dei cinque operai, aperto un fascicolo dalla procura di Ivrea: si indaga per disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo a carico di ignoti. Lavoratori delle ferrovie in sciopero

Stazione di Brandizzo, rilievi dopo il tragico incidente ferroviario costato la vita a 5 operai investiti e uccisi da un treno - Fotogramma
Stazione di Brandizzo, rilievi dopo il tragico incidente ferroviario costato la vita a 5 operai investiti e uccisi da un treno - Fotogramma

Dopo la tragedia dell'incidente ferroviario di Brandizzo, con la morte di cinque operai investiti e uccisi da un treno nella notte di giovedì scorso, la procura di Ivrea ha aperto un fascicolo per disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo a carico di ignoti. Gli investigatori continuano a raccogliere materiali utili all’inchiesta e a sentire persone. Sono intanto stati ascoltati come persone informate sui fatti i due macchinisti che si trovavano a bordo del convoglio e che dopo l’incidente erano stati portati in ospedale sotto shock così come due operai rimasti illesi. Da chiarire ci sono diversi aspetti, innanzitutto accertare se al momento dell’incidente c’era o meno un’interruzione della linea che avrebbe dovuto esserci. All’attenzione degli inquirenti anche la verifica delle apparecchiature del convoglio che ha investito e ucciso gli operai. Secondo i primi accertamenti degli investigatori il treno, che era diretto a Torino, viaggiava a 160 km orari.

Intanto, proseguono anche gli accertamenti da parte di Rfi per ricostruire la dinamica e le cause dell’incidente nel quale hanno perso la vita i 5 operai addetti di una ditta esterna appaltatrice dei lavori. In particolare, sotto indagine è il rispetto della procedura di sicurezza vigente. Infatti, questo genere di interventi di manutenzione, che nello specifico riguardavano il cosiddetto armamento, ossia binari, traverse e massicciata, si legge in una nota, Rfi li affida anche a imprese esterne qualificate e certificate, e si eseguono come previsto in assenza di circolazione dei treni. Il cantiere può essere attivato, quindi, spiega ancora Rfi, soltanto dopo che il responsabile della squadra operativa del medesimo, in questo caso dell’impresa, ha ricevuto il nulla osta formale ad operare, in esito all’interruzione concessa, da parte del personale abilitato di Rfi. Per quanto riguarda, infine, la velocità del treno investitore, le condizioni della linea gli consentivano in quel tratto di raggiungere una velocità massima di 160 km orari. Dunque, conclude la nota Rfi, la questione è altra: i lavori, secondo procedura, sarebbero dovuti iniziare soltanto dopo il passaggio di quel treno.

Incidente Brandizzo, l'omaggio di Mattarella alle vittime - Video

Lavoratori delle ferrovie in sciopero

''Venerdì dalle ore 12.00 saremo in presidio a Torino davanti alla sede di Rfi''. Ad annunciarlo ieri l'Usb, dopo ''l’ennesimo 'incidente', questa volta una vera e propria strage, che toglie la vita a cinque lavoratori''. Il sindacato ricorda di aver proclamato 24 ore di sciopero di tutti i lavoratori delle ferrovie. Inoltre l'Usb vuole ''ricordare a tutti i lavoratori come sia importante sostenere la legge di iniziativa popolare per l’introduzione di reato di omicidio sul lavoro. Invitiamo tutti i lavoratori a firmare ai nostri banchetti o con la firma digitale (sul sito leggeomicidiosullavoro.it)".

Landini: "Sistema non funziona ma Pnrr taglia"

Sull'incidente è intervenuto stamane a Radio Anch'io su Rai radio 1 l segretario generale della Cgil Maurizio Landini. La tragedia alla ferrovia di Brandizzo non è dovuta ad "errore umano, è sistema complessivo che non funziona", ha detto.

"Questo governo ha privatizzato gli appalti" e oggi "all'origine degli infortuni c'è il sistema del subappalto", il "sistema peggiore" dove "stravincono illegalità e infiltrazione mafiose", afferma.

"E poi c'è il problema della prevenzione e della necessità di investire" ma il Pnrr sta facendo dei tagli" afferma Landini osservando che il sistema di controllo in Italia è datato e i fondi del Piano Ue per mancanza tempo per introdurre un sistema controllo più avanzato con l'uso di tecnologie nei sistemi di sicurezza per rilevare queste cose "sono stati tagliati: un'ipocrisia".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza