cerca CERCA
Domenica 25 Febbraio 2024
Aggiornato: 01:07
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Indi Gregory, giudice: "Stop a supporti vitali da giovedì". Famiglia farà ricorso

08 novembre 2023 | 17.08
LETTURA: 4 minuti

Il papà della piccola: "Cercano di accelerarne morte, ho subito minacce da ospedale". Il direttore amministrativo dell'ospedale Bambino Gesù Perna nominato curatore

Corsia ospedale - (Fotogramma)
Corsia ospedale - (Fotogramma)

"Il giudice Robert Peel ha affermato che il supporto vitale" di Indi Gregory "sarà rimosso a partire dalle 14 (15 in Italia, ndr) di domani 9 novembre. La famiglia, sostenuta dal Christian Legal Centre, presenterà ricorso". E' quanto riferisce Christian Concern, l'organizzazione che supporta i genitori della piccola affetta da una rara malattia del Dna mitocondriale.

"Questo pomeriggio, il giudice Robert Peel ha stabilito che il supporto vitale di Indi Gregory deve essere rimosso presso il Queen's Medical Center di Nottingham o in un hospice e non a casa, contrariamente alla volontà dei suoi genitori".

Il papà di Indi: "Cercano di accelerarne morte, ho subito minacce da ospedale"

"Faccio appello al Governo britannico affinché permetta a Indi di andare in Italia prima che sia troppo tardi. Come padre non ho mai chiesto o implorato nulla in vita mia, ma ora prego il governo britannico di aiutarmi a salvare la vita di nostra figlia". Questo l'accorato appello di Dean Gregory, il padre di Indi. "È vergognoso che l'ospedale e i tribunali del Regno Unito ignorino semplicemente l'offerta del Governo italiano", ha detto Gregory, dopo la nuova pronuncia del giudice, secondo quanto riferisce Christian Concern, l'organizzazione che supporta i genitori di Indi. "Ho dovuto affrontare ripetute minacce da parte dell'ospedale - racconta - hanno cercato di intimidirmi e di accelerare la morte di Indi, anche quando ci sono ordini del tribunale in sospeso. Non sembra esserci alcuna attenzione o compassione, solo crudeltà verso di noi come famiglia".

Prima della sentenza, spiega l'organizzazione Christian Concern, "i vertici del servizio sanitario nazionale Nhs hanno minacciato di rimuovere il supporto vitale oggi, senza la presenza dei familiari", nonostante i rilievi sollevati dai legali della famiglia. "Il padre, Dean Gregory, non era in ospedale al momento della minaccia e ha detto che si sentiva come se stesse per avere un infarto quando è stato informato", riferisce l'ente, che ricorda come la sentenza sia stata pronunciata "nonostante il Governo italiano abbia concesso la cittadinanza a Indi e oggi abbia emesso misure di emergenza che ne autorizzano il trasferimento all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma per cure specialistiche".

Ieri il giudice Peel ha tenuto un'udienza online urgente per risolvere la controversia su dove sarebbe stato rimosso il supporto vitale. Con l'esaurimento dei passi legali possibili a livello nazionale e la scadenza della sospensione legale, lunedì i vertici Nhs avevano già "minacciato di interrompere il supporto vitale di Indi in ospedale. Ciò sarebbe andato contro un piano di assistenza approvato dalla Corte secondo il quale la decisione dovrebbe spettare ai genitori", ripercorre l'organizzazione.

Il piano di cure compassionevoli preparato dal 'Nottingham University Hospitals Nhs Trust' evidenzia infatti che "i genitori dovrebbero essere aiutati a decidere dove dovrebbero essere fornite al meglio le cure compassionevoli. Le opzioni includono un hospice, l'ospedale o il domicilio. Ognuna di queste opzioni ha benefici e la pianificazione sarà specifica alla location" scelta. Inoltre, ha evidenziato Christian Concern, nella sua sentenza dell'Alta Corte del 13 ottobre, il giudice Peel aveva affermato che l'attuazione dell'Ordine e del Piano di assistenza "può aver luogo a casa o in un hospice, a seconda della scelta dei genitori". I genitori di Indi avevano chiesto che l'estubazione avvenisse a casa, ma i medici si erano rifiutati. Peel ha emesso anche due precedenti sentenze dell'Alta Corte che hanno bloccato il trasferimento di Indi in Italia per cure specialistiche e hanno stabilito che è nel suo "migliore interesse" morire. (segue)

Direttore amministrativo Bambino Gesù Perna nominato curatore

"Su richiesta della famiglia di Indi Gregory, il console italiano a Manchester Matteo Corradini, in qualità di giudice tutelare della bimba di 8 mesi" ha emesso oggi un provvedimento d'urgenza che riconosce l'autorità dei tribunali italiani in questo caso. Il provvedimento emesso presuppone la tutela di Indi e autorizza il trasferimento immediato all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Il provvedimento autorizza inoltre l'adozione del piano di cure specialistiche dell'ospedale italiano e ha nominato curatore di Indi il suo direttore generale, Antonio Perno". A spiegarlo in una nota è Christian Concern, organizzazione attiva nel Regno Unito, che supporta i genitori della bimba affetta da una rara malattia del Dna mitocondriale.

"Secondo la legge italiana - precisa Christian Concern - il console italiano a Manchester ha il potere di operare come giudice e può emanare provvedimenti di emergenza. L'ordinanza è stata comunicata dal nuovo tutore al managing director del Queen's Medical Center di Nottingham per facilitare una collaborazione costruttiva tra le autorità sanitarie italiane e inglesi al fine di evitare questioni legali su conflitti di giurisdizione".

"Si ritiene che sia la prima volta che una misura del genere viene emessa in un caso di fine vita nel Regno Unito", evidenziano dall'organizzazione britannica.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza