cerca CERCA
Martedì 18 Giugno 2024
Aggiornato: 07:25
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Marisa Leo uccisa da ex a Trapani, Lucarelli: "Mi raccontò sua storia tormentata"

La 39enne le scrisse due anni fa

Marisa Leo, foto dal profilo Instagram
Marisa Leo, foto dal profilo Instagram
09 settembre 2023 | 14.46
LETTURA: 2 minuti

Marisa Leo, la donna 39enne di Salemi in provincia di Trapani, uccisa nei giorni scorsi dal suo ex compagno, Angelo Reina di 42 anni, due anni fa aveva scritto alla giornalista Selvaggia Lucarelli, dopo la pubblicazione del podcast in cui l'influencer raccontava il suo rapporto tossico con l'ex compagno. "Aveva lasciato lui 20 giorni dopo la nascita della bimba. Lo aveva deciso consapevole del fatto che lui, fino a quel momento, avesse fatto di lei ciò che voleva. Sapeva di pagare un prezzo molto alto per quella decisione. Scriveva proprio 'sto pagando'. E leggendo le cronache di questi giorni, so che ha continuato a pagare un prezzo altissimo", scrive Selvaggia Lucarelli su Instagram. "Ci ho pensato un paio di giorni prima di scrivere questo post, in realtà volevo dire delle cose, ma anche rispettare la morte di questa donna stupenda e ormai, nel marasma dei pensierini che affollano le bacheche di tutti, mi sembra sempre di partecipare a un banchetto, più che di aggiungere qualcosa alla discussione. In questo caso poi è ancora più difficile perché Marisa, due anni fa, dopo un podcast mi aveva scritto parlandomi della sua storia tormentata. Non condividerò il messaggio, che alla luce dell'accaduto è straziante. Non serve".

"Minacce, paura, inseguimenti, pedinamenti, eppure non è tornata sui suoi passi. Ha ritirato la denuncia, è vero, ma non sarebbe cambiato nulla. Lui non si era mai fermato e nulla l'avrebbe fermato, se non - forse - una reazione tempestiva da parte della legge. L'idea che un uomo che ti insegue in auto o ti minaccia di morte resti libero di continuare a farlo, non può far sentire al sicuro nessuna. Anzi, dopo una denuncia, può far sentire ancora più insicura, perché in lui subentra il rancore per il gesto di sfida e il desiderio di vendetta. Non a caso molte donne vengono uccise alla vigilia del processo. Paradossalmente, le denunce, se non seguite da un'attenta rete di protezione da parte della legge, possono diventare un ulteriore movente. Tutto questo per dire che Marisa non aveva fatto alcun passo indietro e che in realtà aveva smesso di subire. Non voleva neppure far scontare a sua figlia le conseguenze di quella (ex) relazione malata, anzi. Aveva ritirato la denuncia proprio per la bambina, perché non avesse un padre condannato. Sperava, semplicemente, che quell'uomo fosse capace di amare almeno come padre. Marisa gli ha dato una possibilità e non come compagno, ma come essere umano. Non ha sbagliato. Era solo una donna giusta e generosa", ha detto Lucarelli.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza