cerca CERCA
Martedì 23 Aprile 2024
Aggiornato: 03:00
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Naufragio migranti, errori e versioni diverse: la guerra sotterranea

03 marzo 2023 | 00.01
LETTURA: 3 minuti

Scaricabarile e rimpalli sulla tragedia della notte tra il 25 e il 26 febbraio davanti alle coste di Steccato di Cutro nel crotonese

(Afp)
(Afp)

Tra scaricabarili, qualche comunicato stampa, relazioni, note riservate, rimpalli, continua la 'guerra' sotterranea su quanto accadde la notte tra il 25 e il 26 febbraio, tra le undici di sera e le 4.10 della domenica, davanti alle coste di Steccato di Cutro nel crotonese, quando una imbarcazione con almeno 180 migranti a bordo si è spezzata in più parti. Le vittime accertate sono al momento 68, ma i dispersi sono decine. A essere tirati in ballo sono Frontex, l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, la Guardia costiera e di Finanza. Gli occhi sono puntati soprattutto sulla Guardia costiera, che quella notte non è uscita per soccorrere il barcone, ma è intervenuta solo dopo le 4.30 quando l'imbarcazione si era già spezzata. E i migranti, tra cui donne e tanti bambini, caddero in acqua, tra le onde alte. Ma il generale delle Capitanerie di porto-Guardia costiera, Ammiraglio Ispettore Capo, Nicola Carlone, resta ancora in silenzio. Nei giorni scorsi è arrivato nelle redazioni un comunicato stampa, molto tecnico. Poi, ieri ha parlato, ma solo perché incalzato dai giornalisti che lo attendevano davanti alla camera ardente, il Comandante della Capitaneria di porto di Crotone, capitano di vascello Vittorio Aloi. Che fa, forse involontariamente, delle dichiarazioni importanti.

Dice che le imbarcazioni in dotazione alla Guardia costiera potevano intervenire "anche con mare forza 8", mentre quella notte maledetta, c'era solo "mare forza 4". Poi, parlando dell'inchiesta della Procura sul naufragio, spiega: "Saremo sentiti e ci farà piacere chiarire, chiariremo a chi dovere quando ce lo chiederanno". E alla domanda sul perché non abbiano agito nonostante la segnalazione della sera prima, il sabato 25 febbraio, di una imbarcazione 'distress', cioè in pericolo, nello Ionio, replica: "Non mi risulta che si trattasse di una segnalazione di distress, sapete che le operazioni le conduce la Guardia di finanza finché non diventano comunicazione di Sar (di salvataggio ndr.). Io non ho ricevuto alcuna segnalazione". A chi gli chiede del rimpallo si responsabilità replica: "Non posso dire nulla, la Guardia costiera ha fatto un comunicato stampa e c'è scritto tutto e bene e lo capiamo tutti. C'è una inchiesta della Procura che non riguarda noi. Se e quando saremo chiamati a dare la nostra versione atti alla mano, brogliacci etc, noi riferiremo".

Ha parlato, poi, anche il portavoce della Guardia costiera, Cosimo Nicastro. Che, intervistato da Vespa, mentre ai giornalisti da giorni a Crotone spesso non risponde neppure al telefono o ai messaggi, dice che il naufragio avvenuto in Calabria, è "una tragedia non prevedibile alla luce delle informazioni che pervenivano". "Gli elementi di cui eravamo a conoscenza noi e la Guardia di Finanza - ha aggiunto - non facevano presupporre che ci fosse una situazione di pericolo per gli occupanti. Non erano arrivate segnalazioni telefoniche né da bordo né dai familiari. E allo stesso tempo la barca, partita 4 giorni prima dalla Turchia, non aveva riportato alcuna informazione alle altre omologhe organizzazioni di guardia costiera che ha attraversato". L'unico a non avere ancora parlato, anche solo per difendere uomini e donne della guardia costiera attaccati sulla stampa e sui social, è il Comandante generale delle Capitaneria di porto.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza