cerca CERCA
Lunedì 22 Aprile 2024
Aggiornato: 23:15
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Vaticano, Gip Milano dà ragione a Cecilia Marogna: "Illegittimo il sequestro del cellulare"

06 febbraio 2023 | 17.50
LETTURA: 2 minuti

Sindoca: "Ora il promotore di Giustizia lo restituisca"

Il processo in corso in Vaticano (Ipa)
Il processo in corso in Vaticano (Ipa)

Il Gip dà ragione a Cecilia Marogna e ordina il dissequestro del telefono cellulare dell'imprenditrice sarda arrestata nell'ottobre 2020 a Milano su richiesta del Vaticano e attualmente imputata nel processo di Oltretevere nato dallo scandalo del palazzo di Londra. Lo riferisce all'Adnkronos il procuratore in atti della Marogna, Riccardo Sindoca, che spiega di aver già fatto richiesta al promotore di Giustizia Vaticano di restituzione dello smartphone. Annullando con l'ordinanza depositata oggi il decreto di sequestro probatorio emesso dal pm di Milano nel gennaio 2021, il gip Luca Milani rileva in particolare come il provvedimento sia "illegittimo" essendo "stato adottato dopo la pronuncia del dispositivo con il quale la Corte di Cassazione ha annullato l’ordinanza di convalida dell’arresto di Cecilia Marogna, disposto per fini estradizionali".

"Appare del tutto evidente - si legge nell'ordinanza - come la richiesta di consegna del telefonino appartenente a Cecilia Marogna, inoltrata dall'Autorità giudiziaria vaticana alla magistratura italiana tramite lo strumento della rogatoria internazionale, si sia fondata su un presupposto rivelatosi poi insussistente, ovvero su un sequestro asseritamente legittimo". Ma, sottolinea il gip, "il vincolo reale sul bene era stato imposto nell'ambito di una procedura illegittimamente instaurata, all'interno della quale - peraltro - l’interessata è stata privata della libertà personale".

Tra l'altro, evidenzia il magistrato, in seguito alla sentenza della Cassazione del dicembre 2020, con la quale è stata annullata l’ordinanza di convalida dell’arresto della Marogna, "sarebbe stato opportuno, per l’autorità giudiziaria rogante interessata ad ottenere la consegna del telefonino dell'interessata trasmettere un’autonoma richiesta di assistenza giudiziaria, volta ad ottenere il sequestro probatorio del dispositivo, non la mera consegna" e il fatto che il pm di Milano, "allo scopo di rispondere all'originaria richiesta di assistenza", abbia deciso "di disporre autonomamente il sequestro probatorio del telefonino, costituisce opzione indubbiamente solerte e collaborativa sul piano dei rapporti con l’autorità giudiziaria straniera, ma priva di adeguato supporto normativo".

"Ritengo il provvedimento giudiziario de quo un'anticipazione in punto di diritto, anche e non di meno, per quanto attesta le doglianze già poste all’attenzione delle preposte autorità giudiziarie in ordine agli arresti patiti da Cecilia Marogna", commenta Sindoca.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza