cerca CERCA
Domenica 03 Marzo 2024
Aggiornato: 21:55
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ia, progetto Artemisia sulle opere di Giorgio de Chirico al Museo Bilotti di Roma

23 ottobre 2023 | 18.21
LETTURA: 5 minuti

de Chirico Museo Carlo Bilotti 
de Chirico Museo Carlo Bilotti 

Presentati al museo Carlo Bilotti all'Aranciera di Villa Borghese a Roma i risultati delle analisi diagnostiche condotte sulla collezione del museo Carlo Bilotti di Roma, in relazione alle opere della collezione permanente Giorgio de Chirico e in particolare sul quadro 'Mobili nella stanza' del 1927, nell’ambito del progetto di ricerca Artemisia (Artificial intelligence Extended-Multispectral Imaging Scanner for In-situ Artwork analysis); risultati ottenuti utilizzando indagini diagnostiche innovative, elaborate attraverso l’uso di algoritmi di intelligenza artificiale.

Il progetto, finanziato dalla Regione Lazio e dal ministero dell’Università e della Ricerca nell’ambito dei progetti di ricerca e sviluppo del Distretto Tecnologico per i Beni Culturali del Lazio, è frutto di una biennale collaborazione interdisciplinare tra la rete Infn-ChNet (Cultural Heritage Network) per i beni culturali dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, in collaborazione con il partenariato composto dal Dipartimento di Ingegneria Chimica Materiali Ambiente della università 'Sapienza' di Roma, l’Istituto Centrale per il Restauro, XTeam Software Solutions, Vianet e, in qualità di portatore di interesse, la Sovrintendenza Capitolina.

"Portare la strumentazione sviluppata nei laboratori di ricerca all’interno dei musei è oggi la strada su cui far incontrare la frontiera delle indagini diagnostiche con l’esigenza di conoscere e preservare i materiali che costituiscono le opere d’arte - spiega la coordinatrice scientifica del progetto Mariangela Cestelli Guidi, dei Laboratori Nazionali di Frascati dell’Infn - L’innovazione di questo progetto risiede nell’integrazione di due tecniche di indagine diagnostica non invasive, l’imaging iperspettrale e il macro-scanner Ft-Ir, e lo sviluppo di algoritmi di intelligenza artificiale dedicati sia al riconoscimento automatico dei materiali pittorici, sia al monitoraggio dello stato di conservazione delle opere in esame".

Le due tecnologie, prosegue Cestelli Guidi, sono complementari dal punto di vista dell’informazione diagnostica: l’imaging iperspettrale riesce a individuare prevalentemente i materiali inorganici, come i pigmenti, mentre la spettroscopia infrarossa Ft-Ir è in grado di identificare i materiali organici, come leganti e vernici. La fusione delle informazioni ottenute dalle tue tecniche, unita alla possibilità di interrogare un database attraverso l’intelligenza artificiale, ha consentito in un tempo molto breve di ottenere una caratterizzazione completa dei materiali che sono presenti sull’opera per indirizzare meglio gli interventi di restauro e pianificare una corretta strategia conservativa".

Inoltre, "è importante dedicare attenzione anche al tema della condivisione con il pubblico dei risultati, delle informazioni e delle conoscenze che si acquisiscono, per esempio sui materiali e sulle tecniche usate dall’artista. Una condivisione che oggi può essere facilitata e resa ancora più piacevole e divertente dalle opportunità offerte dalle nuove tecnologie, come la realtà virtuale, per scoprire l’invisibile che c’è dietro a quanto si vede sulla tela", conclude Mariangela Cestelli Guidi.

Su questo aspetto, Federica Pirani a capo della Direzione Patrimonio artistico delle ville storiche della Sovraintendenza Capitolina, auspica la diffusione dell’uso e della conoscenza di questa tecnologia: "Non solo nelle mostre ma anche nei musei e nelle collezioni permanenti, che devono essere coinvolti e interessati alla restituzione delle informazioni tralasciate normalmente dalle guide, dalle audioguide e dai Qr Code, dove non si parla mai, o quasi, delle tecniche pittoriche".

Per esempio, osserva, "senza la produzione di colori in tubetti d’alluminio, che di per sé potrebbe sembrare un’invenzione piuttosto banale, la pittura impressionista avrebbe probabilmente preso altre strade e magari non sarebbe oggi così amata dal pubblico. Vanno raccontati il fascino e le potenzialità che legano progressi scientifici e tecnologici ai progressi artistici, e quindi, in ultima istanza, le discipline Stem a quelle umanistiche".

A proposito della tecnica del dipinto di Giorgio de Chirico 'Mobili nella Stanza', Federica Pirani sottolinea che "il progetto ha evidenziato che il legante utilizzato dal pittore è stato l’olio, in linea con quanto riportato nel Piccolo trattato di tecnica pittorica, una sorta di vero e proprio ‘ricettario’ di colori e tecniche usate dall’artista stesso e da lui scritto".

Per quanto riguarda i pigmenti, poi, "è stata identificata la presenza di bianco di zinco (sia puro sia usato in miscela con gli altri pigmenti), di blu di cobalto, e delle terre per le tonalità calde (rosso, marrone e viola). Mentre, per quanto riguarda l’identificazione di prodotti di degrado, è stata notata la presenza di carbossilati, prodotti di alterazione che si formano naturalmente dall’interazione dello zinco (contenuto nel pigmento bianco di zinco) con l’olio", conclude Federica Pirani.

L’Icr ha messo a disposizione del progetto competenze "sia in materia di conoscenza dei materiali costitutivi delle opere d’arte e delle tecniche esecutive, sia in ambito di restauro, sia per quanto riguarda la diagnostica applicata ai beni culturali", spiegano Marcella Ioele e Barbara Lavorini, funzionarie dell’Istituto Centrale per il Restauro, le quali, in base alle analisi eseguite e alla consultazione delle fonti, hanno realizzato i provini per la banca dati, utili all’acquisizione delle features spettrali con le diverse strumentazioni", sottolineando che "la tecnologia messa a punto nel progetto Artemisia può essere anche un valido strumento di monitoraggio per i restauratori nelle operazioni di pulitura".

Giuseppe Bonifazi, professore di Ingegneria delle Materie Prime presso il Dipartimento di Chimica Materiali Ambiente della 'Sapienza', ha illustrato ulteriori dettagli della ricerca, soffermandosi sulle informazioni complementari che sono state ottenute unendo diverse tecniche analitiche: “Il nostro occhio è sensibile tra i 400 e i 700 nanometri ma con gli infrarossi possiamo coprire dai 700 ai 2500 nanometri. L’interazione spettroscopica di un intervallo spettarle esteso dai raggi X all’infrarosso a onde corte ha permesso un’analisi sia molecolare (sui composti organici), sia elementale (sui pigmenti inorganici). Altro grande vantaggio è stato quello di produrre, accanto all’immagine chimico-fisica del soggetto, anche l’immagine tessiturale, che è significativa per combattere la contraffazione. Si tratta di una tecnica che abbiamo utilizzato nel passato per la classificazione delle rocce ornamentali dal punto di vista estetico. Tutte queste informazioni consentono la costruzione di grosse banche dati che, se messe a sistema a livello non solo nazionale ma anche e soprattutto a livello internazionale, rafforzano la robustezza degli algoritmi di analisi".

Le informazioni generate da ciascuna delle tecniche di indagine "sono state sovrapposte per ricostruire una immagine multistrato del quadro - riferisce Stefano Tamascelli, senior developer di XTeam Software Solutions - Il modello tridimensionale ci fornisce uno sguardo sul futuro creato dall’uso di occhiali olografici: per cui sarà possibile un domani navigare all’interno di un quadro per una esperienza personalizzata di fruizione artistica". "Abbiamo sviluppato una comunicazione mirata del progetto Artemisia - conclude Mauro Simeone, project Manager della Vianet - diretta soprattutto agli specialisti, ai direttori di museo e ai professionisti del settore, per valorizzare i potenziali sviluppi di Artemisia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza