cerca CERCA
Venerdì 24 Maggio 2024
Aggiornato: 00:11
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Uffizi portano il Rinascimento a Shanghai e Pechino con opere di Botticelli

Esposti anche gli autoritratti degli artisti delle Gallerie fiorentine

(ufficio stampa Uffizi)
(ufficio stampa Uffizi)
28 aprile 2023 | 12.50
LETTURA: 3 minuti

Doppia presenza degli Uffizi in Cina: il museo fiorentino porta contemporaneamente nel grande paese asiatico due mostre, una nella capitale economica, Shanghai, l'altra in quella politica, Pechino, con il sostegno dell'Ambasciata d'Italia, esponendo, tra gli altri, capolavori di Sandro Botticelli, Raffaello, Filippo Lippi, Cosimo Rosselli, Perugino.

"Botticelli e il Rinascimento", in corso fino al 27 agosto al Bund One Art Museum, comprende una selezione di dipinti dei maestri fiorentini del Quattrocento; è la seconda nella serie di dieci mostre del museo fiorentino in programma nei prossimi quattro anni nella città più popolata della Cina.

"Capolavori dell'autoritratto dalla collezione delle Gallerie degli Uffizi" è il titolo della mostra al National Museum of China di Pechino fino al 10 settembre. Si tratta di dipinti dal Rinascimento ad oggi, con opere di Raffaello, Rubens, Rembrandt, ma anche di Ingres, Morandi, Chagall, Yayoi Kusama e Cai Guo-Qiang. La raccolta di autoritratti del celebre museo fiorentino è la più antica, ricca e numerosa al mondo con le sue oltre duemila opere. Spaziando dal sedicesimo al ventunesimo secolo, le opere a Pechino presentano l'evoluzione di stile e di mentalità degli artisti, facendo comprendere al pubblico il genere dell'autoritratto nella storia della pittura.

La mostra di Shanghai si snoda in quattro capitoli: "Firenze e il Rinascimento: città famose e famiglie potenti", "Palazzi e decorazioni nel Rinascimento", "Il Rinascimento e l'antica civiltà" e "Botticelli e gli artisti fiorentini nel Rinascimento". Oltre ad alcuni dipinti di Botticelli (tra le quali "Pallade e il Centauro", simbolica della cultura al tempo di Lorenzo il Magnifico) ve ne sono esposti altri dei suoi contemporanei, Tra questi, il "Ritratto di giovane" di Filippo Lippi, la "Maria Maddalena" del Perugino, la "Venere"" di Lorenzo di Credi, e "L'Adorazione dei Magi" di Cosimo Rosselli. Molte opere provengono dai depositi degli Uffizi e non sono normalmente visibili al pubblico.

Nella mostra di Pechino i dipinti dagli Uffizi sono in totale 50. Il volto blu di Chagall, la figura severa di Giorgio Morandi, che si dipinge asciutto come una delle sue nature morte, presenze ironiche come Nicola van Houbraken che in un geniale trompe-l'oeil sembra squarciare la tela e uscire dal quadro, o l'Autocaffè di Giacomo Balla e l'autoritratto di Renato Guttuso. La mostra permette agli artisti di raccontarsi e descrivere attraverso il proprio sguardo l’epoca in cui hanno vissuto.

Avviata nel Seicento dal cardinale Leopoldo de' Medici, e mai interrotta nel corso dei secoli, tuttora in aumento grazie ad acquisizioni mirate di opere di artisti non più in vita e a donazioni accuratamente selezionate di artisti contemporanei, la raccolta di autoritratti degli Uffizi non ha rivali nel panorama museale di tutto il mondo. L'autoritratto è l'unico modo per gli artisti viventi di entrare nella prestigiosa collezione del celebre museo vasariano: recentemente vi sono state accolti anche lavori di street art e del fumetto.

Le due mostre nascono da una collaborazione tra i due musei cinesi e le Gallerie degli Uffizi, con il sostegno dell'Ambasciata d'Italia a Pechino, del Consolato Generale d'Italia a Shanghai e degli Istituti Italiani di Cultura di Pechino e Shanghai.

"Le due mostre - spiega il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt - sono frutto della vera sinergia tra le squadre curatoriali dei due musei cinesi e le Gallerie degli Uffizi, e si incentrano su due temi importantissimi della nostra cultura. Da un lato dipinti di Botticelli e dei comprimari del Rinascimento a Firenze, dall'altro il fenomeno dell'autoritratto con un’antologia di opere dalle collezioni degli Uffizi, la più importante e antica al mondo".

(di Paolo Martini)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza