cerca CERCA
Giovedì 29 Febbraio 2024
Aggiornato: 18:43
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Agricoltura, De Marchi (PoliTo): "Elevare competenze per sicurezza alimentare futuro'

25 luglio 2023 | 16.34
LETTURA: 2 minuti

"L'Università può e deve dare contributo importante per stop fame nel mondo, dal prossimo anno partiamo con nuovo corso di laurea in Agritech per ampliare know how in Italia"

Il Politecnico di Torino (Foto PoliTo)
Il Politecnico di Torino (Foto PoliTo)

"Elevare le competenze", a partire dal nostro Paese, per "fermare la fame nel mondo" e puntare ad "un’agricoltura sostenibile" che sono i "nostri obblighi per il futuro". Nella seconda giornata di lavori del Food System Summit 2023, oggi alla Fao a Roma, è il professore Danilo Demarchi del Politecnico di Torino, a sollevare il tema con l'Adnkronos. Co-fondatore del nuovo Corso di Laurea Magistrale in AgriTech Engineering - che il PoliTo apre per il nuovo anno accademico 2023-2024 - De Marchi ritiene che "l’Università può e deve dare un importante contributo" in questo quadro. Docente del Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni-DET, De Marchi evidenzia che "come ci ricorda anche l’obiettivo di sviluppo sostenibile numero 2 delle Nazioni Unite, porre fine alla fame nel mondo, garantire la sicurezza alimentare a miliardi di persone, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile sono nostri obblighi per dare un futuro al nostro pianeta e all’umanità" e "per raggiungere questo obiettivo serve il contributo di tutti e l’Università può e deve dare un importante contributo". "Per questo motivo - spiega - al Politecnico di Torino abbiamo lavorato intensamente per attivare la nuova Laurea Magistrale in AgriTech Engineering, che riunisce le competenze di numerose aree culturali quali ingegneria ambientale, ICT (Information & Communication Technologies), ingegneria industriale e ingegneria chimica".

La "collaborazione tra diverse aree" spiega ancora De Marchi, punta a garantire "l'integrazione di conoscenze e competenze necessarie a preparare gli studenti alle nuove sfide nell'utilizzo delle tecnologie abilitanti per lo sviluppo sostenibile della produzione agroalimentare e per favorire l'adattamento ai cambiamenti climatici, la riduzione dell'impatto ambientale dell'AgriFood, lo sviluppo delle aree marginali, la sicurezza, la tracciabilità e la tipicità delle filiere". "Tutto questo concorrerà a formare oggi i professionisti del futuro nel settore agroalimentare" indica inoltre il cofondatore della nuova Laurea Magistrale in AgriTech Engineering del PoliTo, un corso di laurea caratterizzato da "una spiccata multidisciplinarietà" e che vuole formare futuri ingegneri capaci di gestire e generare innovazione tecnologica nel campo della Climate-Smart Agriculture. Sarà una Laurea Magistrale interamente in inglese quella neo-nata al Politecnico di Torino e che conta sulla collaborazione di quattro diverse aree culturali: ingegneria ambientale, ICT (Information & Communication Technologies), ingegneria industriale e ingegneria chimica, che contribuiranno a garantire l'integrazione di conoscenze e competenze necessarie. Il corso del Politecnico di Torino ha l'obiettivo di preparare gli studenti alle nuove sfide nell'uso delle tecnologie abilitanti per lo sviluppo sostenibile della produzione agroalimentare e per favorire l'adattamento ai cambiamenti climatici, la riduzione dell'impatto ambientale dell'AgriFood, lo sviluppo delle aree marginali, la sicurezza, la tracciabilità e la tipicità delle filiere.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza