cerca CERCA
Giovedì 20 Giugno 2024
Aggiornato: 19:59
10 ultim'ora BREAKING NEWS

In 6 mesi oltre 3000 visitatori e 200 visite guidate al Pastificio Barilla di Parma, il più grande e sostenibile al mondo

L’iniziativa rientra nel progetto Imprese Aperte Parma, promossa dall’Unione Parmense degli Industriali e dall’Associazione “Parma, io ci sto!” col patrocinio del Comune

In 6 mesi oltre 3000 visitatori e 200 visite guidate al Pastificio Barilla di Parma, il più grande e sostenibile al mondo
19 settembre 2023 | 11.16
LETTURA: 5 minuti

Barilla, da 146 anni nelle case degli italiani, porta le persone dentro la qualità della sua pasta con Barilla Porte Aperte 2023. L’iniziativa rientra nel progetto Imprese Aperte Parma promossa dall’Unione Parmense degli Industriali e dall’Associazione “Parma, io ci sto!” con il patrocinio del Comune di Parma e, da inizio anno, ha mostrato ad oltre 3.000 visitatori cosa c’è dietro un pacco di pasta Barilla con ben 200 visite guidate del Pastificio Barilla di Parma, il più grande e sostenibile al mondo.

Il Pastificio Barilla si trova a Pedrignano, alle porte di Parma, nasce nel 1969 grazie alla visione di Pietro Barilla. Il complesso ha un’estensione di 165.000 mq coperti e vanta 20 linee di produzione, operative 7 giorni su 7, alle quali lavorano oltre 560 dipendenti diretti. Ogni anno 330.000 tonnellate di prodotto finito lasciano il pastificio, declinate in 103 tipi diversi di pasta, tutte confezionate in cartoncino 100% riciclabile, senza la finestra di plastica. Si tratta del fiore all’occhiello di Barilla che punta, attraverso una serie di investimenti, a farlo rimanere il pastificio più grande e sostenibile al mondo anche per i prossimi 50 anni.

Il pastificio di Parma è anche un esempio di tecnologia 4.0 applicata a una tradizione centenaria come la produzione di pasta. Ne sono esempio il Magazzino Automatico, che da 10 anni viene gestito da carrelli a guida laser, veri e propri robot che identificano, trasportano e stoccano merce già imballata grazie a un software che ottimizza gli spostamenti e, dunque, riduce i consumi e migliora l’efficienza aziendale. E a proposito di efficienza energetica, ecco l’impianto di trigenerazione che alimenta i consumi energetici (termici, elettrici, energia frigorifera), migliorando le performance di un impianto già oggi modello di produzione sostenibile.

Non solo. Accanto al pastificio c’è anche un molino che trasforma il grano duro in semola, la materia prima per la produzione di pasta. Per la pasta commercializzata in Italia viene utilizzato solo grano duro 100% italiano, prodotto in 13 regioni del Paese, secondo gli standard qualitativi e di sicurezza del Manifesto Barilla del Grano duro e di un Disciplinare di Agricoltura Sostenibile e analizzato, lotto per lotto, con migliaia di controlli di qualità e sicurezza. A proposito di sostenibilità, il grano arriva a destinazione su un treno che ferma direttamente dentro lo Stabilimento di Parma.

Alla scoperta del più grande e sostenibile pastificio del mondo

“Con questo progetto – spiega Alessandro Spadini, Direttore dello Stabilimento Barilla di Parma – offriamo a tutti la possibilità di scoprire cosa significa concretamente per noi produrre la pasta in linea con il nostro modo di fare impresa: ‘la gioia del cibo per un mondo migliore’. È una scelta che vuole dare delle risposte su questo prodotto simbolo della nostra alimentazione in un momento in cui c’è molta curiosità sulla qualità e la sicurezza della sua lavorazione e delle sue materie prime. A inizio anno avevamo previsto circa 60 incontri ma la risposta entusiasta dei visitatori, con una media del 97% di soddisfazione, ci ha portato a farne 200 nel primo semestre. Da settembre le visite sono riprese; siamo già al completo fino a fine anno ed entro dicembre accoglieremo oltre 4.000 persone, più del doppio previsto ad inizio anno. Per il 2024 abbiamo già prenotazioni fino a maggio.” E alle visite a Parma seguiranno altre ‘porte aperte’ nei luoghi dove nascono i nostri prodotti.

Attraverso queste visite nel segno della trasparenza, Barilla invita i clienti a toccare con mano l’intera filiera produttiva della propria pasta, interagire con tecnici ed esperti agronomi, ascoltare la voce dei responsabili acquisti, comprendere e valutare i criteri di selezione nella scelta dei grani migliori. Ma una visita virtuale permette di saltare la lista di attesa: sul portale “Guarda tu stesso” Barilla consente a tutti di entrare virtualmente in uno stabilimento o in un campo di grano, per sapere tutto della qualità e dell’origine del grano utilizzato per la pasta grazie a filmati, foto e interviste a tecnici e agronomi. L'intento di Barilla è quello di mostrare senza filtri il “mondo” dietro una pasta di qualità. A cominciare dalle sue materie prime, certo. Ma c’è anche la passione e la professionalità delle persone impegnate nella filiera della pasta che illustrano in maniera semplice, diretta e divulgativa un processo produttivo complesso e caratterizzato dai più alti standard di sicurezza alimentare e di sicurezza sul lavoro, nonché dalla massima attenzione per l’impatto ambientale con la riduzione dei consumi di energia, delle emissioni di anidride carbonica e dei consumi idrici.

A proposito di materie prime, accanto al pastificio e al molino Barilla c’è l’agriBosco: con una superficie pari a 23 ettari di terreno – più di 30 campi da calcio – tra percorsi naturalistici, campi verdi ed erbe spontanee con quasi 3.000 alberi di specie autoctone tra filari e aree riforestate. Qui è possibile camminare tra le materie prime che Barilla utilizza per i suoi prodotti: campi di girasole e di grano tenero per i prodotti da forno, di grano duro che diventerà pasta e basilico per sughi pronti e pesti. Tutti coltivati secondo i disciplinari di agricoltura sostenibile, rotazioni colturali lunghe, sementi certificate di qualità, riduzione di fertilizzanti e fitofarmaci, tutela della biodiversità. Realizzato in collaborazione con Legambiente, AzzeroCO2 e Consorzio Forestale KilometroVerdeParma, agriBosco Barilla è aperto alle visite di scuole, associazioni e mondo del volontariato. Ad oggi, più di 400 alunni delle scuole di Parma hanno visitato questo parco, con previsioni di altre visite scolastiche a partire da settembre.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza