cerca CERCA
Martedì 23 Aprile 2024
Aggiornato: 03:00
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Gender equality

Parità di genere, linee guida al sistema di gestione

05 ottobre 2023 | 18.40
LETTURA: 3 minuti

A sostegno dell’empowerment femminile

Parità di genere, linee guida al sistema di gestione

La parità di genere è uno dei 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’ONU, il quinto SDGs (Sustainable Development Goals) che mira a raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze. La parità di genere è anche al centro della Missione 5 “Inclusione e Coesione”, Componente 1 “Politiche attive del lavoro e sostegno all’occupazione” del PNRR che trova la sua applicazione nel Sistema nazionale di certificazione della parità di genere.

Inclusione e coesione

L’intervento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, a titolarità del Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, con uno stanziamento di 12,63 miliardi di euro, mira a trasformare il mercato del lavoro, favorendo le transizioni occupazionali, migliorando l’occupabilità dei lavoratori e innalzando il livello di tutele attraverso la formazione.

Politiche attive del lavoro

Tra gli investimenti della Missione 5 Componente 1 rientrano la creazione di imprese femminili e il sistema di certificazione della parità di genere.

Creazione di imprese femminili

L’intervento si prefigge l’obiettivo di innalzare i livelli di partecipazione delle donne nel mercato del lavoro e, in particolare, di:

  • promuovere l'imprenditoria femminile, sistematizzando e ridisegnando gli attuali strumenti di sostegno rispetto a una visione più aderente ai fabbisogni delle donne;
  • sostenere la realizzazione di progetti aziendali innovativi per imprese già costituite e operanti a conduzione femminile o prevalente partecipazione femminile;
  • sostenere l'avvio di attività imprenditoriali femminili attraverso la definizione di un’offerta che sia in grado di venire incontro alle necessità delle donne in modo più puntuale;
  • creare un clima culturale favorevole ed emulativo attraverso azioni di comunicazione mirate che valorizzino l’imprenditorialità femminile, in particolare, presso scuole e università.

Sistema nazionale di certificazione della parità di genere

Il Sistema nazionale di certificazione della parità di genere, disciplinato dalla legge n. 162 del 2021 (legge Gribaudo) e dalla legge n. 234 del 2021 (legge Bilancio 2022), ha tra i suoi obiettivi assicurare una maggiore qualità del lavoro femminile, promuovendo la trasparenza sui processi lavorativi nelle imprese, riducendo il “gender pay gap” (“divario retributivo di genere” che indica la differenza tra il salario annuale medio percepito dalle donne e quello percepito dagli uomini), aumentando le opportunità di crescita in azienda e tutelando la maternità.

L’intervento si articola in tre parti:

  1. definizione del sistema per la certificazione sulla parità di genere e del meccanismo premiante, a partire dall’istituzione di un Tavolo di lavoro sulla “Certificazione di genere delle imprese”, coordinato dal Dipartimento per le Pari Opportunità in collaborazione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e il Ministero dello Sviluppo Economico;
  2. creazione di un sistema informativo presso il Dipartimento, con funzione di piattaforma di raccolta di dati disaggregati per genere e di informazioni sulla certificazione, nonché dell’albo degli enti accreditati;
  3. attivazione del sistema di certificazione sulla parità di genere, aperto alle imprese di qualsiasi dimensione.

La finalità del Sistema di certificazione della parità di genere alle imprese è, quindi, quella di favorire l’adozione di politiche per la parità di genere e per l’empowerment femminile a livello aziendale e migliorare la possibilità per le donne di accedere al mercato del lavoro, di leadership e di armonizzazione dei tempi vita.

Come ottenere la certificazione

La certificazione avviene su base volontaria e su richiesta dell’impresa. Al rilascio della certificazione provvedono gli organismi di certificazione accreditati presso Accredia (ai sensi del regolamento CE 765/2008) che operano sulla base della prassi UNI/PdR 125:2022.

La prassi di riferimento della certificazione della parità di genere, UNI/PdR 125:2022, definisce criteri, prescrizioni tecniche ed elementi funzionali alla certificazione di genere attraverso l'adozione di specifici KPI (Key Performances Indicator - Indicatori chiave di prestazione) inerenti alle politiche di parità di genere nelle organizzazioni.

L’adozione da parte degli imprenditori e delle imprenditrici della certificazione di genere viene sostenuta anche da appositi incentivi di natura fiscale e in materia di appalti pubblici. Inoltre, sono previste, con i fondi del PNRR, misure di accompagnamento e sostegno delle imprese di medie e piccole dimensioni che intendono certificarsi.

L’ottenimento della certificazione, che ha validità pari a tre anni, oltre a rafforzare l’immagine e reputazione aziendale, consente alle organizzazioni di accedere a sgravi fiscali e premialità nella partecipazione a bandi italiani ed europei.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza