cerca CERCA
Venerdì 23 Febbraio 2024
Aggiornato: 11:12
10 ultim'ora BREAKING NEWS

L’inflazione non scende, ma Piazza Affari tiene

28 febbraio 2023 | 18.19
LETTURA: 1 minuti

(Fotogramma)
(Fotogramma)

Giornata in chiaroscuro per le Borse europee, colpite dal dato sull’inflazione a febbraio in Spagna e in Francia. A sorpresa l’indice dei prezzi al consumo cresce invece di diminuire, nonostante il gas si mantenga su valori stabilmente bassi oramai da inizio dicembre. Gli investitori temono quindi che i tassi di interesse possano essere ancora più alti del previsto a marzo e alcune previsioni parlano ora anche di un possibile 4% deciso dalla Bce tra qualche giorno.

Al Ttf di Amsterdam il prezzo del gas è stabile, attorno ai 47 euro al megawattora. Sale il petrolio, con Brent e Wti che crescono di circa il 2%. A Milano il Ftse Mib guadagna lo 0,12% e chiude a 27.478,37. In calo lo spread tra Btp e Bund tedeschi, che si muove sui 176 punti base. In netto rialzo il rendimento del titolo decennale, attorno al 4,5%. Sul listino principale di Piazza Affari bene i bancari. Intesa Sanpaolo guadagna l’1,13%, Unicredit l’1,42% e Banco Bpm l’1,00%. In rialzo anche Saipem (+2,78%), che ha comunicato i risultati finanziari preliminari del 2022, esercizio chiuso con un miglioramento del fatturato e della redditività.

In coda, invece, Stellantis (-0,47%), dopo l'annuncio di 2mila uscite incentivate in Italia quest’anno e l'investimento da 155 milioni di dollari in Argentina per un progetto per l'acquisto del 14,2% in McEwen Copper, con le forniture di rame in primo piano. Male anche Hera (-1,33%), Terna (-1,49%), Italgas (-1,64%) e Amplifon (-1,26%). (in collaborazione con Money.it )

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza