cerca CERCA
Domenica 23 Giugno 2024
Aggiornato: 16:33
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Dubbi e critiche sull'impatto reale delle misure proposte

Riordino gioco fisico: tra razionalizzazione e polemiche

Riordino gioco fisico: tra razionalizzazione e polemiche
03 aprile 2024 | 12.07
LETTURA: 1 minuti

Il Gruppo Tecnico delle Regioni e Province Autonome Sub Area Dipendenze ha presentato al Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF) un documento che prevede una stretta sulla regolamentazione dei luoghi fisici dedicati al gioco. Questa proposta intende razionalizzare la presenza di sale gioco sul territorio italiano, considerando criteri come la densità abitativa, la disponibilità di alternative al gioco, la tipologia dei punti vendita e le evidenze scientifiche.

Il documento suggerisce una "progressiva concentrazione della raccolta del gioco in ambienti sicuri e controllati" e indica una distanza minima di 500 metri dai cosiddetti luoghi sensibili, come scuole, luoghi di culto e ospedali, da misurare attraverso il percorso pedonale più breve.

Le novità proposte includono anche limitazioni orarie per l'apertura delle sale gioco e il funzionamento degli apparecchi, con potenziali fasce di chiusura nelle ore 7-9, 13-15 e 18-20, oltre a una pausa notturna dalle 24 alle 5.

Questo approccio restrittivo ha sollevato preoccupazioni per possibili conseguenze negative sulla salute pubblica, la sicurezza dei giocatori, la perdita di posti di lavoro e un calo delle entrate fiscali. Inoltre, il documento permette agli enti locali di identificare ulteriori "luoghi sensibili", creando una potenziale frammentazione normativa che potrebbe complicare l'assegnazione delle nuove concessioni per il gioco fisico.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza