cerca CERCA
Martedì 21 Maggio 2024
Aggiornato: 00:11
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, Kiev accusa Mosca: "Compra tecnologia Starlink da Paesi arabi"

Attacco russo contro la centrale elettrica di Dnipro: danni e blackout. Camera Usa non voterà legge aiuti a Kiev. Cremlino inserisce premier estone Kallas in lista ricercati

Macerie in Ucraina - (Afp)
Macerie in Ucraina - (Afp)
13 febbraio 2024 | 10.56
LETTURA: 5 minuti

Mentre proseguono gli attacchi militari della Russia in Ucraina, Mosca si muove anche a livello diplomatico inserendo la premier estone Kaja Kallas nella lista dei ricercati. Secondo le ultime news di oggi, 13 febbraio 2024, missili e droni sono stati lanciati nella notte contro la città ucraina di Dnipro colpendo una delle più importanti centrali termoelettriche del Paese, gestita dell'operatore energetico Dtek. Il Kyiv Independent, citando una nota di Dtek, riporta che la centrale è stata ''gravemente danneggiata e la stazione ha smesso di produrre elettricità''. Dopo le esplosioni le testimonianze riferiscono che in diverse zone della città l'elettricità e la fornitura d'acqua è interrotta.

Mosca sta acquistando terminali satellitari Starlink di Elon Musk di cui si serve nella guerra contro l'Ucraina "nei Paesi arabi". Lo denuncia l'intelligence di Kiev, che sul suo canale Telegram scrive: "Lo stato aggressore russo sta acquistando equipaggiamento per le comunicazioni, tra cui terminal satellitari internet Starlink, per usarlo in guerra nei Paesi arabi". Il sistema di proprietà di Elon Musk è stato finora vitale per le comunicazioni sul campo di battaglia per l'Ucraina.

Mosca ha usato per la prima volta missile ipersonico Zircon

Per la prima volta dall'inizio della guerra, la Russia ha usato un missile ipersonico Zircon in Ucraina. Lo sostiene Oleksandr Ruvin, direttore dell'Istituto di ricerca scientifica per gli esami forensi di Kiev, che sul suo canale Telegram scrive che questo è quanto emerge dall'analisi dei frammenti di un missile che ha colpito la capitale ucraina lo scorso 7 febbraio. Ruvin allega alle sue dichiarazione un video del rottame del missile esaminato, spiegando: "In questo caso, vediamo elementi che sono caratteristici del missile Zircon 3M22. Parti e frammenti del motore e dei sistemi di lancio hanno identificazioni specifiche".

Russia inserisce premier estone in lista ricercati

Il ministero dell'Interno russo ha inserito la premier estone Kaja Kallas nella lista dei ricercati. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ria Novosti, secondo cui il ministero non ha indicato l'articolo del codice penale sulla base del quale è stata inserita.

Il ministero dell'Interno di Mosca ha inserito nella lista dei ricercati anche il sottosegretario di Stato Taimar Peterkop e il ministro della Cultura della Lituania, Simonas Kairys, e deputati del Parlamento lettone. Secondo il Moscow Times, il mandato di arresto nei confronti di Kallas è stato emesso in relazione alle sue dichiarazioni a favore dello smantellamento di un monumento di epoca sovietica in particolare nella città di Narva, al confine con la Russia.

Proprio oggi i servizi di intelligence esteri estoni denunciano che la Russia si sta preparando con un confronto con l'Occidente entro i prossimi dieci anni. Il direttore, Kaupo Rosin, ha spiegato che la valutazione è basata sui piani di Mosca di raddoppiare le forze lungo il confine con la Finlandia e con i Baltici.

Mosca: "Esproprio asset è un furto"

"E' un furto" e la Russia si comporterà come si fa con i "ladri", con una "risposta dura" all'Occidente che "cerca di confiscare i beni russi per compensare gli alti costi di mantenimento del "sanguinoso conflitto ucraino e del regime di Kiev". Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, mentre per il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov così si potrebbe "davvero mandare in frantumi tutti i pilastri dell'economia globale". "Abbiamo ribadito - ha detto Peskov secondo l'agenzia russa Tass - che decisioni di espropriare proprietà altrui avranno, in un modo o nell'altro, gli effetti più gravi sull'economia globale, sulle prospettive di sviluppo economico e sul clima degli investimenti".

Parole arrivate dopo che in dichiarazioni in tv rilanciate dalla stessa Tass, la Zakharova ha parlato di "appropriazione indebita". "Vediamo metodi diversi, forse non per fare marcia indietro, ma per giocare in qualche modo in questo caso, perché hanno capito che la nostra risposta sarà dura - ha detto - Quando l'hanno capito, hanno cercato di valutare più o meno quale sarebbe stato il costo per loro".

Zakharova ha insistito su "misure di rappresaglia" che "saranno molto dure". Per la Russia, ha detto, "si tratta di un furto e l'approccio sarà quello riservato ai ladri". Tutto dopo che ieri il Consiglio dell'Ue ha adottato una decisione che chiarisce gli obblighi in capo ai depositari dei titoli della Banca centrale russa che sono stati congelati nell'Ue dopo l'avvio dell'invasione dell'Ucraina su larga scala.

Speaker Camera Usa: "Repubblicani non voteranno pacchetto aiuti"

Intanto negli Usa, lo speaker della Camera Mike Johnson ha annunciato che i repubblicani non voteranno il pacchetto di aiuti all'estero predisposto dal Senato e che, in particolare, consente un ulteriore sostegno finanziario all'Ucraina. E questo perché, ha spiegato in una nota condivisa su 'X', ''la sicurezza nazionale inizia ai nostri confini'', mentre ''il disegno di legge sugli aiuti del Senato tace sulla questione più urgente che il nostro Paese deve affrontare'', ha spiegato. E siccome ''l'America merita di meglio di quanto previsto dal Senato'', Johnson ha affermato che ''la Camera dovrà continuare a lavorare secondo la propria volontà su questioni importanti'', come ha ''lavorato dieci mesi per fare passare una politica di cambiamento con il Secure Out Border Act".

Sì del Senato Usa a fondi per Kiev

Dopo una notte intera di ostruzionismo da parte dei senatori più conservatori, e trumpiani, il Senato Usa ha approvato, con 70 voti favorevoli e 29 contrari, con un voto all'alba, il pacchetto da 95 miliardi di dollari, che comprende i 60 miliardi per l'Ucraina, insieme ai fondi per Israele e per Taiwan. Un folto drappello di repubblicani, guidati dal leader della minoranza Mitch McConnell, hanno quindi votato a favore dei fondi, sfidando così Donald Trump che chiedeva che venisse affondata la legge, volendo che gli aiuti fossero considerati "prestiti non regali".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza