cerca CERCA
Mercoledì 12 Giugno 2024
Aggiornato: 16:06
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, ancora attacchi su Zaporizhzhia. Droni Kiev colpiscono centro addestramento russo

Lavrov: "Collaboriamo con Aiea per far luce su attacco alla centrale". Kiev abbatte 20 droni lanciati da Mosca

Ucraina, ancora attacchi su Zaporizhzhia. Droni Kiev colpiscono centro addestramento russo
09 aprile 2024 | 10.24
LETTURA: 5 minuti

L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) ha riferito su 'X' di essere stata informata di un nuovo attacco con droni avvenuto oggi al centro di addestramento di Zaporizhzhia adiacente alla centrale nucleare nel sud dell'Ucraina. Questa volta, spiega l'Aiea, ''non c'è nessuna minaccia diretta alla sicurezza nucleare, ma l'ultimo incidente evidenzia ancora una volta una situazione estremamente grave''.

Dalla centrale di Zaporizhzhia non ci sarebbero fughe di radioattività, assicura intanto Mario Scaramella, consulente dell'Agenzia per la gestione delle emergenze nazionali a Kiev, spiegando che ''l'attacco contro la centrale controllata dalle forze russe e gestita da una squadra di operai dopo l’esclusione di tutti i tecnici ucraini per fortuna non ha determinato perdite dal reattore che pure è stato colpito tre volte''. A essere colpito è stato ''il reattore n. 4, stabile'' che ''non produce energia, ma è vicino ad un altro generatore che è in uno stato attivo e necessita di energia per mantenersi in equilibrio''. Vero è che ''l'involucro dell'impianto è stato danneggiato, ma a noi non risultano effetti radiologici dell’incidente'', spiega Scaramella.

Il consulente è convinto che ''l'Ucraina non c’entra nulla e probabilmente si tratta di un errore dei russi o addirittura di una provocazione''. Riporta poi che ''tecnici della Aiea hanno visto i russi sparare su un drone che poi è caduto sui reattori, ma di chi fosse il drone non si sa''.

Da parte sua l'Aeronautica militare di Kiev ha dichiarato di aver abbattuto nella notte venti droni lanciati dalle forze armate russe contro il territorio ucraino. Come riporta il Kiev Independent, le unità di difesa aerea ucraine hanno distrutto tutti i 20 droni di tipo Shahed, di fabbricazione iraniana, lanciati dalla Russia durante la notte. In particolare, spiega il giornale, i droni sono stati lanciati dalla città portuale russa di Primorsko-Akhtarsk, situata sulla costa del Mar d'Azov, e da Capo Chauda in Crimea.

Zelensky: mondo non resti indifferente di fronte attacchi a Kharkiv'

"Kharkiv ha bisogno di protezione affidabile e il mondo non deve restare indifferente". Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha insistito ancora una volta sulla necessità di protezione della regione di Kharkiv, epicentro degli ultimi massicci attacchi dell'esercito russo. "Contro il costante terrore russo c'è una soluzione: sono necessari sistemi di difesa aerea e missilistica", ha aggiunto Zelensky in un video pubblicato sul suo account Facebook, il giorno dopo aver affermato che la sicurezza di questa regione è la "massima priorità". Zelensky ha assicurato che "il mondo non ha il diritto di rimanere indifferente in un momento in cui la Russia sta deliberatamente distruggendo Kharkiv e uccidendo persone nelle loro case giorno dopo giorno. L'Ucraina ha bisogno di una maggiore protezione dei suoi cieli", ha sottolineato il presidente ucraino, rinnovando le richieste di armi ai partner occidentali.

Lavrov: "Collaboriamo con Aiea per far luce su attacco a Zaporizhzhia"

La Russia collaborerà con l'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, perché venga fatta luce sull'attacco sferrato ieri contro la centrale nucleare di Zaporizhzhia nel sud dell'Ucraina. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, ribadendo che Kiev è responsabile dell'attacco, ma il direttore generale dell'Aiea Rafael Mariano Grossi non ha indicato colpevoli. ''Porteremo la questione in una riunione speciale del comitato esecutivo dell'Aiea, in una riunione speciale del Consiglio di Sicurezza dell'Onu e lì insisteremo sulla necessità di ricevere valutazioni dirette, senza alcuna prevaricazione, della azioni del regime ucraino'', ha detto Lavrov in una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi..

Lavrov ha poi affermato che "le sanzioni unilaterali sono azioni intimidatorie che tutte le nazioni dovrebbero combattere collettivamente". I due ministri, hanno spiegato, hanno inoltre concordato di avviare ''colloqui sulla sicurezza eurasiatica, concentrandosi sull'affrontare le questioni legate alle sanzioni all'interno dei Brics e dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai''.

Kiev: circa 450mila i soldati russi morti da inizio invasione

Sarebbero quasi 450mila i militari russi uccisi in combattimento dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina. A riportarlo sono le forze armate di Kiev. "Le perdite totali in combattimento" della Russia ammontano a "circa 449.250", compresi 850 soldati uccisi negli scontri dell'ultimo giorno nell'est del paese, ha annunciato lo Stato Maggiore dell'esercito ucraino in un comunicato pubblicato sul proprio account Facebook.

Droni ucraini attaccano centro addestramento russo

Droni ucraini hanno colpito un centro di addestramento aeronautico nella regione occidentale russa di Voronezh. "I droni ucraini hanno attaccato il centro di addestramento aeronautico di Borisoglebsk, nella regione di Voronezh", ha riferito una fonte militare all'agenzia di stampa ucraina Ukrinform.

Mosca, una donna e un bambino uccisi in raid Kiev su Bryansk

Una donna e un bambino hanno perso la vita e altre tre persone sono rimaste ferite a causa di un attacco ucraino contro il villaggio di Klimovov nella regione russa di Bryansk. Lo riferisce il governatore regionale Alexandr Bogomaz citato dalla Ria Novosti. Il raid ha provocato l'incendio di una casa e danni a diverse auto.

Le truppe russe in Ucraina continuano a ottenere i terminali Starlink attraverso catene di approvvigionamento e intermediari sul mercato nero. Lo scrive il Wall Street Journal. A febbraio il capo dell’intelligence militare ucraina Kyrylo Budanov aveva dichiarato al giornale americano che le forze russe stavano utilizzando migliaia di terminali Starlink in Ucraina.

Elon Musk, che gestisce Starlink, ha negato di aver venduto unità Starlink alla Russia e ha affermato che i suoi terminali non si collegheranno ad alcun dispositivo russo. A sua volta, Mosca non consente ufficialmente l’uso di Starlink sul suo territorio, temendo che ciò possa compromettere il suo stretto controllo sullo spazio informativo.

Secondo il Wall Street Journal , gli intermediari russi acquistano l'hardware Starlink su piattaforme di vendita online, tra cui eBay, negli Stati Uniti o sul mercato nero in Asia centrale, Dubai o nel sud-est asiatico, per poi contrabbandarlo in Russia. I terminali vengono successivamente consegnati alle truppe russe che combattono in Ucraina, che li utilizzano per le comunicazioni e il controllo dei droni.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza