cerca CERCA
Martedì 27 Febbraio 2024
Aggiornato: 15:17
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Migranti, Viminale risponde a Consiglio d'Europa: "Decreto per prevenire abusi norme"

02 febbraio 2023 | 13.47
LETTURA: 4 minuti

"Porti al nord per alleggerire Lampedusa, Sicilia e Calabria"

(Afp)
(Afp)

Il decreto legge 1/2023 sui salvataggi in mare ha l'obiettivo di "prevenire possibili abusi della normativa di settore, riferita a salvataggi operati occasionalmente e non, invece, ad attività di intercetto e recupero sistematico e non occasionale di migranti in partenza dalle coste africane". Lo scrive il ministero dell'Interno, in una lettera di risposta al commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa che ha invitato il governo a prendere in considerazione il ritiro o la revisione del decreto legge 1/2023.

Per il Viminale, "le nuove disposizioni non impediscono alle Ong di effettuare interventi multipli in mare, né, meno che mai, le obbligano a ignorare eventuali ulteriori richieste di soccorso nell'area, qualora già abbiano preso a bordo delle persone. Tali interventi sono, infatti, legittimi se effettuati in conformità alle regole di condotta enucleate dal legislatore e alle indicazioni del competente centro di coordinamento del soccorso marittimo. Ciò che la nuova norma intende evitare è, piuttosto, la sistematica attività di recupero dei migranti nelle acque antistanti le coste libiche o tunisine, al fine di condurli esclusivamente in Italia, senza alcuna forma di coordinamento".

"Tale modus operandi, diffuso tra le Ong - continua il ministero - si pone al di fuori delle fattispecie previste dalle Convenzioni internazionali in materia di soccorso in mare; inoltre, ingenerando nei trafficanti di esseri umani l'aspettativa di un sicuro e immediato intervento appena al largo delle aree di partenza, ha finito con il determinare, a prescindere dalle intenzioni delle Ong, una modulazione del modello criminale che precede l'impiego di imbarcazioni inadeguate alla navigazione in alto mare che, se per un verso garantiscono maggiori guadagni alle organizzazioni criminali, per altro verso, innalzano sensibilmente l'esposizione a rischio dei migranti".

"La tutela della vita e della dignità umana e la salvaguardia dei diritti fondamentali dei rifugiati e dei richiedenti la protezione internazionale sono per il nostro Paese una priorità assoluta" è scritto nella lettera inviata dal rappresentante permanente d'Italia presso il Consiglio d'Europa, Michele Giacomelli, a nome del Viminale.

"Tuttavia, non può essere elusa la potestà delle autorità governative competenti in materia di ricerca e soccorso in mare, né possono eludersi le norme in tema di controllo delle frontiere e di immigrazione - prosegue il Viminale nella missiva inviata ieri - Al contemperamento di tali esigenze risponde il decreto legge 1/2023, in corso di conversione in questi giorni".

L'assegnazione alle navi delle ong di porti sicuri di sbarco nell'Italia centrale e settentrionale trova "fondamento nell'imprescindibile necessità di operare una più equa redistribuzione tra le regioni, non tanto dei migranti, abitualmente trasferiti presso strutture di accoglienza dislocate sull'intero territorio nazionale, quanto degli oneri organizzativi e logistici correlati alla gestione degli sbarchi" precisa il Viminale.

"L'obiettivo perseguito - prosegue la lettera - è, in altri termini, quello di alleggerire le strutture di primissima accoglienza, prima tra tutte l'hotspot di Lampedusa, e gli incombenti che gravano sugli organismi e corpi preposti alla gestione degli arrivi di migranti nelle regioni del sud Italia e, in particolare, in Sicilia e Calabria, sottoposte da mesi alla crescente pressione dei cosiddetti 'sbarchi autonomi'". Giacomelli sottolinea poi come "le navi cui è stato assegnato un Pos in località più lontane sono assetti di grandi dimensioni, come tali idonei ad affrontare in sicurezza lunghe traversate, e che l'assegnazione del Pos presuppone sempre un preliminare confronto con organi tecnici al fine di verificare l'assenza di possibili situazioni di rischio per l'incolumità delle persone a bordo".

E "privo di fondamento" è "il timore che il richiamo contenuto nella nuova norma alla necessità che le navi private che effettuano attività di recupero di persone in mare siano 'in possesso dei requisiti di idoneità tecnico-nautica', possa determinare, per la sua genericità, la sottoposizione delle stesse navi a lunghi e ripetuti controlli, tali da allontanarle per significativi periodi dall'attività di ricerca e soccorso" si legge in un passaggio della lettera.

A testimonianza dell'infondatezza delle preoccupazioni c'è il fatto che "i recenti controlli svolti dalle competenti autorità, in conformità alle nuove disposizioni - spiega Giacomelli - non hanno comportato alcuna lungaggine o ritardo, consentendo ai natanti la pronta ripresa della navigazione".

Inoltre, "appaiono destituite di fondamento" le notizie stampa su "una presunta pratica di riammissione verso la Grecia, a bordo di navi private, di persone cui sarebbe stato impedito di presentare domanda di asilo in Italia", si legge nella lettera. A riprova della tesi infondata per il ministero dell'Interno c'è "l'esiguità del numero dei riammessi in Grecia (76 nel 2020, 160 nel 2021, 91 nel 2022 e 3 alla data del 15 gennaio 2023), a fronte delle migliaia di passeggeri provenienti da quel Paese che sbarcano in Italia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza