cerca CERCA
Mercoledì 24 Aprile 2024
Aggiornato: 11:01
10 ultim'ora BREAKING NEWS

New York manifesta in difesa di Julian Assange, al presidio davanti al Consolato britannico folla di cittadini e vip come Susan Sarandon

21 febbraio 2024 | 14.43
LETTURA: 2 minuti

L'attrice e produttrice prende la parola per sostenere la libertà di stampa e il diritto alla verità

Anche l'attrice Susan Sarandon  a New York manifesta in difesa di Assange.
Anche l'attrice Susan Sarandon a New York manifesta in difesa di Assange.

Da ieri i sostenitori di Julian Assange si sono riuniti fuori dal consolato britannico di New York, situato all’885 della Second Avenue e 47th Street, a Manhattan. Il presidio è organizzata da vari gruppi, tra cui NYC Free Assange, Assange Defense e CODEPINK. Ne dà notizia l'agenzia Internazionale Pressenza. La manifestazione mira ad attirare l’attenzione sulla battaglia legale del giornalista australiano che si sta svolgendo sull'altra sponda dell'Atlantico, a Londra.

Una folla eterogenea che mostra solidarietà ad Assange, tra striscioni, canti e discorsi; i manifestanti chiedono giustizia per il fondatore di WikiLeaks e in mezzo alle persone riunite a Manhattan prende la parola anche l'attrice e produttrice cinematografica Susan Sarandon, che ha sempre unito l'impegno civile e politico alla sua professione. Parla della necessità di difendere la libertà di stampa e del diritto dei cittadini a conoscere l'operato dei governi.

Per il prigioniero di Belmarsh si sta radunando un movimento globale: da New York a Londra e all'Australia, crescono sempre più le voci che si oppongono a quello che in moltissimi ormai percepiscono come un attacco alle libertà fondamentali e al diritto del pubblico di conoscere la verità.

L'udienza all’Alta Corte del Regno Unito britannico si conclude oggi: rappresenta un momento cruciale nella lotta del cofondatore di WikiLeaks contro l’estradizione negli Stati Uniti, dove dovrà affrontare accuse per 18 capi d'imputazione, che comportano una potenziale condanna fino a 175 anni di carcere. Gli oratori newyorkesi hanno sottolineato l’importanza critica di questo momento, evidenziando i contributi di Assange al giornalismo e le implicazioni più ampie del suo caso rispetto alla libertà dell'informazione e alla responsabilità dei governi in tutto il mondo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza