cerca CERCA
Lunedì 20 Maggio 2024
Aggiornato: 11:34
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Terremoto Marocco, oltre 2.000 morti: sisma magnitudo 7 a Marrakech

L'epicentro è stato localizzato a una profondità di 18,5 chilometri. Farnesina: "Nostri connazionali stanno tutti bene". Meloni dal G20: "Pieno sostegno Italia"

Militari marocchini trasportano il corpo di una vittima del terremoto che ha ucciso almeno 2.000 persone nel Paese - Afp
Militari marocchini trasportano il corpo di una vittima del terremoto che ha ucciso almeno 2.000 persone nel Paese - Afp
09 settembre 2023 | 07.12
LETTURA: 4 minuti

Il terremoto di magnitudo 7 in Marocco ha provocato oltre 2.000 morti e 2.059 feriti, 1.404 dei quali versano in condizioni critiche. A tracciare un bilancio provvisorio è la tv 2M, che cita i dati del ministero dell'Interno marocchino.

Il sisma, ha riferito l'Us Geological survey, ha avuto luogo alle 23.11 locali di venerdì 8 settembre ed è stato di magnitudo 6.8 della scala Richter. L'epicentro è stato localizzato 70 chilometri a sudovest di Marrakesh, ad una profondità di 18.5 chilometri. Secondo il Centro nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (Cnrst) di Rabat la magnitudo è stata di grado 7 sulla scala Richter.

A seguire, il Centro Sismologico Euro-mediterraneo ha localizzato altri 10 eventi, il più forte ha avuto magnitudo 4.8. Si tratta del terremoto più grave che abbia mai colpito il paese, secondo i media.

La scossa si è sentita con particolare intensità a Marrakesh, Agadir, Rabat e Casablanca. L'emittente televisiva statale Al Aoula, riferisce che le squadre di soccorso hanno difficoltà a raggiungere le aree più colpite a causa dei danni e dei blocchi presenti lungo le strade.

Danneggiata anche parte delle storiche mura della città di Marrakesh. Erette intorno al 1120, per difendere la città dagli attacchi delle tribù berbere del sud, le mura sono lunghe 10 chilometri e contano 18 porte.

La violenta scossa di terremoto è stata avvertita anche nel sud della Spagna e in Portogallo. Il call center di emergenza nella regione spagnola dell'Andalusia ha ricevuto più di 20 chiamate da cittadini preoccupati nelle aree intorno a Huelva, Siviglia, Jaén, Málaga, Marbella e Córdoba poco dopo mezzanotte, ha detto l'organizzazione in un post sui social media. Secondo l’agenzia di stampa statale portoghese Lusa, le autorità del sud del Portogallo hanno segnalato chiamate analoghe, anche nelle città di Faro, Lisbona e Setúbal. "Siamo tutti devastati dal terribile terremoto in Marocco. La Francia è pronta ad aiutare nei soccorsi", ha scritto il presidente francese Emmanuel Macron.

Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, oggi a Nuova Delhi per il vertice G20, ha appreso "con dolore il tragico bilancio del devastante terremoto che ha colpito il Marocco". Meloni, fa sapere una nota di Palazzo Chigi, "ha espresso vicinanza e solidarietà al Primo Ministro Aziz Akhannouch, ai familiari delle vittime e al popolo marocchino, manifestando la piena disponibilità dell’Italia a sostenere il Marocco in questa emergenza".

Gli fa eco il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani. "Sono vicino al Marocco per il tragico terremoto che ha seminato morte e distruzione. L'Italia è pronta ad aiutare, anche per le fasi di soccorso, le autorità marocchine in questi momenti difficili. Una preghiera per le vittime e i loro familiari", il messaggio postato su X.

Sono 400 gli italiani attualmente in Marocco e "stanno tutti bene". Lo ha reso noto il capo dell'Unità di crisi della Farnesina Nicola Minasi parlando a Rainews24. Oltre ai primi 200 italiani che erano già stati segnalati e contattati, ha spiegato il diplomatico, ce ne sono altri 200 che partecipavano a una convention aziendale. "Siamo in contatto con tutti", ha assicurato Minasi.

"L'ambasciata italiana ha allestito un desk all'aeroporto di Marrakech per assistere gli italiani, dopo il devastante terremoto che ha colpito il Paese. Tutti i voli sono pieni, dopo lo spavento i turisti vogliono partire - ha spiegato l'ambasciatore italiano in Marocco, Armando Barucco, parlando a Rainews24 - suggeriamo a chi ha già un biglietto da Marrakesh di andare all'aeroporto dove noi abbiamo organizzato un desk. Per chi non ha ancora un biglietto, prima di tutto ne cerchi uno, ma non necessariamente da Marrakesh".

L'Ue è pronta ad aiutare il Marocco, ha scritto su X da Nuova Delhi, dove si trova per il G20, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. "I miei pensieri sono con tutti quelli colpiti da questa tragedia e con i soccorritori coinvolti nelle operazioni di ricerca", ha detto Michel, definendo "terribili" le notizie sul sisma. "L'Ue è pronta a sostenere il Marocco in questi momenti difficili", ha assicurato.

"Estremamente addolorato per la perdita di vite umane a causa del terremoto in Marocco. In quest’ora tragica, i miei pensieri vanno al popolo marocchino" , ha scritto su X il premier indiano Narendra Modi. "L’India - ha assicurato - è pronta a offrire tutta l’assistenza possibile al Marocco in questo momento difficile".

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza