cerca CERCA
Giovedì 23 Maggio 2024
Aggiornato: 07:46
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Turchia, salvato lo speleologo Usa bloccato in una grotta

Mark Dickey era rimasto bloccato a circa 1.000 metri di profondità dopo un malore accusato il 2 settembre

Ambulanza turca - (Xinhua)
Ambulanza turca - (Xinhua)
12 settembre 2023 | 13.46
LETTURA: 3 minuti

Si è concluso con successo il recupero di Mark Dickey, lo speleologo statunitense rimasto bloccato a circa 1.000 metri di profondità nella grotta Morca, in provincia di Mersin, in Turchia. L’uomo, che ha accusato un malore sabato 2 settembre mentre era in esplorazione all’interno della grotta senza poter proseguire autonomamente, è stato tratto in salvo ieri sera alle ore 23:35 italiane.

Le operazioni di soccorso sono state particolarmente lunghe e complesse sia a causa della morfologia della grotta, sia delle condizioni fisiche dell’infortunato, che hanno richiesto tempo per essere stabilizzate e permetterne quindi la movimentazione verso la superficie. Durante il trasporto sono state effettuate lunghe soste, necessarie per la valutazione dei parametri sanitari dell’uomo e per la somministrazione delle terapie, costantemente assistito da un medico e un infermiere. Dickey faceva parte di un team internazionale di speleologi che erano impegnati in una spedizione all’interno della grotta. L’allarme è scattato domenica 3 settembre, quando alcuni suoi compagni hanno allertato i soccorsi coinvolgendo le autorità turche e internazionali. Sul posto, oltre ai soccorritori turchi, sono arrivati in prima battuta squadre di soccorso speleologico provenienti dalla Bulgaria, dalla Polonia e dall’Ungheria, che hanno raggiunto lo speleologo statunitense, fornendogli le prime cure mediche.

Il Corpo nazionale Soccorso alpino e Speleologico (Cnsas) ha inviato una prima squadra composta da otto tecnici (tra cui 1 medico e 1 infermiere), che sono arrivati nella zona delle operazioni mercoledì 6 settembre. Questa prima squadra aveva l’incarico di collaborare nell’assistenza sanitaria e valutare le condizioni della grotta per pianificare al meglio le operazioni di recupero. Nella stessa giornata una ulteriore squadra composta da 5 tecnici del Cnsas, a bordo di due furgoni contenenti materiale tecnico e logistico, si è imbarcata dal porto di Brindisi alla volta della Grecia per poi proseguire verso la Turchia.

Giovedì 7 settembre, poi, un volo dell'Aeronautica militare, decollato da Pratica di Mare, ha trasportato in Turchia un totale di 33 tecnici esperti nella progressione e soccorso in grotte profonde, che sono stati poi elitrasportati da elicotteri del Governo turco nei pressi dell’ingresso della grotta dove è stato allestito il campo base (VIDEO). In Turchia sono stati dunque presenti 46 operatori del Cnsas, tra cui 2 medici e due infermieri. Nella giornata di venerdì 8 settembre, i nostri sanitari hanno raggiunto l’infortunato (a 1040 metri di profondità), che già era assistito da medici ungheresi che gli avevano prestato le prime cure. L’uomo si trovava al campo allestito per proteggerlo dal freddo e poter effettuare i trattamenti sanitari per stabilizzarlo e rendere possibile la sua mobilizzazione e quindi il trasporto.

LE OPERAZIONI DI RECUPERO

Le operazioni di recupero sono iniziate nella giornata di sabato 9 settembre, quando le condizioni sanitarie dello speleologo hanno consentito il suo posizionamento sulla barella e la sua movimentazione. La strategia di recupero ha previsto diverse soste nei campi interni allestiti a diverse profondità per consentire la valutazione clinica dell’infortunato e la somministrazione delle terapie. La prima sosta è stata effettuata a circa 700 metri di profondità, la seconda a circa -500 e un’altra ancora a circa-250. Le squadre di soccorso italiane hanno recuperato la barella da -680 fino a circa -480 e da -300 a -150 metri dall’uscita, dove è stata poi presa in consegna dalle ultime squadre che l’hanno portata all’esterno, fino alla tenda sanitaria installata al campo base.

Le operazioni di soccorso hanno impegnato complessivamente oltre 100 soccorritori, provenienti da circa 10 Paesi e per il recupero da -1000 sono state necessarie 60 ore. Marc Dickey è rimasto in grotta per circa 500 ore. I soccorritori italiani coinvolti sono stati 46. La complessa operazione è stata coordinata dall'Afad, l'ente turco di Protezione Civile, supportata dall’European Cave Rescue Association. Le operazioni di soccorso sono state costantemente seguite in Italia dal Dipartimento di Protezione Civile e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza