cerca CERCA
Mercoledì 17 Aprile 2024
Aggiornato: 20:23
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Ucraina, missili su Kryvyi Rih: 5 morti tra cui una bambina - Video

31 luglio 2023 | 07.32
LETTURA: 7 minuti

Zelensky: "Questo terrore non ci spaventerà". Podolyak: "Realtà quotidiana da genocidio". Drone Kiev contro edificio polizia Bryansk in Russia

(Afp)
(Afp)

Continua ad aggravarsi il bilancio dell'attacco missilistico condotto sulla città di Kryvyi Rih, nel sud dell'Ucraina, dov'è nato il presidente Volodymyr Zelensky. Secondo l'ultimo bilancio fornito dal ministero della Difesa di Kiev sono cinque le persone ad aver perso la vita, tra cui una bambina di dieci anni insieme alla madre, mentre 53 persone sono rimaste ferite.

I servizi di emergenza ucraini sono impegnati a scavare tra le macerie dei palazzi colpiti per cercare eventuali sopravvissuti. Tre persone sono state tratte in salvo, ''tra cui un bambino nato nel 2013'', hanno affermato i soccorritori. "Un totale di 230 persone e 57 veicoli sono coinvolti nelle operazioni di ricerca e soccorso, tra cui 85 soccorritori e 22 veicoli del Servizio di emergenza statale", si legge in una nota.

E' una ''realtà quotidiana da genocidio'' quella che stanno vivendo le persone in Ucraina e l'ultimo attacco missilistico russo di oggi ne è una dimostrazione, ha scritto su Twitter consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak. ''Il diritto internazionale non funzionerà mai se l'aggressore non vede dietro di lui un vero potere. Il potere inizia con la chiusura dei cieli ucraini con sistemi di difesa missilistica e di difesa aerea'', ha aggiunto Podolyak.

''Questo terrore non ci spaventerà, né ci spezzerà. Stiamo lavorando e salvando la nostra gente'', ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che ha pubblicato un video sui suoi canali di social media dalla scena dell'attacco. "Lunedì mattina. Le regioni dell'Ucraina vengono bombardate dagli occupanti, che continuano a terrorizzare città e persone pacifiche. Kryvyi Rih. Kherson. Sono stati colpiti edifici residenziali, un edificio universitario, un incrocio stradale. Purtroppo ci sono morti e feriti. Potrebbero esserci persone sotto le macerie. Le mie condoglianze a tutti coloro che hanno perso i propri cari a causa del terrore russo". Zelensky aggiunge che ''i soccorritori e tutti i servizi necessari sono in campo e stanno lavorando. Stiamo cercando di salvare quante più persone possibile. Negli ultimi giorni, il nemico ha attaccato ostinatamente città, centri urbani, bombardando oggetti civili e abitazioni''.

Nella notte un attacco russo ha colpito anche Kharkiv, nell'Ucraina orientale. Secondo quanto riporta Ukrinform, un missile russo ha colpito un magazzino e una persona è rimasta ferita. "Alle 24:00, gli occupanti russi hanno lanciato missili S-300 contro la nostra regione dal territorio della regione di Belgorod", ha detto Dmytro Chubenko, portavoce dell'ufficio del procuratore regionale di Kharkiv, aggiungendo che il deposito colpito si trova nel distretto di Novobavarskyi. Un incendio è divampato su un'area di 200 mq e un uomo, che si trovava nei pressi dell'epicentro dell'esplosione, è rimasto ferito.

Ma l'allarme antiaereo è scattato in tutto il Paese, compresa la capitale Kiev. "Nell'ultimo giorno, il nemico ha lanciato quattro attacchi missilistici, 42 attacchi aerei e 76 razzi Mlrs contro le posizioni delle nostre truppe e gli insediamenti popolati. A seguito degli attacchi terroristici russi, purtroppo, i civili sono stati uccisi e feriti, gli edifici residenziali sono stati distrutti", afferma il rapporto dello Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina pubblicato su Facebook.

RUSSIA, ATTACCHI INTENSIFICATI IN RISPOSTA AD AZIONI KIEV

Le forze russe hanno intensificato gli attacchi contro l'Ucraina, in risposta alle azioni di Kiev sul territorio russo. Lo ha reso noto il ministro della Difesa di Mosca, Sergei Shoigu. "Tenendo conto della situazione attuale, sono state prese ulteriori misure per aumentare la protezione contro gli attacchi aerei e marittimi... Sullo sfondo del fallimento della cosiddetta controffensiva, il regime di Kiev, con il sostegno degli sponsor occidentali, si è concentrato sulla realizzazione di attacchi terroristici contro infrastrutture civili nelle città e nei paesi della Federazione Russa", ha affermato il ministro. In risposta, ha detto Shoigu, "l'intensità dei nostri attacchi contro le strutture militari ucraine, comprese quelle che compiono questi atti di terrorismo, è aumentata in modo notevole".

KIEV: RIPRESI 15 KMQ DI TERRITORIO LA SCORSA SETTIMANA

Nel corso della controffensiva della scorsa settimana, le forze armate ucraine sono riuscite a riconquistare quasi 15 chilometri quadrati di territorio già occupato dalle truppe russe lungo la linea del fronte meridionale. Lo ha riferito il vice ministro della Difesa ucraino Hanna Maliar. Nella regione ucraina orientale di Donetsk, i soldati ucraini hanno riconquistato altri 2 chilometri quadrati vicino alla città di Bakhmut controllata dai russi. In totale, sono stati riconquistati più di 240 chilometri quadrati dall'inizio, circa otto settimane fa, della controffensiva ucraina. La Russia continua a controllare più di 100.000 chilometri quadrati di territorio ucraino, compresa la penisola di Crimea sul Mar Nero, che la Russia ha annesso nel 2014.

DRONE KIEV CONTRO EDIFICIO POLIZIA IN RUSSIA

Un drone ucraino ha attaccato un edificio della polizia, questa mattina a Bryansk, in Russia. Il veicolo aereo senza pilota (Uav) delle forze armate di Kiev ha colpito l'edificio della direzione degli affari interni nel distretto di Trubchevsky nella regione di Bryansk, senza provocare feriti. Lo ha reso noto su Telegram il governatore della regione Alexander Bogomaz. "Di notte, le forze armate ucraine hanno attaccato il distretto di Trubchevsky - ha scritto il governatore regionale - L'Uav è stato sganciato sull'edificio del dipartimento di polizia distrettuale. Non ci sono state vittime. Ci sono stati danni al tetto e alle finestre".

I servizi speciali ucraini stanno conducendo numerosi attacchi di droni in diverse regioni della Federazione russa, sotto la supervisione dell'Occidente, accusa il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev: "Gli Stati Uniti e i loro satelliti, rendendosi conto che è impossibile sconfiggere la Russia solo con azioni militari, hanno iniziato a usare attivamente metodi terroristici". Secondo Patrushev, che si trova in visita in Carelia, al confine con la Finlandia, "sotto il coordinamento dei padrini occidentali, i servizi speciali ucraini effettuano numerosi attacchi via aria e via mare contro Mosca, la Crimea e altre regioni del paese".

POLONIA SCHIERA CECCHINI AL CONFINE CON LA BIELORUSSIA

La Polonia ha schierato cecchini al confine con la Bielorussia. Lo ha riferito su Twitter il comando generale delle forze armate del paese, pubblicando diverse foto dei militari con armi da cecchino sullo sfondo di una recinzione al confine polacco-bielorusso. Stanislav Zharin, sottosegretario della presidenza del Consiglio, ha osservato che il confine con la Bielorussia, dove "stranieri aggressivi" attaccano le pattuglie locali, "è molto pericoloso". L'allarme a Varsavia è alto da giorni, dopo la denuncia che mercenari della Wagner in Bielorussia sono stati dispiegati al confine con la Polonia.

WAGNER SOSPENDE RECLUTAMENTO

Il gruppo Wagner ha sospeso "a tempo indeterminato" il reclutamento di nuovi membri in quanto possiede "riserve di personale sufficientemente ampie". Lo ha dichiarato su Telegram il servizio stampa della milizia mercenaria, precisando che, "a causa della presenza di grandi riserve di personale nella compagnia militare privata Wagner, al momento non è necessario reclutare nuovi membri. Il lavoro dei centri di reclutamento regionali della Wagner è sospeso a tempo indeterminato".

Il gruppo Wagner non ha specificato se questa decisione si estende all'assunzione di nuovi membri in Bielorussia, dove attualmente ha sede un numero significativo di milizie. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko avrebbe aiutato a mediare un accordo per il trasferimento in Bielorussia del fondatore di Wagner Yevgeny Prigozhin e delle sue truppe dopo che la loro "ribellione" armata alla fine di giugno si era fermata prima di raggiungere Mosca.

Il gruppo aveva annunciato il 2 luglio di aver sospeso il reclutamento di nuovi membri in Russia per un mese. Il ministero della Difesa russo ha dichiarato in seguito di aver confiscato migliaia di pezzi di equipaggiamento militare a Wagner, inclusi carri armati, veicoli blindati e altro materiale pesante. Minsk ha successivamente confermato che i combattenti Wagner sono presenti in Bielorussia per fornire supporto all'addestramento all'esercito bielorusso.

Leggi anche
Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza